Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

La repository centralizzata delle cartelle sanitarie può eseguire l'analisi e la visualizzazione di dati

Più di una decade fa, cartelle sanitarie elettroniche erano tutta la collera, promettendo di trasformare la sanità e contribuire a guidare le decisioni e la risposta cliniche di salute pubblica.

Con l'arrivo di COVID-19, i ricercatori hanno rend contoere rapidamente che le cartelle sanitarie elettroniche (EMRs) non avevano vissuto fino alla loro piena capacità--in gran parte dovuto decentralizzazione diffusa delle registrazioni e dei sistemi clinici che non possono “parlare„ con uno un altro.

Ora, in uno sforzo per aggirare questi impedimenti, un gruppo internazionale di ricercatori ha creato con successo una repository centralizzata delle cartelle sanitarie che, oltre alla raccolta di dati rapida, può eseguire l'analisi di dati e la visualizzazione.

La piattaforma, Aug.19 descritto nella medicina di Digital della natura, contiene i dati da 96 ospedali in cinque paesi ed ha reso l'intrigo, anche se il preliminare, bugne cliniche circa come la malattia presenta, evolve e pregiudica i sistemi differenti dell'organo attraverso le categorie differenti di pazienti COVID-19.

Per ora, la piattaforma rappresenta più di un proof of concept che uno strumento completamente mutevole, le avvertenze del gruppo di ricerca, aggiungenti che le osservazioni iniziali permesse a dai dati sollevano più questioni che essi risponde.

Tuttavia, mentre la raccolta di dati si sviluppa e più istituzioni cominciano a fornire tali informazioni, l'utilità della piattaforma si evolverà di conseguenza, il gruppo ha detto.

COVID-19 ha catturato il mondo impreparato ed ha esposto le carenze importanti nella nostra capacità di usare le cartelle sanitarie elettroniche per spigolare le comprensioni indicarici che potrebbero informare la risposta durante la pandemia shapeshifting.„

Isaac Kohane, studia l'autore e la presidenza senior, dipartimento dell'informatica biomedica, istituto di Blavatnik, facoltà di medicina di Harvard

“La nuova piattaforma che abbiamo creato indica che possiamo, infatti, sormontiamo alcune di queste sfide e rapido raccogliamo i dati critici che possono aiutarci a confrontare la malattia al lato del letto e di là.„

Nel suo rapporto, il gruppo di ricerca multi-istituzionale banco Banco medico di Harvard fornisce le comprensioni dall'analisi preventiva delle registrazioni da 27.584 pazienti e da 187.802 prove di laboratorio raccolti negli inizi dell'epidemia, dal 1° gennaio all'11 aprile.

I dati sono venuto da 96 ospedali negli Stati Uniti, Francia, Italia, Germania e Singapore, come componente del consorzio 4CE, una repository internazionale della ricerca delle cartelle sanitarie elettroniche usate per informare gli studi sulla pandemia COVID-19.

“Il nostro lavoro dimostra che i sistemi ospedalieri possono organizzare rapidamente per collaborare attraverso i confini, linguaggi e sistemi di codifica differenti,„ ha detto il primo monello di Gabriel autore di studio, l'assistente universitario di HMS di chirurgia al centro medico di Beth Israele Deaconess e un membro del dipartimento dell'informatica biomedica.

“Spero che i nostri sforzi in corso per generare le comprensioni circa COVID-19 e per migliorare il trattamento incoraggino altri intorno al mondo ad aderire e dividere i dati.„

La nuova piattaforma sottolinea il valore di tale analisi dei dati agile nella generazione rapida di conoscenza, specialmente durante la pandemia che colloca l'urgenza extra sulle questioni chiavi di risposta, ma tali strumenti devono anche avvicinarsi a con prudenza ed essere conforme al rigore scientifico, secondo un editoriale accompagnante rinchiuso dagli esperti principali nella scienza biomedica di dati.

“La barra per questo lavoro deve essere livello fissato, ma dobbiamo anche potere muoverci rapidamente. Gli esempi quale la manifestazione di collaborazione 4CE che entrambi possono essere raggiunti,„ scrive Harlan Krumholz, autore senior sull'editoriale accompagnante e professore di medicina e la cardiologia e Direttore del centro per la ricerca di risultati e della valutazione al Yale-Nuovo ospedale del porto.

Che genere di Intel può EMRs fornire?

In una pandemia, specialmente una che comprende un nuovo agente patogeno, valutazione rapida delle registrazioni cliniche può fornire informazioni non solo sulla tariffa di nuove infezioni e la prevalenza della malattia, ma anche sulle funzionalità cliniche chiave che possono fare presagire i buoni o cattivi risultati, la severità di malattia e l'esigenza di ulteriore prova o di interventi determinati.

