Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Il gene recentemente identificato ha potuto migliorare il trattamento per la sclerosi a placche

La sclerosi a placche di malattia (MS) attacca il sistema nervoso centrale e, con tempo, può provocare i tremiti del muscolo e la perdita di bilanciamento. I ricercatori a Karolinska Institutet in Svezia ora hanno identificato un gene, Gsta4, che protegge un determinato genere di cella nel cervello dal distruggersi.

È sperato che i risultati dello studio, che è pubblicato nelle comunicazioni della natura, possano contribuire a migliorare il trattamento di questa malattia seria.

Catturati insieme, i nostri risultati sono particolarmente interessanti per parecchie ragioni. Troppo poco è conosciuto circa i meccanismi dietro il ms del progressivo, da cui significo la fase della malattia in cui i oligodendrocytes ed i neuroni nel cervello muoiono senza riformare.„

Karl Carlström, autore di studio e ricercatore corrispondenti, dipartimento di scienza clinica, Karolinska Institutet

I neuroni del cervello possono essere paragonati ai collegare elettrici, il protettivo ed isolando protegge di quale sono essenziali al loro scopo. Le celle che forniscono tale isolante le sono chiamate oligodendrocytes ed è queste che il sistema immunitario attacca in una fase in anticipo di sig.ra.

I ricercatori a Karolinska Institutet hanno studiato i meccanismi possibili che influenzano entrambi come oligodendrocytes maturi nelle celle funzionali e nella loro sopravvivenza durante questo trattamento.

Il ms è una malattia del sistema nervoso centrale (il cervello ed il midollo spinale) e può durare per molti anni, piombo in molti casi a, tra altri problemi, perdita di sensazione, tremiti, camminata delle difficoltà, basculaggi asse verticali di umore e danno visivo.

Droghe efficaci

In una fase in anticipo di ms, i oligodendrocytes possono riformare e maturare nelle nuove celle d'isolamento, così riparando la funzionalità di un neurone nel paziente. Tuttavia, questa funzione è bloccata gradualmente e con la capacità delle celle protettive e d'isolamenti completamente di maturare. Poiché gli scienziati non sanno perché questo è, non c'è corrente il trattamento disponibile.

“Nel nostro studio identifichiamo un gene chiamato Gsta4, che è particolarmente importante al trattamento di maturazione dei oligodendrocytes. Interessante, sembra che alcune droghe conosciute e future del ms accelerino questo trattamento in ratti attraverso questo gene stesso. Elimini Gsta4 e perdono questo effetto.„

Sperimentando sui ratti, i ricercatori hanno potuti indicare che i oligodendrocytes con gli alti livelli di Gsta4 maturano più rapidamente e sono molto più possibili di quelli con i livelli normali del gene. Ciò significa che il danno sotto forma di isolante compromesso intorno ai neuroni inscatola più rapidamente è riparato.

Impedisce la cella-morte

Un modo che il gene sembra fare questo è impedendo la morte (apoptotic) che segnala nei oligodendrocytes. Questi segnali possono essere avviati da un intervallo dei fattori ed anche comprendere le centrali elettriche delle cellule, o i mitocondri, che sembrano essere protetti dai livelli elevati Gsta4.

Per concludere, i ricercatori possono indicare che ai livelli elevati Gsta4, il ripristino si presenta più rapidamente in un modello sperimentale per il ms che in animali con i livelli normali del gene. Lo studio indica che durante la crescita e la scadenza delle cellule, è vitale che i mitocondri sono protetti ed i segnali apoptotic limitati.

I risultati possono fornire la conoscenza circa il ms ed il meccanismo di atto delle droghe in uso, o presto essere usato, per sig.ra.

Source:
Journal reference:

Carlström, K. E., et al. (2020) Gsta4 controls apoptosis of differentiating adult oligodendrocytes during homeostasis and remyelination via the mitochondria-associated Fas-Casp8-Bid-axis. Nature Communications. doi.org/10.1038/s41467-020-17871-5.