Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

I ritrovamenti di studio aumentano di comorbidities, rischio della mortalità fra i pazienti ospedalizzati con infarto

Uno studio recentemente pubblicato nella circolazione del giornale esamina le tendenze relative temporali al carico dei comorbidities ed al rischio associato di mortalità fra i pazienti con infarto (HF) con la frazione conservata di espulsione (HFpEF), in cui il ventricolo sinistro del cuore non può rilassarsi abbastanza per riempire correttamente di sangue e l'HF con la frazione diminuita di espulsione (HFrEF), in cui il ventricolo sinistro non è contratto capace abbastanza per pompare fuori tan sangue.

La complessità medica dei pazienti ospedalizzati con HFpEF e HFrEF sembra aumentare col passare del tempo. Abbiamo utilizzato i dati dalla componente di sorveglianza del rischio di aterosclerosi nelle Comunità (ARIC) studiamo per esaminare le ospedalizzazioni in relazione con l'HF da quattro aree degli Stati Uniti dal 2005 al 2014.„

Melissa Caughey, PhD, epidemiologo ed istruttore nel UNC/NC indica il dipartimento unito di assistenza tecnica biomedica e l'autore senior dello studio

Appena al disopra le 5.400 ospedalizzazioni sono stati analizzati, con il tipo ed il sesso di errore della stratificazione a memoria. Caughey dice che i seguenti comorbidities sono stati estratti dalle cartelle sanitarie: coronaropatia, malattia periferica dell'arteria, ipertensione, ipertensione polmonare, fibrillazione atriale, colpo/attacco ischemico transitorio (TIA), valvulopatia, infarto miocardico, indice di massa corporea, diabete mellito, creatinina del siero, malattia polmonare ostruttiva cronica (COPD), apnea nel sonno, depressione, anemia e tiroide. I ricercatori hanno trovato col passare del tempo quello, il numero medio dei comorbidities aumentati sia di uomini che di donne con entrambi i tipi di infarto. Tuttavia, HFpEF, che è più comune in donne ed è ora il modulo predominante di infarto, ha avuto il carico di comorbidity peggiore.

Dei comorbidities studiati, Caughey dice che c'era una diminuzione nella prevalenza della coronaropatia ed in un aumento nei comorbidities nonatherosclerotic o non cardiovascolari.

“Questo che trova è coerente con l'ipotesi che l'epidemiologia di infarto sta evolvendo - spostandosi da un'eziologia ischemica a più di un infarto di multi-morbosità col passare del tempo,„ Caughey ha detto. La malattia di cuore ischemica e o aterosclerotica, è causata solitamente col passare del tempo dall'accumulazione di placca in arterie. Ciò può piombo alla limitazione di quegli arterie, flusso sanguigno diminuito ed indebolimento del muscolo di cuore. Mentre gli attacchi di cuore sono diminuito col passare del tempo, l'infarto che sorge secondariamente ad altre cause, quali ipertensione e l'obesità, ora è più comune.

Caughey dice perché molti dei comorbidities nello studio sono trattabili o evitabili, questo evidenzia l'importanza di un approccio integrato che mira al carico della multi-morbosità nella guida della gestione dei pazienti con l'HF decompensated acuta. Poiché la morbosità aumenta con i comorbidities, la prevenzione dovrebbe essere un fuoco chiave.

Source:
Journal reference:

Pandey, A., et al. (2020) Temporal Trends in Prevalence and Prognostic Implications of Comorbidities Among Patients With Acute Decompensated Heart Failure. Circulation. doi.org/10.1161/CIRCULATIONAHA.120.047019.