Questi dati possono anche rendere le bugne circa le differenze nel corso di malattia attraverso i vari gruppi demografici e le fluttuazioni indicative in biomarcatori connessi con la funzione del cuore, il rene, il fegato, sistema immunitario e più.

Tali comprensioni sono particolarmente critiche nelle primi settimane e mesi dopo che una malattia novella emerge e gli esperti in salute pubblica, medici ed i responsabili della politica stanno pilotando il capanno mimetico. Tali dati hanno potuto provare successivamente critico: I reticoli indicativi possono dire a ricercatori come progettare i test clinici per capire meglio i driver di fondo che l'influenza abbia osservato i risultati.

Per esempio, se le registrazioni stanno mostrando i cambiamenti coerenti nelle orme di una proteina che annunzia la coagulazione di sangue aberrante, i ricercatori possono scegliere di mettere a fuoco il loro video, i trattamenti sui sistemi dell'organo di cui la disfunzione è associata con queste anomalie o il fuoco sugli organi che potrebbero essere nociuti a dai grumi, considerevolmente il cervello, il cuore ed i polmoni.

L'analisi dei dati raccolti a marzo dimostra che è possibile creare rapidamente uno schizzo clinico della malattia che può più successivamente essere riempita poichè i dettagli più granulari emergono, i ricercatori ha detto.

Nello studio corrente, i ricercatori hanno tenuto la carreggiata i seguenti dati:

  • Numero totale dei pazienti COVID-19
  • Numero delle ammissioni e degli scarichi dell'unità di cure intensive
  • Media di sette giorni dei nuovi casi per 100,000 persone per pæse
  • Numero di vittime quotidiano
  • Ripartizione demografica dei pazienti
  • Le prove di laboratorio per valutare cardiaco, immune e rene e funzione epatica, misurano i conteggi di globulo rossi e bianchi, gli indicatori infiammatori quale proteina C-reattiva come pure due proteine relative alla coagulazione di sangue (D-dimero) ed alla lesione del muscolo cardiaco (troponina)

Reticoli indicatori

Le osservazioni del rapporto incluse:

  • Le analisi demografiche per pæse hanno mostrato le variazioni nell'età dei pazienti ospedalizzati, con l'Italia che ha la più grande percentuale di pazienti anziani (in 70 anni) diagnosticati con COVID-19.
  • Alla presentazione iniziale all'ospedale, i pazienti hanno mostrato la consistenza notevole nella misurazione delle prove di laboratorio cardiaca, immune, nella sangue-coagulazione ed in rene e nella funzione epatica.
  • Il giorno uno dell'ammissione, la maggior parte dei pazienti hanno avuti malattia relativamente moderata come misurata dalle prove di laboratorio, con gli esami iniziali che provano le anomalie moderate ma nessun'indicazione dell'errore dell'organo.
  • Le anomalie importanti erano evidenti il giorno uno della diagnosi per proteina C-reattiva--una misura di infiammazione--e proteina del D-dimero, un prodotto chimico che misura la coagulazione di sangue con i risultati dei test che peggiorano progressivamente nei pazienti che hanno continuato a sviluppare la malattia più severa o sono morto.
  • I livelli della bilirubina degli enzimi del fegato, che indicano la funzione epatica, erano inizialmente normali attraverso gli ospedali ma sono stati peggiorati fra i pazienti con insistenza ospedalizzati, un'individuazione del suggerimento del che la maggior parte paziente non ha avuta danno del fegato sulla presentazione iniziale.
  • Livelli della creatinina--quale misura come i reni stanno filtrando lo spreco--ampie variazioni indicate attraverso gli ospedali, un'individuazione che può riflettere le variazioni che attraversano il pæse in prova, nell'uso dei liquidi gestire la funzione o le differenze del rene nella sincronizzazione della presentazione paziente nelle varie fasi della malattia.
  • In media, conteggi di globulo bianchi--una misura della risposta immunitaria--erano all'interno degli intervalli normali per la maggior parte dei pazienti ma delle elevazioni indicate fra coloro che ha avuto malattia severa e rimanente ospedalizzato più lungamente.

Anche se i risultati del rapporto sono osservazioni e non possono essere usati per trarre le conclusioni, le tendenze che indicano potrebbe fornire le fondamenta per messo a fuoco e gli studi approfonditi che ottengono alla root di queste osservazioni, il gruppo hanno detto.

“È chiaro che in mezzo di un agente patogeno emergente, l'incertezza lontano oltrepassa la conoscenza,„ Kohane ha detto. “I nostri sforzi stabiliscono una struttura per riflettere la traiettoria di COVID-19 attraverso le categorie differenti di pazienti e per aiutarci a capire la risposta agli interventi clinici differenti.„

Source:
Journal reference:

Brat, G. A., et al. (2020) International electronic health record-derived COVID-19 clinical course profiles: the 4CE consortium. npj Digital Medicine. doi.org/10.1038/s41746-020-00308-0.