Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Studio: Le disparità nei tassi di mortalità infantili della California sono aumentato di gruppi etnici sicuri

Mentre i tassi di mortalità infantili (IMR) sono diminuito globalmente dal 2007 al 2015 nella California, le disparità nei tassi di mortalità infantili sono aumentato di alcuni gruppi, includenti fra le madri obese, coloro che fuma e donne afroamericane, secondo un nuovo studio pubblicato in PLOS uno.

Lo scopo di questo studio era di chiarire meglio i preannunciatori materni ed infantili delle morti infantili nella California. I dati analizzati studio dai dati principali statistici di nascita in California, compilata dal ministero di California della salute pubblica (CDPH). I file da complessivamente 4.503.197 singole nascite, con 19.301 morte infantile, sono stati esaminati.

I risultati chiave dello studio includono:

  • I bambini delle donne afroamericane hanno avuti quasi due volte il rischio di mortalità infantile in paragone ai bambini delle donne bianche.
  • Gli infanti delle donne con i diplomi di maturità classica o più su erano 89% meno probabili morire, rispetto alle donne a di meno che una formazione della High School.
  • Gli infanti delle madri che hanno fumato durante il primo e secondo acetonide della gravidanza erano 75% più probabili morire che gli infanti dei non-fumatori.
  • Gli infanti delle donne che erano di peso eccessivo ed obese durante la gravidanza rappresentano 55% delle mortalità infantili nello studio.
  • Più della metà delle morti infantili erano ai bambini delle donne con stato socioeconomico più basso.
  • Gli infanti delle madri che partecipano a WIC, al programma supplementare speciale di nutrizione per le donne, ad infanti ed a bambini, erano 59% più probabili morire che gli infanti dei partecipanti non-WIC.
  • Gli infanti con basso peso alla nascita e la nascita prematura erano più di sei volte e quasi quattro volte più probabilmente morire rispettivamente che gli infanti che hanno avuti nascite normali.
  • Gli infanti nati dalle madri sotto l'età di 20 hanno rappresentato 10,9% delle morti infantili. Le madri sopra l'età di 40 sono state associate con 5,6% dei casi totali delle morti infantili.
  • Nella regione rurale di San Joaquin Valley, le donne erano 51% più probabili avvertire le morti infantili confrontate alle donne urbane che vivono a San Diego-area.

La mortalità infantile è un indicatore ampio-riferito di salubrità della popolazione, che può potenzialmente essere diminuito dalle disparità di indirizzo e morbosità razziali/etniche e geografiche di importanza clinica.„

Anura Ratnasiri, autore di studio primi e ricercatore, dipartimento dei servizi di sanità, stato di California

“Il nostro studio ha mostrato che quello intraprendere le azione per diminuire la mortalità infantile è probabile avere un effetto dello straripamento sul miglioramento della salubrità globale della popolazione nelle generazioni per venire.„

Lo studio specula che gli interventi di salubrità più efficaci possono essere iniziative di salute pubblica e sociali che attenuano le disparità nei rischi sociodemografici, economici e comportamentistici per le madri.

La messa a fuoco di istruzione pubblica sull'obesità materna e sulla cessazione di fumo può anche avere un impatto positivo su tutti gli aspetti di mortalità infantile. L'autorizzazione delle donne per raggiungere gli più alti scopi educativi probabilmente egualmente migliorerà il loro stato socioeconomico e possibilità d'impiego, che sono indicatori importanti delle disparità di salubrità.

“Questi risultati indicano chiaramente che dobbiamo mettere a fuoco sul benessere delle madri afroamericane e delle madri nel San Joaquin Valley ed affrontare le emissioni quale l'obesità materna per raggiungere il miglioramento in IMR,„ hanno detto Satyan Lakshminrusimha, un autore di studio e medico-in-capo all'ospedale pediatrico di Uc Davis.

Source:
Journal reference:

Ratnasiri, A. W. G., et al. (2020) Maternal and infant predictors of infant mortality in California, 2007–2015. PLOS One. doi.org/10.1371/journal.pone.0236877.