Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Le ingiustizie di genere nelle residenze chirurgiche possono richiedere le decadi per raggiungere la parità

Le donne compongono la metà di classi entranti di studenti di medicina, eppure sono sottorappresentate in molte di più grandi specialità chirurgiche. Mentre alcuni sforzi sono in corso reclutare più donne nelle specialità chirurgiche, poche informazioni sono state disponibili sulla tariffa a cui lo spazio di genere sta chiudendosi.

Un nuovo studio piombo dai ricercatori da Brigham e dall'ospedale delle donne ha analizzato i dati nazionali disponibili con il censimento medico laureato nazionale di formazione per determinare come le tariffe delle donne nelle specialità chirurgiche hanno passato il 11 anno ultimi ed usa quello per aggettare come potrebbero cambiare in futuro. In chirurgia di JAMA, il gruppo riferisce che, fra le più grandi specialità residenti negli Stati Uniti, pochi progressi sono stati realizzati, con la maggior parte di più grandi residenze che dimostrano un meno di 1 per cento di aumento negli apprendisti delle donne all'anno. Per molte specialità, compreso neurochirurgia e ortopedia, richiederà le decadi per raggiungere la rappresentazione femminile uguale se il progresso continua al passo corrente.

Questo documento indica che non tutti i campi sono uguale creato. Alcuni campi stanno raggiungendo la parità o la hanno sorpassata, ma molti stanno ritardando dietro.„

Erika Rangel, MD, ms, autore co-senior, chirurgo e ricercatore nella divisione del trauma, ustione e cura critica chirurgica, Brigham e l'ospedale delle donne

I dati disponibili del gruppo di ricerca -, deidentified, aggregati pubblicamente analizzati dal 2007 al 2018 e guardato attraverso 20 specialità con la maggior parte dei residenti. Dei 20 programmi, le donne erano sottorappresentate in 13. Le specialità con la rappresentazione più bassa hanno compreso l'otorinolaringoiatria, la chirurgia plastica, l'urologia, l'ortopedia e la neurochirurgia. I ricercatori allora stimati quanto ci vorrebbe per raggiungere la parità di genere alla tariffa di cambiamento corrente. Hanno trovato quello per ortopedia, per esempio, richiederebbe più di 100 anni affinchè i residenti femminili equamente fosse rappresentata nella specialità.

“Facendo uso della tariffa di cambiamento che abbiamo veduto in quelle specialità, abbiamo fatto ulteriori analisi per creare le proiezioni per vedere quanto ci avrebbe voluto le specialità con la meno rappresentazione per raggiungere i livelli di rappresentazione femminile veduti fra tutti i residenti complessivi e poi che della popolazione degli Stati Uniti,„ abbiamo detto l'autore Christopher corrispondente L. Bennett, MD, mA, un ex residente nel Brigham e donne/residenza affiliata della medicina di emergenza di Harvard policlinico di Massachusetts.

Gli autori descrivono parecchie strategie che potrebbero contribuire a migliorare l'assunzione della studentessa alle specialità. Questi comprendono il riconoscimento ed il mentoring rewarding; esagerare iniziale agli studenti di medicina; ed addestramento diagonale implicito.

“Al passo corrente, parità di genere fra molte specialità chirurgiche è ancora le decadi via,„ gli autori scrivono. “Questi dati richiedono gli sforzi concordati per aumentare la conduttura per i residenti chirurgici femminili.„

Source:
Journal reference:

Bennett, C.L., et al. (2020) The Gender Gap in Surgical Residencies. JAMA Surgery. doi.org/10.1001/jamasurg.2020.2171.