Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Gli attacchi non epilettici psicogeni spesso sono mal diagnosticati come epilessia ed aumentano il rischio di morte

Uno in quattro genti che è esaminata ad epilessia non ha la malattia ma invece ha uno stato psicologico chiamato attacchi non epilettici psicogeni (PNES). Al 21:00 il PM BST su 20.07.20/06:00AM AEST su 21.07.20 nel giornale prestigioso, la neurologia, ricercatori di Monash descriva la malattia, che se inosservato può essere micidiale.

Gli attacchi non epilettici psicogeni spesso sono mal diagnosticati come epilessia ed aumentano il rischio di morte

Circa 25 per cento della gente che è ammessa all'ospedale per una valutazione dell'epilessia perché stanno avvertendo gli attacchi incontrollati non hanno la malattia. Invece che cosa hanno è attacchi non epilettici psicogeni (PNES), che si manifesta con che cosa sembrano essere attacchi epilettici e realmente hanno uno psicologico piuttosto che una base neurologica, con i pazienti spesso che hanno una cronologia di abuso iniziale di vita.

La nuova ricerca egualmente rivela i pazienti con PNES ha quasi un rischio aumentato tre volte di morte - e per la gente invecchiata al di sotto di 30 anni questo rischio è circa 8 volte su. Secondo il professor Terry O'Brien, dipartimento della neuroscienza e del capo del banco clinico centrale, la Monash University, PNES è mal diagnosticato spesso dai clinici a causa della similarità dei loro attacchi all'epilessia ed è trattato inadeguato con i farmaci antiepilettici e perfino occasionalmente le ammissioni di ICU.

Cadute della loro gestione “fra le crepe„ fra i neurologi e gli psichiatri e finiscono spesso gestito male dal sistema sanitario,' dice

I pazienti presentano alle cliniche del neurologo ed una volta diagnosticato come non avendo epilessia sono scaricati solitamente, ma la maggior parte dei psichiatri sono egualmente poco disposti a gestirle a causa delle sue manifestazioni fisiche quali gli attacchi. La circostanza spesso sotto è diagnosticata, trattato spesso inadeguato e quelle con possono lottare per trovare qualcuno per trattarla. Per più ulteriormente confondere gli argomenti, fino a uno in cinque genti con PNES egualmente soffre dall'epilessia.„

Il professor Terry O'Brien, dipartimento di neuroscienza e del capo del banco clinico centrale, Monash University

Il professor O'Brien lavora con il Dott. Toby Winton Brown, un neuropsychiatrist alla Monash University ed alla salubrità di Alfred, che ha iniziato la prima clinica del PNES dell'Australia in Australia all'ospedale di Alfred. La clinica così sovra-è sottoscritta già che una lista di attesa di più di sei mesi, malgrado soltanto il funzionamento per un anno.

Lo studio, piombo dal professor O'Brien con i colleghi da Melbourne reale, da St Vincent, dagli ospedali di Austin e di Alfred e dall'università di Melbourne, trovata che mentre la mortalità è sollevata nella gente con l'epilessia, avendo aumenti di un PNES il rischio di morte sia in quelli con appena PNES che in coloro che egualmente ha epilessia.

Lo studio ha esaminato più di 5500 pazienti ammessi nelle video unità di video dell'epilessia in tre ospedali metropolitani di Melbourne sugli anni 20 dal 1995. La mortalità è stata determinata in pazienti diagnosticati con PNES, l'epilessia o entrambe le circostanze, dal legame all'indice analitico nazionale australiano di morte (NDI). La cronologia di vita dei disordini psichiatrici in PNES era risoluta dai rapporti neuropsichiatrici convenzionali.

Dei 5.508 pazienti iscritti, si a 8 (674 o 12,5 per cento) è stato diagnosticato con PNES, leggermente più mezzo (3064 o 55,6 per cento) con l'epilessia, mentre 175 (3,2 per cento) sono stati trovati per avere entrambe le circostanze e 1.595 (29,0 per cento) ha ricevuto altre diagnosi o non ha avuto diagnosi fatta.

I ricercatori hanno trovato che i pazienti con PNES sono 2,5 volte probabili morire presto che la popolazione in genere alla loro età, mentre la gente di meno di 30 anni ha avuta un rischio aumentato 800 per cento di morte. Fra le morti in pazienti diagnosticati con PNES, 20 per cento delle morti in quelli più giovane di 50 anni sono stati attribuiti al suicidio e “l'epilessia„ è stata registrata come la causa della morte in 24 per cento.

Secondo il professor O'Brien, la gente con PNES ha un simile tasso di mortalità a quelli con l'epilessia resistente alla droga. “Questo sottolinea l'importanza della diagnosi rapida, l'identificazione dei fattori di rischio e l'entrata in vigore delle strategie appropriate per impedire le morti evitabili potenziali,„ ha detto.

Source:
Journal reference:

Nightscales, R., et al. (2020) Mortality in patients with psychogenic nonepileptic seizures. Neurology. doi.org/10.1212/WNL.0000000000009855.