Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

I polsini del silicone catturano le dimensioni dell'esposizione chimica fra i bambini uruguaiani

Milioni di bambini non riescono a raggiungere il loro mondiale potenziale inerente allo sviluppo, in parte dovuto le più alte tariffe dell'esposizione agli agenti inquinanti dell'eredità e della corrente.

I ricercatori che studiano le esposizioni chimiche fra i bambini nell'Uruguay si sono girati verso un'unità improbabile della raccolta di dati come componente di uno studio recente: polsini del silicone.

Questi polsini -- il genere molto persone in tutto il mondo di usura per mostrare il loro contributo ad una causa o ad un'organizzazione -- sia estremamente efficace nella cattura di tipi determinati di prodotti chimici nocivi e sono facili affinchè i bambini durino.

I ricercatori dall'università alla Buffalo e dall'università cattolica di Uruguay hanno usato i polsini per esaminare le dimensioni dell'esposizione chimica in un piccolo gruppo di bambini a Montevideo, Uruguay. I 6 - ai bambini di 8 anni ha indossato le bande per i sette giorni. Dopo avere analizzato i polsini, i ricercatori hanno trovato una media di 13 agenti inquinanti in ciascuno raccolta. Alcuni dei polsini hanno mostrato l'esposizione a DDT, un antiparassitario nocivo che è stato vietato per uso in molti paesi, compreso gli Stati Uniti, dagli anni 70.

Lo studio, pubblicato recentemente nella scienza del giornale dell'ambiente totale, è il primo per applicare i polsini del silicone all'esposizione dei bambini della misura ai prodotti chimici in un paese fuori degli Stati Uniti. Gli studi sono stati intrapresi come componente di un progetto di ricerca in corso a Montevideo piombo da Katarzyna “Kasia„ Kordas, il PhD, l'autore senior del documento. Kordas è un professore associato dell'epidemiologia e della salute ambientale a scuola di UB della salute pubblica e delle professioni sanitarie e del co-direttore della Comunità di UB per azione ordinaria globale di salubrità.

I UB RINNOVANO (ricerca e formazione in energia, ambiente ed acqua) l'istituto hanno fornito il finanziamento per lo studio.

“Uno dei risultati chiave da questa ricerca è che ancora osserviamo industriale e prodotti chimici agricoli che sono stati vietati da produzione per anni e perfino le decadi,„ ha detto Steven C. Travis, il primo autore dello studio, che è uno studente di PhD nel dipartimento di chimica nell'istituto universitario di UB delle arti e delle scienze.

“Potevamo egualmente trovare le differenze specifiche fra le esposizioni chimiche dei bambini nel nostro studio confrontato ai bambini negli Stati Uniti ed identifichiamo le ragioni potenziali per le differenze nell'esposizione,„ Travis aggiunto, di cui il Consigliere principale di PhD, Diana Aga, professore di Henry Woodburn di chimica nell'istituto universitario di UB delle arti e delle scienze, è un co-author di carta.

I polsini del silicone si sono trasformati in negli ultimi anni in un metodo popolare per misurare le esposizioni personali ai prodotti chimici organici perché sono facili da indossare e sono un metodo di campionamento non invadente. Egualmente hanno una maggior capacità di tenere i prodotti chimici semi-volatili e possono catturare i prodotti chimici per un periodo più lungo. Più di 1.500 prodotti chimici sono stati campionati facendo uso dei polsini del silicone, Travis ha detto.

I ricercatori hanno analizzato i polsini in questo studio per 45 prodotti chimici fra da cinque gruppi: i difenili policlorati (PCBs), antiparassitari, hanno trattato gli eteri difenilici (PBDEs), i ritardatori a base d'organofosforo della fiamma (OPFRs) ed i prodotti chimici con bromo ignifugi alogenati romanzo (NHFRs). NHFRs era il solo gruppo chimico non individuato. Dovunque otto - 19 prodotti chimici sono stati individuati in ciascuno di 23 polsini raccolti.

L'uso dei polsini come unità di campionatura personale è un'alternativa eccellente per la valutazione della che cosa i prodotti chimici nocivi stanno accumulando negli organismi dei bambini, piuttosto che il modo antiquato di raccolta del sangue e di misurazione delle concentrazioni chimiche nel sangue.„

Diana Aga, il professor di Henry Woodburn di chimica nell'istituto universitario di UB delle arti e delle scienze

PCBs è stato trovato in 19 dei 23 polsini. I ricercatori hanno notato che l'entrata ed il commercio di PCBs non sono stati regolamentati nell'Uruguay fino al 2007 e che c'era 40.000 trasformatori stimati -- una sorgente importante di PCBs -- funzionando nel paese nel 2006.

La presenza di PBDEs è stata confermata in 22 su 23 polsini. Le concentrazioni di questo gruppo chimico, tuttavia, erano molto più basse di quelle trovate negli studi degli Stati Uniti. Quello era sorprendente, secondo i ricercatori.

“Con questo studio, abbiamo potuti collegare le esposizioni differenti a determinate caratteristiche di stile di vita,„ Travis ha detto. “Per esempio, possiamo suggerire che quello non avere tappeti nella casa possa piombo per abbassare l'esposizione ai ritardatori bromurati della fiamma, che sono stati utilizzati ampiamente nella produzione del riempimento del tappeto. Inoltre, con l'uso di altro studia, noi può scoprire le differenze nell'esposizione basata sui vari modi di trasporto.„

Undici polsini hanno contenuto tutto e sei i OPFRs hanno analizzato. Gli antiparassitari erano egualmente presenti, compreso DDT, che è stato trovato in 20 polsini.

“Molto sta interessando che i bambini piccoli sono esposti ai prodotti chimici multipli, compreso quelli che sono stati vietati negli Stati Uniti a causa del dimostrato di nocciono a a salubrità,„ ha detto Kordas. “Sappiamo che quando i prodotti chimici si presentano insieme in cosiddette miscele, potrebbero essere più nocivi allo sviluppo dei bambini che ogni prodotto chimico da solo.„

Travis ha aggiunto, “questo sottolinea che dobbiamo stare più attenti con i prodotti chimici che usiamo per gli scopi industriali ed agricoli, poiché hanno il potenziale di rimanere nell'ambiente e possono pregiudicare la gente durante le decadi.„

Source:
Journal reference:

Travis, S.C., et al. (2020) Catching flame retardants and pesticides in silicone wristbands: Evidence of exposure to current and legacy pollutants in Uruguayan children. Science of the Total Environment. doi.org/10.1016/j.scitotenv.2020.140136.