Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

L'ambulatorio per colecistite acuta durante la gravidanza può essere più sicuro del posponendo

Le colelitiasi dolorose sono comuni durante la gravidanza. Il dolore può essere intenso, accendendo improvvisamente, aumentando e spesso irradiandosi alla parte posteriore. Quando le colelitiasi causano l'infiammazione della cistifellea, una circostanza chiamata colecistite, i sintomi può peggiorare, con la nausea di febbre ed il vomito oltre al dolore.

La rimozione chirurgica della cistifellea è il trattamento più efficace, ma l'ambulatorio durante la gravidanza è temuto spesso ed a volte è posposto. Nel più grande studio degli Stati Uniti fin qui, i chirurghi di Jefferson hanno osservato che le madri che avvertono la colecistite durante la gravidanza hanno avute migliori risultati se avessero chirurgia durante la loro gravidanza che se l'ambulatorio fosse ritardato fino a dopo il parto.

Le linee guida correnti raccomandano la chirurgia per colecistite acuta durante la gravidanza, ma molti pazienti e fornitori ritardano la chirurgia. Abbiamo voluto sapere che ogni quanto tempo le linee guida sono state seguite e se dopo quelle linee guida effettivamente migliori i risultati per le donne incinte.„

Francesco Palazzo, MD, presidenza vice di chirurgia all'ospedale universitario di Thomas Jefferson, autore senior sullo studio

Lo studio è stato pubblicato negli annali di chirurgia.

Lo studio ha esaminato le registrazioni di un campione nazionale di 6.390 donne incinte ammesse ad un ospedale con colecistite acuta dal database nazionale di riammissione fra le date di gennaio 2010 e settembre 2015. Malgrado le linee guida nazionali, soltanto 38,2% delle donne hanno avuti chirurgia per eliminare le loro cistifellea quando hanno presentato con colecistite durante la gravidanza.

Le donne incinte con colecistite che non ha subito la chirurgia della cistifellea erano tre volte più probabili da avere complicazioni materno-fetali riguardante coloro che ha avuto chirurgia. Le complicazioni materno-fetali hanno studiato hanno compreso una combinazione di feto nato morto, di crescita fetale difficile, di aborto, di parto prematuro, di C-sezione, di spurgo ostetrico, di tromboembolismo venoso e di infezione intraamniotic. Queste differenze principalmente sono state determinate tramite un aumento nella crescita fetale difficile, nella consegna prematura e nella C-sezione fra quelle donne incinte che non hanno avute chirurgia della cistifellea.

“I dati ci non dicono che esattamente perché queste complicazioni hanno accaduto, appena quello erano più comuni in donne di cui gli ambulatori sono stati ritardati dopo le differenze rappresentanti fra i gruppi,„ dice primo l'autore Arturo J. Rios-Diaz, il MD, un quarto residente di anno nel dipartimento di chirurgia. Le donne che non hanno avute chirurgia durante la loro gravidanza erano egualmente 61% più probabili che essere riammesso all'ospedale entro 30 giorni di scarico e 95% più probabilmente da riammettere con una complicazione materno-fetale.

“Può essere abbastanza spaventosa e doloroso affinchè donne incinte avvertano colecistite,„ dice il co-author Vincenzo Berghella, Direttore della divisione di medicina fetale materna a Jefferson. “Molti medici sono ambulatorio di raccomandazione scomodo per le donne incinte. Ma questi dati indicano chiaramente che ci sono rischi con l'attesa fuori della chirurgia. I pazienti ed i medici dovrebbero sempre in primo luogo discutere l'opzione della gestione che sarebbe scelta se il paziente non fosse incinto. Come per quasi tutte le altre condizioni mediche che possono accadere nella gravidanza, la migliore opzione, in questo caso chirurgia con rimozione della cistifellea, dovrebbe essere fatta indipendentemente da essere incinta o non.„

“Classicamente, i medici sono stati formati che l'ambulatorio dovrebbe essere scoraggiato nel primo acetonide e terzo acetonide,„ dice il Dott. Palazzo. “Ma quelle credenze sono state basate sugli studi di cattiva qualità ed antiquati. I dati suggeriscono che i rischi possano essere molto maggiori per le donne con colecistite che non ottengono la chirurgia fino a dopo il parto.„

Source:
Journal reference:

Rios-Diaz, A.J., et al. (2020) Is It Safe to Manage Acute Cholecystitis Nonoperatively During Pregnancy? A Nationwide Analysis of Morbidity According to Management Strategy. Annals of Surgery. doi.org/10.1097/SLA.0000000000004210.