Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

L'igiene difficile e l'uso antibiotico possono contribuire a colonizzazione dei batteri antimicrobico-resistenti

Gli scienziati hanno trovato i chiari indicatori per come l'interazione dell'igiene difficile e l'uso antibiotico contribuiscono alla colonizzazione dei batteri (AMR) antimicrobico-resistenti in esseri umani, un problema che contribuisce annualmente alle centinaia di migliaia di morti.

I risultati dai ricercatori al Paul G. Allen School di Washington State University per salute degli animali globale (banco di Allen) ed Universidad del Vale il de Guatemala (UVG) sono stati pubblicati giovedì nei rapporti scientifici del giornale.

Accoppiato con amministrazione antibiotica, questi nuovi risultati supportano la necessità critica di migliorare il risanamento e l'igiene come intervento per rallentare la diffusione dei batteri antimicrobico-resistenti. Il risanamento difficile ha un effetto primario sulla resistenza antimicrobica in modo da investire in migliore infrastruttura contribuirà a diminuire l'incidenza delle infezioni di Amr.„

Dott. Mark Caudell, co-author, Organizzazione per l'alimentazione e l'agricoltura del coordinatore di Amr, delle nazioni unite

Questo cavo di collaborazione di sforzo da WSU e da UVG nel Guatemala, fa parte di più grande programma di ricerca per capire come reticoli prevalenti di uso e dei regolamenti antibiotici, accesso ai servizi umani ed animali di sanità e reticoli di Amr di impatto di risanamento in paesi alti- ed a basso reddito.

Famiglie d'esame nelle comunità guatemalteche rurali ed urbane, hanno esaminato come la distribuzione di Escherichia coli antimicrobico-resistente è stata collegata con densità demografica, accesso alle terapie antibiotiche, indicatori dell'igiene e di risanamento quale accesso ad acqua pulita e prevalenza di defecazione aperta e pratiche del preparato di alimento e del consumo del latte.

I risultati hanno confermato che il Amr era associato con l'aumento di frequenza di uso antibiotico, dei livelli difficili dell'igiene della famiglia, del consumo del latte e degli episodi di diarrea.

“Ha migliorato l'amministrazione antibiotica, compreso controllo di accesso non regolato agli antibiotici è critico a diminuire la prevalenza dei batteri antimicrobico-resistenti, ma l'amministrazione da solo non urterà con successo la prevalenza della resistenza quando l'igiene è compromessa,„ il Dott. indicato Brooke Ramay, ricercatore del co-cavo e professore con il banco di Allen e UVG.

Questi risultati con la ricerca supplementare saranno usati per informare le pratiche di intervento che possono essere applicate in coordinazione con i servizi sanitari di salute pubblica locali, compreso il ministero della sanità guatemalteco.

Source:
Journal reference:

Ramay, B.M., et al. (2020) Antibiotic use and hygiene interact to influence the distribution of antimicrobial-resistant bacteria in low-income communities in Guatemala. Scientific Reports. doi.org/10.1038/s41598-020-70741-4.