Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

La clorochina di manifestazioni di studio non impedisce SARS-CoV-2

Più di 600,000 persone universalmente hanno finora vittima caduta all'affezione polmonare COVID-19, che è causata dal SAR coronavirus-2 (SARS-CoV-2). Per ottenere un'efficace terapia per COVID-19 il più rapidamente possibile, le droghe che stanno usande per trattare altre malattie corrente repurposed per il trattamento COVID-19.

L'unità del centro tedesco del primate (DPZ) - istituto di biologia di infezione di Leibniz per la ricerca del primate in Göttingen, insieme ai colleghi al Charité a Berlino, poteva indicare che la clorochina della droga di malaria, che è stata dimostrata per inibire l'infezione SARS-CoV-2 delle celle del rene del cercopiteco africano, non può impedire l'infezione delle celle umane del polmone con il coronavirus novello. La clorochina è quindi improbabile da impedire la diffusione del virus nel polmone e non dovrebbe essere usata per il trattamento di COVID-19 (natura).

È conosciuto che SARS-CoV-2 può utilizzare due itinerari differenti per entrare nelle celle. In primo luogo, dopo avere fissato alle celle, il virus può fondere direttamente con la membrana di plasma ed introdurre il suo materiale genetico nella cellula ospite.

In secondo luogo, può fornire l'interno delle celle sopra l'assorbimento via le strutture del trasporto, chiamato endosomes. In entrambi i casi, il collegamento del virus alle celle e l'entrata successiva è mediato dalla proteina virale della punta.

A questo fine, la proteina della punta deve essere attivata dalla catepsina L degli enzimi (nei endosomes) o dall'enzima TMPRSS2 (sulla superficie delle cellule). Secondo il tipo delle cellule, entrambi gli enzimi o soltanto di loro possono essere disponibili per l'attivazione.

La clorochina è una droga che è usata per trattare la malaria. Poiché la clorochina inibisce l'infezione delle celle del rene della scimmia con SARS-CoV-2, la clorochina è stata provata nei test clinici come candidato possibile a trattamento di COVID-19. Tuttavia, come la clorochina inibisce l'infezione dei kidneycells della scimmia non era chiara.

Lo studio corrente indica che la clorochina impedisce l'entrata virale in queste celle, molto probabilmente bloccando la catepsina la L attività. Ciò ha sollevato il problema se la clorochina egualmente inibisce l'infezione delle celle del polmone che sono conosciute per produrre TMPRSS2 ma soltanto una piccola quantità di catepsina L.

Lo studio indica che la clorochina non impedisce l'entrata SARS-CoV-2 nelle celle umane del polmone e nella diffusione successiva del virus in queste celle.

In questo studio, indichiamo che l'attività antivirale della clorochina è cella tipo-specifica e che la clorochina non blocca l'infezione delle celle del polmone. Ciò significa che nelle prove future delle droghe potenziali COVID-19, la cura dovrebbe essere catturata che le linee cellulari pertinenti sono usate per le indagini per non sprecare il tempo e le risorse inutili nella nostra ricerca per efficace terapeutica COVID-19, COVID-19 soprattutto è causata tramite l'infezione delle celle del polmone, per questo motivo queste celle dovrebbe essere data la priorità nelle prove di efficacia.„

Stefan Pöhlmann, testa dell'unità di biologia di infezione, centro tedesco del primate

Source:
Journal reference:

Hoffmann, M., et al. (2020) Chloroquine does not inhibit infection of human lung cells with SARS-CoV-2. Nature. doi.org/10.1038/s41586-020-2575-3.