Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Gli scienziati scoprono il nuovo insieme dei canali che collegano il parassita ed i globuli di malaria più micidiali

CHE COSA:

I ricercatori agli istituti della sanità nazionali ed altre istituzioni hanno scoperto un altro insieme dei fori del tipo di poro, o dei canali, attraversanti al il sacco diretto a membrana che unisce il parassita di malaria più micidiale mentre infetta i globuli rossi.

I canali permettono al trasporto dei lipidi--molecole del tipo di grassa--fra il globulo ed il parassita, falciparum del plasmodio. Il parassita ricava i lipidi dalla cella per sostenere la sua crescita e può anche secernere altri tipi di lipidi per dirottare le funzioni delle cellule per soddisfare le sue esigenze.

L'individuazione segue una scoperta più iniziale di un altro insieme dei canali tramite la membrana permettendo al flusso bidirezionale delle proteine e delle sostanze nutrienti non grasse fra il parassita ed i globuli rossi. Insieme, le scoperte sollevano la possibilità dei trattamenti che bloccano il flusso delle sostanze nutrienti per morire di fame il parassita.

Il gruppo di ricerca piombo da Joshua Zimmerberg, M.D., Ph.D., un ricercatore senior nella sezione sulla biofisica integrante all'istituto dell'Eunice Kennedy Shriver di NIH della salute dei bambini nazionale e lo sviluppo umano (NICHD). Lo studio compare nelle comunicazioni della natura.

Nel 2018, c'erano 228 milione casi di malaria mondiali, piombo a più di 400.000 morti, 67% di cui erano fra i bambini sotto 5, secondo l'organizzazione mondiale della sanità. Nello studio corrente, i ricercatori hanno determinato che i canali attraverso il sacco, o il vacuolo, che unisce il parassita sono fatti della proteina del Niemann-Martello pneumatico C1-related (PfNCR1).

I canali PfNCR1 si limitano alle posizioni dove la membrana del vacuolo tocca la membrana del parassita. I canali il gruppo scoperto nello studio precedente sono costituiti da proteina esportatrice 2 (EXP2).

Le aree della membrana del vacuolo che contiene EXP2 sono situate lontano dalla membrana del parassita, ad una distanza media di 20 - 40 nanometri. I ricercatori ritengono che il parassita possa utilizzare questa variazione nella distanza per separare i due sistemi di trasporto.

WHO: Joshua Zimmerberg, M.D., Ph.D., della sezione di NICHD sulla biofisica integrante è disponibile per il commento.

Source:
Journal reference:

Garten, M., et al. (2020) Contacting domains segregate a lipid transporter from a solute transporter in the malarial host-parasite interface. Nature Communications. doi.org/10.1038/s41467-020-17506-9.