Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

I ricercatori scoprono come i batteri dell'intestino aiutano il sistema immunitario a combattere i tumori cancerogeni

I ricercatori con l'istituto di Snyder per le malattie croniche alla scuola di medicina di Cumming (CSM) hanno scoperto quale batteri dell'intestino aiutano il nostro sistema immunitario a combattere i tumori cancerogeni ed a come essi lo fanno. La scoperta può fornire una nuova comprensione di perché immunoterapia, un trattamento per cancro che le guide ampliano la risposta immunitaria dell'organismo, impianti in alcuni casi, ma non altri. I risultati, pubblicati nella scienza, manifestazione che combina l'immunoterapia con la terapia microbica specifica amplifica la capacità del sistema immunitario di riconoscere ed attaccare le cellule tumorali in alcuni melanoma, vescica e cancri colorettali.

Il Dott. Kathy McCoy, PhD, è un esperto principale sulla relazione dell'organismo con il microbiome. Lei ed il suo gruppo sono messi a fuoco sullo sfruttamento della potenza del microbiome migliorare la salubrità e trattare le malattie. McCoy dice di sfruttare ed ordinare che gli scienziati di potenza debbano capire meglio il gioco dei batteri di ruolo nella regolamentazione del sistema immunitario.

Gli studi recenti hanno fornito la prova ben fondata che sventrano il microbiota possono pregiudicare positivamente l'immunità antitumorale e migliorano l'efficacia di immunoterapia nel trattamento di cancri determinati, eppure, come i batteri potevano fare il questo rimanente evasivo. Abbiamo potuti costruire su quel lavoro mostrando come i batteri sicuri migliorano l'abilità delle cellule T, i soldati dell'immunità dell'organismo che attaccano e distruggono le celle cancerogene.„

Dott. Kathy McCoy, Direttore del centro internazionale di Microbiome all'università di Calgary e ricercatore principale sullo studio

In primo luogo, i ricercatori hanno identificato le specie batteriche che sono state associate con i tumori colorettali del cancro una volta trattate con immunoterapia. Lavorando con i mouse esenti da germi, poi hanno presentato questi batteri specifici con il blocco immune del controllo, un tipo di immunoterapia del cancro. La ricerca ha rivelato che i batteri specifici erano essenziali al funzionamento di immunoterapia. I tumori si sono restretti, drasticamente. Per quegli oggetti che non hanno ricevuto i batteri utili, l'immunoterapia non ha avuta effetto.

“Abbiamo trovato che questi batteri producono una piccola molecola, chiamato inosina,„ dice il Dott. Lukas Mager, MD, PhD, ricercatore postdottorale senior nel laboratorio di McCoy e primo autore sullo studio. “L'inosina interagisce direttamente con le cellule T ed insieme ad immunoterapia, migliora l'efficacia di quel trattamento, distruggente in alcuni casi tutte le cellule tumorali colorettali.„

I ricercatori poi hanno convalidato i risultati sia nel cancro che nel melanoma di vescica. Il punto seguente in questo lavoro sarà di studiare l'individuazione negli esseri umani. I tre batteri utili connessi con i tumori in mouse egualmente sono stati trovati nei cancri in esseri umani.

“Identificare come i microbi migliorano l'immunoterapia è determinante per la progettazione delle terapie con i beni anticancro, che possono includere i microbials,„ dice McCoy. “Il microbiome è una collezione stupefacente di miliardi di batteri di cui viva all'interno ed intorno noi di ogni giorno. Siamo nella fase iniziale completamente di comprensione come possiamo usare questa conoscenza nuova per migliorare l'efficacia e la sicurezza della terapia anticancro e per migliorare la sopravvivenza ed il benessere di malato di cancro.„