Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Dexamethasone dovrebbe essere una droga standard in COVID-19 severo

La pandemia corrente di COVID-19 è principalmente asintomatica o causa soltanto i sintomi delicati. Tuttavia, in una minoranza significativa, piombo alla malattia severa o pericolosa, spesso richiedendo il completamento dell'ossigeno o la ventilazione meccanica nell'unità di cure intensive. In questo sottoinsieme dei pazienti, nel Regno Unito, sopra un quarto è morto e se soltanto quei pazienti che hanno bisogno dell'assistenza ventilatoria sono considerati, più di 37% muoiono della circostanza.

Studio: La salubrità potenziale e l
Studio: La salubrità potenziale e l'impatto economico del trattamento di dexamethasone per i pazienti con COVID-19. Credito di immagine: David Benito

Molti scienziati hanno esplorato l'uso di nuove come pure droghe già approvate per questo circostanza ed uno molto dei pochi cavi di promessa è dexamethasone. Dexamethasone è rispettivamente un corticosteroide, che è stato riferito in alcuno più presto studia per ridurre la mortalità in questi pazienti di 18% e di 36% in pazienti COVID-19 che sono su ossigeno e sui ventilatori. Una nuova pubblicazione pubblicata sul medRxiv* del " server " della pubblicazione preliminare nel luglio 2020 riferisce i risultati di uso di dexamethasone in tali pazienti.

I ricercatori dall'università di Oxford consigliano il dexamethasone dovrebbero essere adottati subito come trattamento standard per i pazienti con emergenza respiratoria. Questo trattamento, se dato conformemente all'orientamento corrente sull'eleggibilità paziente per l'ossigenoterapia, anche dove l'accesso ad ossigeno è limitato, potrebbe salvare le centinaia di migliaia di vite nei prossimi sei mesi della pandemia,„ particolarmente se le restrizioni di mobilità ed altri interventi non farmaceutici diventano impossibli da sostenere.

Valutazione delle morti nei sei mesi prossimi

Lo studio usa i tassi di mortalità di infezione (IFR) come una misura del transmissibility e mortalità del virus. IFR è un metrico cruciale nell'individuazione della relazione fra il numero delle infezioni e le morti, che è richiesto di predire il numero delle morti durante l'onda seguente nelle varie circostanze.

Molti articoli hanno descritto da maggio gli studi dell'anticorpo in avanti, nel tentativo di trovare la percentuale esposta di popolazione mondiale. I ricercatori stimano che quello circa 7% della gente nel Regno Unito siano stati esposti all'infezione e circa 40.000 morti hanno accaduto. Lo studio corrente stima che quello circa 6.700 meno morti abbiano accaduto con l'uso del dexamethasone se circa 60% dei pazienti fossero su ossigeno e circa 17% su supporto ventilatorio.

I ricercatori egualmente precisano che un IFR ragionevolmente accurato può essere usato per predire che la trasmissione passa i sei mesi prossimi e le morti che correlano con tale dinamica pandemica, trascurante i cambiamenti potenziali negli interventi non farmacologici futuri. Hanno utilizzato la popolazione età-stratificata di un paese, con i preventivi per il IFR e le tariffe dell'ospedalizzazione nelle varie fasce d'età, per trovare il numero previsto delle ammissioni e delle morti durante i sei mesi prossimi dal numero progetto delle infezioni.

Effetto di Dexamethasone su mortalità

Dopo la definizione dei loro criteri per la diagnosi COVID-19, pricipalmente nei termini clinici ed avere presupposto i simili tassi di mortalità età-dipendenti e dell'ospedalizzazione di caso nel Regno Unito come in Francia, hanno sviluppato un algoritmo che può catturare semplicemente il numero delle infezioni e sputare fuori il numero delle casse ospedalizzate previste per ogni gruppo d'età. Ciò poi contribuirà a stimare la mortalità prevista se i pazienti sono dati e dexamethasone non dato e la differenza nelle vite perse. La conclusione è che 12.000 morti sono probabili essere salvate durante i sei mesi prossimi se tutti i pazienti ricevessero il dexamethasone come richiesto.

