Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Studio: Il completamento di vitamina D è associato con i cambiamenti composizionali nel microbiome di un bambino

La nuova ricerca dallo studio di gruppo del BAMBINO ha fare luce sull'influenza del completamento di vitamina D sul microbiome di sviluppo dell'intestino di un bambino.

Lo studio, pubblicato nei microbi dell'intestino del giornale, trovati che il completamento di vitamina D è associato con i cambiamenti composizionali nel microbiome di un bambino--considerevolmente un'abbondanza più bassa dei batteri Megamonas--a tre mesi dell'età.

La vitamina D svolge un ruolo importante nella durata in anticipo, nel metabolismo supportante dell'osso e nello sviluppo sano del sistema immunitario di un bambino.„

Anita Kozyrskyj, studia l'autore ed il professor senior, dipartimento della pediatria, università di alberta

Kozyrskyj è egualmente un ricercatore di studio di gruppo del BAMBINO.

“La maggior parte dei infanti in America settentrionale ricevono la vitamina D, come supplemento all'allattamento al seno o come ingrediente nelle formule infantili commerciali, in modo da abbiamo voluto capire l'associazione fra la vitamina D e la presenza o l'abbondanza di batteri chiave all'interno del tratto intestinale di un bambino.„

I ricercatori hanno esaminato i campioni fecali prelevati durante le visite domestiche da 1.157 infanti che fa parte dello studio di gruppo del BAMBINO--uno studio nazionale che è seguenti quasi 3.500 bambini canadesi prima della nascita ad adolescenza con l'obiettivo primario di scoperta delle cause di origine delle allergie, dell'asma, dell'obesità e di altre malattie croniche.

Hanno trovato che quello il completamento diretto di vitamina D degli infanti con le gocce di vitamina D è stato associato con un'abbondanza più bassa di Megamonas, indipendentemente da come un bambino è stato alimentato (allattato o formula dato).

“Mentre piccolo è conosciuto circa Megamonas nell'infanzia, la nostra ricerca precedente suggerisce che ci possa essere un collegamento fra questa batterio ed asma o infezioni virali respiratorie, in modo dalla vitamina D può offrire gli assegni complementari per salubrità di infanzia che dovrebbe essere studiata più ulteriormente,„ Kozyrskyj aggiunto, anche un membro dell'istituto di ricerca di salubrità dei bambini e delle donne.

I ricercatori egualmente hanno valutato l'associazione fra il completamento infantile e materno di vitamina D e la presenza di Clostridioides difficile (C. difficile) nell'intestino di un bambino. “Alcuni infanti portano il batterio diarrea-causante C. difficile nelle loro budella senza alcuni sintomi.

Tuttavia, quando i livelli di batteri dell'intestino diventano squilibrati, questo batterio particolare può moltiplicarsi, causando la malattia ed aumentando la predisposizione alla malattia cronica più successivamente di infanzia,„ primo Kelsea commentato Drall autore, un laureato del MSc da U di A e un apprendista dell'allergene.

Lo studio ha trovato che quasi 30 per cento degli infanti hanno portato il C. difficile, ma c'era un'incidenza più bassa del batterio fra gli infanti esclusivamente allattati. Tuttavia, nè il completamento infantile con i cali di vitamina D nè il completamento materno di vitamina D durante la gravidanza o dopo la consegna è stato associato con colonizzazione difficile del C.

“Interessante, il consumo materno di latte D-fortificato vitamina era il solo fattore che ha diminuito la probabilità di colonizzazione difficile del C. in infanti,„ Drall aggiunto.

Secondo Kozyrskyj, il microbiota dell'intestino di un infante subisce il cambiamento rapido nella vita in anticipo. Di conseguenza, è critico capire i fattori connessi con le comunità microbiche che popolano l'intestino infantile durante questo periodo inerente allo sviluppo chiave.

“I bassi livelli di vitamina D sono stati associati con il virus respiratorio sinciziale (RSV)--un'infezione comune del polmone fra gli infanti--e più recentemente, predisposizione alla malattia COVID-19,„ ha precisato.

“Nello studio di gruppo del BAMBINO, abbiamo un'opportunità unica di seguire i nostri bambini di studio mentre ottengono più vecchi di capire come i cambiamenti microbici osservati come conseguenza degli interventi dietetici possono essere associati con i risultati successivi di salubrità quali asma e le infezioni virali.„

Source:
Journal reference:

Drall, K. M., et al. (2020) Vitamin D supplementation in pregnancy and early infancy in relation to gut microbiota composition and C. difficile colonization: implications for viral respiratory infections. Gut Microbes. doi.org/10.1080/19490976.2020.1799734.