Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Lo studio identifica il nuovo insieme delle celle di gusto a funzioni multiple

Le nostre bocche possono essere domestiche ad un insieme recentemente scoperto delle celle di gusto a funzioni multiple quello; a differenza della maggior parte delle celle di gusto conosciute, che individuano i diversi gusti; sia capace degli stimoli acidi, dolci, amari e di umami di rilevazione. Un gruppo di ricerca piombo da Kathryn Medler all'università alla Buffalo riferisce questa scoperta in un 13 agosto pubblicato studioth nella genetica di PLOS.

Le papille gustative nella bocca sono critiche alla nostra sopravvivenza e ci aiutano a decidere se un alimento è una buona sorgente delle sostanze nutrienti o di un veleno potenziale. Le papille gustative impiegano tre tipi di celle di gusto: Digiti le celle di I funge da celle di sostegno; Il tipo celle di II individua i gusti amari, del dolce e di umami; ed il tipo celle di III individua i sapori acidi e salati. Per capire meglio come le celle di gusto individuano e segnalano la presenza di gusti differenti, i ricercatori hanno usato un modello costruito del mouse per studiare le vie di segnalazione che gli animali usano per trasmettere le informazioni del gusto al cervello. Hanno scoperto un sottoinsieme precedentemente sconosciuto di tipo celle di III che erano “largamente rispondenti„ e potrebbero annunciare gli stimoli acidi facendo uso di una via di segnalazione e degli stimoli amari e di umami del dolce, facendo uso di un altro.

L'idea che i mammiferi potrebbero possedere largamente le celle di gusto rispondenti è stata messa avanti dai gruppi multipli del laboratorio, ma precedentemente, nessuno aveva isolato ed identificato queste celle. I ricercatori sospettano che le celle rispondenti danno largamente un contributo significativo alla nostra capacità di avere un sapore. La loro scoperta fornisce la nuova comprensione in come le informazioni del gusto sono inviate al cervello per elaborare e suggerisce che le papille gustative siano molto più complesse di noi corrente apprezza.

Le celle di gusto possono essere selettive o generalmente rispondenti agli stimoli che è simile alle celle nel cervello che informazioni trattate di gusto. Gli esperimenti futuri saranno messi a fuoco sulla comprensione quanto le celle di gusto rispondenti contribuiscono largamente a codifica del gusto.„

Kathryn Medler, autore

Source:
Journal reference:

Banik, D.D., et al. (2020) A subset of broadly responsive Type III taste cells contribute to the detection of bitter, sweet and umami stimuli. PLOS Genetics. doi.org/10.1371/journal.pgen.1008925.