Tuttavia, mentre questo genere di accesso alla droga è possibile nel Regno Unito, non può essere il caso in paesi bassi e con reddito medio (LMICs) e questi paesi non possono disporre dei mezzi sufficienti per assicurare un'offerta adeguata di ossigeno o dei ventilatori l'uno o l'altro. Mancando di tale supporto medico intensivo, può essere provocatoria identificare l'effetto completo del dexamethasone globalmente.

Per valutare, i ricercatori hanno applicato le simulazioni per predire che il risultato se tutti i pazienti dovessero ottenere una volta il dexamethasone essi ha soddisfatto le condizioni per la prescrizione dell'ossigeno, in due condizioni: uno, hanno ricevuto l'ossigeno; in secondo luogo, sono venuto a mancare a.

Simulazioni che mostrano mortalità differenziale

Hanno fatto due presupposti differenti per generare queste simulazioni: uno era che il dexamethasone avrebbe pregiudicato i pazienti che supporto respiratorio richiesto e convinto come pazienti che necessari ma non riuscito per convincere tali per supportare. La spiegazione razionale era l'atto antinfiammatorio del dexamethasone, che potrebbe rallentare la progressione di COVID-19 severo ad arresto respiratorio. Il secondo era che il dexamethasone sarebbe stato efficace soltanto se il supporto respiratorio fosse fornito. In queste due situazioni simulate, il numero delle vite salvate nel potenziale era 650.000 e 390.000, rispettivamente.

Implicazioni

I vantaggi del dexamethasone comprendono la sua accessibilità, la lunga storia di uso ed il buon indice di sicurezza. I sui aspetti economici sono stati studiati nel Regno Unito, nella ricerca corrente e comprendono un risparmio di £8,200 e di £760 per risparmiato salvato e vita anno di vita, rispettivamente, che le rende un'opzione redditizia del trattamento.

I ricercatori considerano che una seconda onda sia inevitabile poichè le restrizioni su movimento calano globalmente. Riassumono: il dexamethasone è collocato idealmente come opzione terapeutica standard del candidato per i pazienti COVID-19 con emergenza respiratoria, in grado di diminuire significativamente in modo redditizio il carico futuro della mortalità di questa malattia. L'approvazione di un tipo di terapia di dexamethasone per i pazienti che richiedono il supporto respiratorio ha potuto potenzialmente piombo ad un numero significativo delle vite salvate nel corso dei sei mesi prossimi della pandemia.„

Avviso *Important

il medRxiv pubblica i rapporti scientifici preliminari che pari-non sono esaminati e, pertanto, non dovrebbero essere considerati conclusivi, guida la pratica clinica/comportamento correlato con la salute, o trattato come informazioni stabilite.

Journal reference:
Dr. Liji Thomas

Written by

Dr. Liji Thomas

Dr. Liji Thomas is an OB-GYN, who graduated from the Government Medical College, University of Calicut, Kerala, in 2001. Liji practiced as a full-time consultant in obstetrics/gynecology in a private hospital for a few years following her graduation. She has counseled hundreds of patients facing issues from pregnancy-related problems and infertility, and has been in charge of over 2,000 deliveries, striving always to achieve a normal delivery rather than operative.

Citations

Please use one of the following formats to cite this article in your essay, paper or report:

  • APA

    Thomas, Liji. (2020, August 03). Dexamethasone dovrebbe essere una droga standard in COVID-19 severo. News-Medical. Retrieved on October 21, 2021 from https://www.news-medical.net/news/20200803/Dexamethasone-should-be-a-standard-drug-in-severe-COVID-19.aspx.

  • MLA

    Thomas, Liji. "Dexamethasone dovrebbe essere una droga standard in COVID-19 severo". News-Medical. 21 October 2021. <https://www.news-medical.net/news/20200803/Dexamethasone-should-be-a-standard-drug-in-severe-COVID-19.aspx>.

  • Chicago

    Thomas, Liji. "Dexamethasone dovrebbe essere una droga standard in COVID-19 severo". News-Medical. https://www.news-medical.net/news/20200803/Dexamethasone-should-be-a-standard-drug-in-severe-COVID-19.aspx. (accessed October 21, 2021).

  • Harvard

    Thomas, Liji. 2020. Dexamethasone dovrebbe essere una droga standard in COVID-19 severo. News-Medical, viewed 21 October 2021, https://www.news-medical.net/news/20200803/Dexamethasone-should-be-a-standard-drug-in-severe-COVID-19.aspx.