Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

I giovani atleti richiedono il ripristino più lungo dopo la commozione cerebrale, studio rivela

I giovani atleti sono emarginati per almeno un mese dopo la sofferenza della commozione cerebrale, secondo uno studio dell'ospedale di Henry Ford che fornisce la nuova prospettiva sulle commozioni cerebrali e sui traumi cranici.

I risultati dello studio sono stati pubblicati davanti alla High School che del Michigan l'annuncio recente dell'associazione atletica che la stagione di sport della High School di caduta comincerà come preveduto tradizionalmente, con calcio pratica iniziare il 10 agosto.

I risultati pubblicati da ortopedia, un giornale nazionalmente riconosciuto e pari-esaminato per i chirurghi ortopedici, provengono dagli studi intrapresi fra settembre 2013 e dicembre 2016. Lo studio ha messo a fuoco su 357 adolescenti della High School che hanno sostenuto una o più commozioni cerebrali analizzando i dati storici e poi confrontandolo ai risultati più recenti legati ad un aumento nelle commozioni cerebrali riferite fra i giovani atleti.

L'età media dei pazienti dello studio era di 15 anni di e-un-metà con quasi 62% che è maschi, lo sport più comune ha partecipato dentro da questi atleti era calcio, seguito da hockey e poi da calcio. Dai partecipanti dello studio, 14% ha riferito che soffrendo dall'amnesia e da 33% ha riferito una cronologia delle commozioni cerebrali. I risultati dello studio includono:

Il gruppo di ricerca egualmente ha trovato che gli atleti che hanno sofferto le commozioni cerebrali hanno un'più alta incidenza delle lesioni senza contatto dell'estremità inferiore dovuto le emissioni del bilanciamento dopo che commozioni cerebrali che possono avere implicazioni sulla prestazione, sulla sicurezza e sul benessere degli atleti. Questi risultati saranno il fuoco dello studio seguente anche piombo da Toufic Jildeh, M.D., residente principale amministrativo in ortopedia all'ospedale di Henry Ford.

Uno degli studi più iniziali sui dati di commozione cerebrale è venuto dal comitato traumatico delicato del trauma cranico del NFL ed è stato pubblicato in neurochirurgia del giornale nel gennaio 2004. Sulla base dei dati raccolti fra 1996 e 2001, i ricercatori hanno trovato che i giocatori del NFL sono stati emarginati per i sei o meno giorni dopo una commozione cerebrale.

I 2019 relativi studiano anche piombo dal Dott. Jildeh e pubblicato in giornale di medicina dello sport americano ha mostrato una simile tendenza con i giocatori del NFL che sono emarginati molto più lungamente.

Storicamente, la letteratura ha riferito una prevalenza di commozione cerebrale di 4-5%, comunque gli studi recenti hanno trovato che quasi 20% degli adolescenti hanno sofferto almeno una commozione cerebrale, c'è una disparità enorme in termini di segnalazione col passare del tempo.„

Dott. Toufic Jildeh, M.D., residente principale amministrativo in ortopedia all'ospedale di Henry Ford

Precedentemente, è stato pensato che la giovane età fosse un fattore protettivo contro la commozione cerebrale e che il neuroplasticity ha offerto il ripristino veloce. Tuttavia, questo che pensa è stato disproven con gli studi più recenti.

“Le commozioni cerebrali sono state un'emissione stampante. Vogliamo limitare il numero delle commozioni cerebrali e delle lesioni alla testa in un giovane atleta,„ dice Vasilios (Bill) Moutzouros, M.D., capo di medicina dello sport a Henry Ford e un co-author di studio, aggiungenti che i più giovani atleti che soffrono una commozione cerebrale presto nella vita sono molto più probabili avvertire gli effetti più a lungo termine se ottengono concussed ripetutamente.

Kelechi Okoroha, M.D., un chirurgo della medicina dello sport di Henry Ford e co-author di studio, punti ai risultati come riferimento per i giovani atleti con una cronologia delle commozioni cerebrali, “secondo il numero delle commozioni cerebrali, il segno dai 30 giorni ci dà che un riferimento per cui gli atleti adolescenti di tempo hanno richiesto prima del ritorno allo sport,„ lui dice.

Lo studio offre molte informazioni per riflettere sopra e la configurazione sopra secondo Jeffrey Kutcher, M.D., Direttore medico e mette in mostra il neurologo alla commozione cerebrale di Henry Ford e mette in mostra la clinica della neurologia e Direttore globale della clinica di Kutcher.

“La diagnosi e la gestione di commozione cerebrale richiede individualizzata e approccio neurologico completo per assicurare stiamo diagnosticando esattamente e rendimento di gestione da giocare efficacemente,„ dice il Dott. Kutcher che egualmente servisce da Consigliere alle associazioni dei giocatori per la lega nazionale di football americano e la lega di hockey nazionale.

Lo studio conclude che i medici del gruppo devono essere particolarmente consci quando valuta un atleta adolescente dovuto le implicazioni neurocognitive a breve e a lungo termine, specialmente poichè riguarda il RTS e che gli atleti della High School che sostengono una commozione cerebrale richiedono l'attenzione attenta quando determina la prontezza di RTS.

Source:
Journal reference:

Jildeh, T.R., et al. (2020) Return to Sport Following Adolescent Concussion: Epidemiologic Findings From a High School Population. Orthopedics. doi.org/10.3928/01477447-20200521-03.