Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Lo sforzo cronico collegato a discriminazione razziale può urtare avversamente la cognizione, morbo di Alzheimer

Le esperienze nel razzismo sono associate con la funzione conoscitiva soggettiva più bassa (SCF) fra le donne afroamericane.

Le tariffe di demenza e del morbo di Alzheimer di incidente (AD) sono più alte in afroamericani che in Americani bianchi. In molti studi, gli afroamericani più anziani eseguono più male sulle prove neuropsicologiche di cognizione confrontate agli Americani bianchi.

Le esperienze nel razzismo sono comuni fra gli afroamericani, con 50 per cento o più dichiaranti ad un'indagine del cittadino 2017 che riferisce tali esperienze.

Questi moduli istituzionali e quotidiani del razzismo sono stati associati con i rischi aumentati di varie circostanze che possono alterare la cognizione, compreso la depressione, il sonno difficile, il diabete di tipo 2 e l'ipertensione.

Facendo uso dei dati dalla salubrità delle donne di colore studi (uno studio di gruppo futuro stabilito nel 1995, quando 59.000 donne di colore invecchiate da 21 a 69 anni iscritti compilando i questionari di salubrità) i ricercatori dal centro dell'epidemiologia dello Slone dell'università di Boston ha quantificato l'associazione fra le esperienze nel razzismo e SCF, in base a sei domande circa la memoria e la cognizione.

Hanno trovato che le esperienze in entrambi quotidiani ed il razzismo istituzionale sono stati associati con SCF in diminuzione. Le donne che riferiscono il più ad alto livello del razzismo quotidiano hanno avute 2,75 volte il rischio di povero SCF come donne che riferiscono il più a basso livello del razzismo quotidiano.

Le donne nell'più alta categoria di razzismo istituzionale hanno avute 2,66 volte il rischio di povero SCF poichè coloro che non ha riferito tali esperienze.

I nostri risultati di un'associazione positiva delle esperienze nel razzismo con la funzione conoscitiva soggettiva più difficile sono coerenti con lavoro precedente che dimostra che lo stress psicologico più su percepito è associato con il maggior declino soggettivo di memoria.„

Lynn Rosenberg, ScD, studia l'autore e l'epidemiologo senior, centro dell'epidemiologia di Slone, Boston University

Rosenberg è un ricercatore principale dello studio della salubrità delle donne di colore.

“Il nostro lavoro suggerisce che lo sforzo cronico connesso con discriminazione razziale possa contribuire alle disparità razziali nella cognizione ed in ANNUNCIO,„ Rosenberg aggiunto, che è egualmente un professore dell'epidemiologia al banco di Boston University della salute pubblica.

I lavori futuri sono necessari esaminare se l'esposizione al razzismo istituzionale e quotidiano accelera la conversione alla demenza di Alzheimer e/o aumenta i livelli di biomarcatori dell'ANNUNCIO, quali liquido cerebrospinale o gli indicatori dell'ANIMALE DOMESTICO di amiloide? e patologia di tau, secondo i ricercatori.