Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Sociale che distanzia le visite diminuite di ER e le infezioni delle vie respiratorie in bambini finlandesi

La Finlandia ha dichiarato un lockdown in risposta alla pandemia di coronavirus nel marzo 2020 ed il sociale seguente che distanzia le misure ha fatto diminuire il numero delle visite di pronto soccorso pediatriche a quasi un terzo cui hanno usato per essere, secondo gli studi basati sui registri recenti di intrapresi di nella collaborazione fra l'università di Finlandia orientale, l'ospedale universitario di Kuopio e l'istituto nazionale per sanità e sicurezza sociale.

Distanziare del sociale ha diminuito le visite di ER e le infezioni delle vie respiratorie in bambini finlandesi

I ricercatori hanno esaminato il numero delle visite di pronto soccorso pediatriche in due ospedali finlandesi (ospedale universitario di Kuopio, ospedale centrale di Mikkeli) quattro settimane prima e quattro settimane dopo che il paese è entrato in lockdown. Inoltre, numeri settimanali nazionali di influenza (A + B) ed il virus respiratorio sinciziale (RSV) in bambini sono stati raccolti dal registro nazionale della malattia infettiva per la stagione 2019-2020 di influenza e sono stati comparati ai numeri dal 2015.

Oltre ad una diminuzione nelle visite di pronto soccorso pediatriche, il numero dei rinvii dell'ospedale egualmente è stato diminuito dalla metà dall'inizio del lockdown. Una simile diminuzione è stata osservata in entrambi gli ospedali ed in bambini di tutte le età.

La maggior parte delle visite di pronto soccorso pediatriche sono causate dalle infezioni virali delle vie respiratorie e particolarmente dai casi delle infezioni superiori delle vie respiratorie e delle otiti medie in diminuzione significativamente. Il cambiamento era più visibile nei casi delle infezioni più basse delle vie respiratorie, cioè la bronchite e polmonite, di cui l'incidenza è diminuito ad intorno un quinto. Una simile diminuzione non è stata veduta nei numeri a partire dalla primavera 2019.

La stagione di influenza e l'epidemia del virus di RS cessata presto dopo il lockdown è stata dichiarata. Rispetto ai primi anni, la stagione di influenza è durato soltanto approssimativamente la metà della sua durata normale (8 settimane contro 13-20 settimane durante i primi anni). Nessun caso pediatrico di COVID-19 è stato trovato in ospedali partecipanti durante il periodo di studio.

Siamo usati all'idea che i bambini hanno infezioni delle vie respiratorie quasi continuamente; soffrono il più comunemente dalla bronchite e dalle otiti medie. I bambini sotto l'età di una sono egualmente frequentemente ospedalizzato dovuto RSV o influenza. Tuttavia, i nostri risultati ora indicano che distanziare sociale svolge un ruolo principale nella diminuzione le infezioni, le visite di pronto soccorso e dell'ospedalizzazione pediatriche.„

Marjo Renko, il professor di pediatria, università di Finlandia orientale

Source:
Journal reference:

Kuitunen, I., et al. (2020) Effect of Social Distancing Due to the COVID-19 Pandemic on the Incidence of Viral Respiratory Tract Infections in Children in Finland During Early. Pediatric Infectious Diseases. doi.org/10.1097/INF.0000000000002845.