Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Biomarcatori novelli per la diagnosi dell'ostruzione ureteropelvic della giunzione in infanti

Uno in ogni 500 bambini nasce con una circostanza chiamata ostruzione ureteropelvic della giunzione (UPJO), un'ostruzione dell'uretere che impedisce l'urina scorrere da una o entrambe i reni nella vescica. Diagnosticato solitamente prenatale, UPJO può causare le infezioni di apparato urinario e la crescita difficile per gli infanti; può anche provocare la malattia renale cronica e un rischio aumentato per la malattia cardiovascolare nella vita più tarda.

Un gruppo di ricercatori a salubrità di UConn, l'università di Connecticut, l'ospedale pediatrico ed il centro medico di Omaha e l'ospedale pediatrico di Kravis al sistema di salubrità di monte Sinai hanno sviluppato un comitato di cinque proteine di biomarcatore per la diagnosi ed il video di UPJO in infanti ed in bambini. Descrivono questo metodo non invadente e redditizio di rilevazione e di video del UPJO in un'edizione recente del giornale dell'urologia pediatrica e sono promettenti questa tecnologia potrebbero essere un'innovazione per quelli che soffrono da UPJO.

Normalmente, i reni filtrano il sangue ed eliminano lo spreco sotto forma di urina che scorre dai reni tramite gli ureteri alla vescica. Per i pazienti con UPJO, l'infante nasce con un blocco nell'uretere che causa un backup di urina nel rene con conseguente distensione, allungamento e danneggiamento del rene.„

Linda Shapiro, co-author dello studio e del professore di salubrità di UConn di biologia cellulare e Direttore del centro per biologia vascolare

UPJO è un sistema-modello per altre anomalie congenite dell'apparato urinario, la maggior parte della causa comune di insufficienza renale in bambini.

Per lo più, l'ingrandimento del rene, o il hydronephrosis, dovuto UPJO è rilevabili nell'utero dall'ultrasuono. A volte UPJO si risolverà naturalmente, mentre altri bambini richiedono la chirurgia. Gli urologi si impegnano in un approccio “aspettante„ vigile per determinare se un bambino deve subire la chirurgia. Purtroppo, durante i bambini di questo periodo può subire il danneggiamento irreversibile dei loro reni svilupparsi. Questo comitato di biomarcatore potrebbe potenzialmente essere usato per determinare la severità del danno derivando dall'ostruzione e se l'ambulatorio è necessario.

Molte molecole sono state identificate come biomarcatori, ma c'è ancora di essere “un sistema monetario aureo„ per questa circostanza, sottolineante un bisogno immediato per sviluppare i biomarcatori non invadenti per individuare la severità di danno lavorata da UPJO.

Questo studio ha valutato i campioni di urina da 22 maschi nell'ambito di due anni che erano sul loro modo a chirurgia con l'ostruzione severa ed ai campioni da un gruppo di 22 pazienti di referenza che non hanno avuti UPJO. I ricercatori hanno scelto i maschi per questo studio pilota poichè i maschi sono sensibilmente più probabili avere UPJO che le femmine.

I ricercatori hanno cominciato identificando 171 proteina rilevabile nei pazienti con UPJO ma inosservata in una maggioranza dei comandi. Di quei 171, soltanto 50 erano presenti in più della metà dei campioni di UPJO. Questi 50 sono stati allineati facendo uso di un'analisi diagnostica di probabilità per determinare i 10 principali che possono essere i biomarcatori più utili per questa circostanza. Cinque di quelle 10 proteine sono risultati presenti alle concentrazioni significativamente più alte in pazienti con UPJO che i campioni di controllo, così creando il comitato.

“Se risolve bene, ameremmo vederlo transizione alla clinica,„ dice Shapiro. “Questo lavoro può potenzialmente aiutare i pazienti, piuttosto che essendo appena un'altra riga in un manuale.„

Questa invenzione, per cui i ricercatori file una richiesta di brevetto, potrebbe potenzialmente sostituire gli approcci diagnostici correnti che comprendono le tecniche costose e dilaganti.

Questo trattamento è non invadente ed indolore per gli infanti. Piuttosto che il livello di cura corrente che comporta iniettare i bambini con i radiotraccitori o farle passare con altre procedure dolorose, questo comitato permette che i professionisti provino semplicemente l'urina rilasciata direttamente dalla vescica.

Usando un comitato di cinque biomarcatori, i ricercatori hanno adottato un approccio di probabilità. Se un campione avesse soltanto uno o due degli indicatori, questo necessariamente non ha indicato il danno di UPJO, ma se il campione contenesse quattro o cinque degli indicatori, la probabilità che hanno avute UPJO era molto più alta.

Altri metodi correnti usano un approccio di taglio che esamina se un paziente ha certa concentrazione di biomarcatore. Ma questo approccio è contradditorio attraverso i gruppi pazienti e può essere difficile da determinare che cosa un punto di taglio significativo è.

“Alcuni pazienti di referenza hanno uno o due di questi indicatori ma non altrettanto come i pazienti ostruiti,„ l'autore Charan Kumar Devarakonda, un collega postdottorale a salubrità di UConn, dice. “Non stiamo provando a soltanto una proteina ma piuttosto a comitato delle proteine.„

Il gruppo corrente sta lavorando ad ulteriore convalida con un più grande studio paziente per questa invenzione. Sperano di esaminare la validità di questo comitato attraverso l'età, il sesso e lo spettro dell'ostruzione per valutare il danno. Per imparare più circa l'autorizzazione della questa tecnologia o partnering le opportunità, contatti Lindsay Sanford, il Ph.D. ([email protected]).

Source:
Journal reference:

Devarakonda, C.K.V., et al. (2020) A novel urinary biomarker protein panel to identify children with ureteropelvic junction obstruction e A pilot study. Journal of Pediatric Urology. doi.org/10.1016/j.jpurol.2020.05.163.