Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Soltanto la metà delle donne incinte universalmente ottiene il trattamento per la malattia evitabile di Rh

Soltanto metà delle donne incinte universalmente chi il bisogno un trattamento si è sviluppato in 50 anni fa per impedire la malattia di Rh--uno stato spesso interno in feti ed in neonati che ora è eccessivamente raro negli Stati Uniti e l'Europa occidentale--realmente ricevilo, ritrovamenti che uno studio piombo dai ricercatori all'istituto universitario di Vagelos dei medici e dei chirurghi (VP&S) al centro medico di Irving di Columbia University.

Uno studio precedente ha stimato che le complicazioni della malattia potessero essere collegate alle morti almeno di 50.000 feti e di 114.000 neonati universalmente annualmente.

I risultati dello studio sono stati pubblicati online in PLOS uno.

Questi risultati sono tragicamente sorprendenti e deludenti. Ciò è una crisi globale in cui le centinaia di migliaia di feti e di neonati sono a rischio delle complicazioni e la morte dovuto la malattia di Rh a causa di una mancanza di consapevolezza circa, accesso a e disponibilità di efficaci misure per impedire questa malattia.„

Steven L. Spitalnik, MD, professore di patologia & di biologia cellulare a VP&S ed autore senior dello studio

Approssimativamente la metà dei feti ed i neonati con la malattia di Rh muoiono

Circa 15% delle donne negli Stati Uniti e 17% nella mancanza di Europa una proteina sui loro globuli rossi hanno chiamato il fattore Rh. Tuttavia, la prevalenza stimata delle donne con il cosiddetto gruppo sanguigno di Rh negativo varia ampiamente fra i gruppi etnici differenti mondiali.

Quando tali donne diventano incinte, i globuli rossi da un feto Rh-positivo possono trasformare il loro modo la circolazione della madre durante la gravidanza o alla consegna. Questa incompatibilità spinge il sistema immunitario della madre per preparare gli anticorpi ed essere “sensibilizzato„ ai globuli rossi del feto. Durante le gravidanze successive, il sistema immunitario sensibilizzato della madre è più probabile lanciare un attacco contro il suo feto, piombo al Rh la malattia.

Più della metà dei feti o dei neonati con la malattia di Rh muoiono; quelli con la malattia severa che sopravvivono a possono avere lesione cerebrale significativa.

Negli anni 60, i medici a VP&S hanno sviluppato una terapia dell'immunoprofilassi, Rh (D) immunoglobulina, che impedisce alla madre di essere sensibilizzata ai globuli del suo bambino. Da allora, la malattia di Rh non si presenta quasi mai negli Stati Uniti ed altri paesi con reddito elevato.

“Questo trattamento è il livello di cura per impedire la malattia di Rh, ma riconosciamo che rimane ostacoli significativi ad accesso espandentesi a questa terapia di salvataggio intorno al mondo,„ diciamo Spitalnik, che sta lavorando con un gruppo internazionale dei medici per aumentare l'accesso alla terapia con il Rh (D) immunoglobulina intorno al mondo.

La malattia di Rh underrecognized, undertreated in pæsi più poveri

Il carico della malattia di Rh in paesi più a basso reddito non è ben noto; i preventivi più recenti sono basati sulle tariffe riferite delle complicazioni neonatali connesse con incompatibilità di Rh.

Per lo studio corrente, i ricercatori hanno misurato lo spazio fra le donne presunte per avere bisogno dell'immunoprofilassi di Rh e coloro che realmente la ottiene. In primo luogo, hanno stimato il numero annuale delle gravidanze universalmente che fanno partecipare una madre di Rh negativo e un feto Rh-positivo, in base all'annuale ha riferito le nascite ed i preventivi di prevalenza più recenti del gruppo sanguigno di Rh negativo in ogni regione. Dopo, hanno calcolato il numero delle dosi del Rh (D) l'immunoglobulina ha dovuto curare queste donne e rispetto al numero reale delle dosi amministrate globalmente.

Lo studio ha trovato uno spazio mondiale annuale di più di 2,5 milione dosi sotto la soglia raccomandata minimo per impedire la malattia di Rh.

In particolare, in 100 paesi, più poco di 80% delle donne incinte che hanno richiesto la terapia ha ricevuto una dose dopo la consegna.

I più grandi deficit si presentano in Asia del Sud ed in Africa Subsahariana: Entrambe le regioni non hanno un'alta incidenza delle morti neonatali dovuto le complicazioni della malattia di Rh, ma virtualmente Rh (D) l'immunoglobulina è stata dispensata.

I ricercatori hanno trovato che nessuno delle regioni studiate hanno avute livelli accettabili di aderenza alle linee guida raccomandate per impedire la malattia di Rh.

“Vari fattori, compreso mancanza di consapevolezza di incompatibilità di Rh, hanno limitato la disponibilità della terapia ed altre priorità di sanità, svolgono un ruolo nell'ostacolare l'accesso a questa terapia di salvataggio intorno al mondo,„ Spitalnik dice. “Ora che abbiamo una migliore comprensione di queste lacune nel trattamento, possiamo cominciare ad indirizzarle su un livello regionale.„

A questo scopo, Spitalnik ed il brie Stotler, il MD, il professore associato di patologia & biologia cellulare a VP&S ed il co-author dello studio, con un gruppo internazionale di collaboratori in ostetricia & ginecologia, il mestiere di levatrice, la pediatria, neonatologia, l'epidemiologia e medicina della trasfusione, l'estirpazione mondiale stabilita di malattia di Rh di iniziativa, un'organizzazione no-profit hanno dedicato al miglioramento della formazione circa la malattia di Rh ed a migliorare l'accesso alla prova ed al Rh del gruppo sanguigno (D) immunoglobulina.

Source:
Journal reference:

Pegoraro, V., et al. (2020) Hemolytic disease of the fetus and newborn due to Rh(D) incompatibility: A preventable disease that still produces significant morbidity and mortality in children. PLOS ONE. doi.org/10.1371/journal.pone.0235807.