Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Gli scienziati riferiscono due nuove strutture cryo-EM della proteina della punta SARS-Cov-2

Gli scienziati riferiscono che due nuove strutture cryo-EM che rappresentano le conformazioni di postfusion e pre- del SARS-CoV-2 integrale chiodano (s) la proteina, una componente virale essenziale responsabile dell'entrata della cellula ospite e la diffusione dell'infezione.

Queste ricostruzioni - derivate da un modulo integrale e completamente selvaggio tipo della proteina di S - dimostrano le differenze critiche dagli studi precedenti cryo-EM che usato versioni costruite e stabilizzate della proteina di S.

Sulla base dei loro risultati, gli autori avvertono che le strategie vaccino correnti informate dalle strutture della proteina costruita di S potrebbero contare su limitato e perfino su informazioni ingannevoli sullo stato naturale della proteina.

Dicono che è possibile che le strategie vaccino che impiegano le sequenze integrali della proteina di S o intero SARS-CoV-2 inattivato (quale PiCoVacc), potrebbero formare spontaneamente la struttura del postfusion della proteina di S, trovata qui per possedere parecchie funzionalità che potrebbero distrarre il sistema immunitario del paziente.

Di conseguenza, queste strategie vaccino possono richiedere ulteriore valutazione, gli autori dicono. Facendo uso del cryo-EM sui campioni integrali SARS-CoV-2 nel loro stato naturale, Yongfei Cai e colleghi imaged la configurazione della proteina di pre-fusione S, uno stato semi-stabile quando la proteina è sospesa fondere con le membrane cellulari ospite.

Inoltre una configurazione conformazionale di post-fusione, uno stato stabile e rigido raggiunto quando la proteina di S ha passato attraverso un cambiamento conformazionale che promuoverebbe la fusione virale con una membrana cellulare ospite.

Hanno trovato che la loro struttura di prefusion ha differito dalle conformazioni precedentemente descritte di prefusion in parecchi modi, compreso la presenza di legami bisolfurico precedentemente inosservati.

La transizione spontanea della proteina dallo stato di prefusion allo stato di postfusion si è presentata indipendentemente da se la punta aveva interagito con le membrane cellulari ospite, i ricercatori anche trovati.

La struttura di postfusion “è stata decorata strategico„ dai glycans N-collegati, formanti le punte che potrebbero svolgere i ruoli protettivi contro le risposte immunitarie ospite, come inducendo le risposte nonneutralizing dell'anticorpo o protezione delle regioni più vulnerabili della proteina di S.

Nei lavori futuri, i ricercatori sperano all'immagine una struttura più di alta risoluzione di una proteina intatta di S ed egualmente mirano a ricostruire le regioni dove la fusione della membrana cellulare ospite accade.

Source:
Journal reference:

Cai, Y., et al. (2020) Distinct conformational states of SARS-CoV-2 spike protein. Science. doi.org/10.1126/science.abd4251.