Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

I fattori di rischio cardiovascolari possono urtare i risultati COVID-19

I pazienti COVID-19 con i comorbidities o i fattori di rischio cardiovascolari sono più probabili sviluppare le complicazioni cardiovascolari mentre ospedalizzati e più probabile morire dall'infezione COVID-19, secondo un 14 agosto 2020 pubblicato nuovo studio nel giornale PLOS UNO di aperto Access da Jolanda Sabatino del degli Studi Magna Graecia di Catanzaro, Italia e colleghi di Universita.

Per la maggior parte della gente, la malattia delicata di Coronavirus di cause novelle di malattia 2019 (COVID-19), comunque può generare la polmonite severa e piombo alla morte in altre. È cruciale per i clinici che lavorano con i pazienti cardiovascolari per capire la presentazione ed i fattori di rischio clinici per l'infezione COVID-19 in questo gruppo.

Nel nuovo studio, i ricercatori hanno analizzato i dati da 21 hanno pubblicato gli studi d'osservazione su complessivamente 77.317 pazienti ospedalizzati COVID-19 in Asia, Europa e negli Stati Uniti. Quando sono stati ammessi all'ospedale, 12,89% (ci 8.24-18.32 di 95%) dei pazienti hanno avuti comorbidities cardiovascolari, 36,08% (ci 20.25-53.64 di 95%) hanno avuti ipertensione e 19,45% (ci 12.55-27.45 di 95%) hanno avuti diabete.

Le complicazioni cardiovascolari sono state documentate durante la degenza in ospedale di 14,09% (ci 10.26-20.23 di 95%) dei pazienti COVID-19. Il più comuni di queste complicazioni erano le aritmia o palpitazioni; i numeri significativi dei pazienti egualmente hanno avuti lesione del miocardio. Quando i ricercatori hanno analizzato i dati, hanno trovato che i comorbidities o i fattori di rischio cardiovascolari preesistenti erano preannunciatori significativi delle complicazioni cardiovascolari (p=0.019), ma età (p=0.197) ed il genere (p=0.173) non era. Sia l'età che i comorbidities o i fattori di rischio cardiovascolari preesistenti erano preannunciatori significativi della morte.

Gli autori aggiungono: “Le complicazioni cardiovascolari sono frequenti fra i pazienti COVID-19 e potrebbero contribuire agli eventi ed alla mortalità clinici avversi.„

Source:
Journal reference:

Sabatino, J., et al. (2020) Impact of cardiovascular risk profile on COVID-19 outcome. A meta-analysis. PLOS ONE. doi.org/10.1371/journal.pone.0237131.