Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

I ricercatori identificano il meccanismo che spiega la risposta immunitaria di bassa qualità in pazienti COVID-19

La versione delle quantità enormi di proteine chiamate citochine può piombo ad alcuni dei sintomi più severi di COVID-19. Quando tantissime celle immuni rilasciano le citochine, questa aumenta l'infiammazione e crea un ciclo di feedback in cui le celle più immuni sono attivate e questa a volte è chiamata una tempesta di citochina.

Uno studio del 19 agosto nella cella del giornale ora suggerisce che gli alti livelli di alcune citochine possano anche impedire la gente che è infettata dallo sviluppare l'immunità a lungo termine i pazienti commoventi sono stati osservati per fare molto pochi dei tipi di linfociti B stati necessari per sviluppare una risposta immunitaria durevole.

“Abbiamo veduto molti studi che suggeriamo che l'immunità a COVID-19 non fosse durevole perché gli anticorpi diminuiscono col passare del tempo,„ dicesse l'autore Shiv co-senior Pillai, un professore alla facoltà di medicina di Harvard ed al membro dell'istituto di Ragon del policlinico di Massachusetts, del MIT e di Harvard. “Questo studio fornisce un meccanismo che spiega questa risposta immunitaria di bassa qualità.„

I ricercatori messi a fuoco sui centri germinali--le aree all'interno dei linfonodi e delle milze in cui i linfociti B, le celle immuni che producono gli anticorpi, si differenziano. La differenziazione ed i cambiamenti nei geni dell'anticorpo sono richiesti per sviluppare l'immunità ad un agente infettante.

Quando abbiamo esaminato i linfonodi e le milze dei pazienti che sono morto da COVID-19, compreso alcuni che morissero molto presto dopo avere ottenuto la malattia, abbiamo veduto che queste strutture concentrare germinali non si erano formate. Abbiamo deciso di determinare perché quello è il caso.„

Robert Padera, studia l'autore ed il professor Co-Senior, dipartimento di patologia, facoltà di medicina di Harvard

Poiché la malattia era così nuova, i modelli animali per lo studio dell'infezione COVID-19 non erano ancora disponibili quando hanno cominciato il loro studio. I ricercatori invece hanno guadagnato le comprensioni dagli studi precedenti che comprendono i modelli del mouse di altre infezioni che inducono la sindrome della tempesta di citochina--un modello di malaria e quello dell'infezione batterica in cui i centri germinali sono stati persi.

Nella gente con COVID-19 severo, una della maggior parte delle citochine abbondanti rilasciate è chiamata TNF. Nei mouse infettati, TNF è sembrato bloccare la formazione di centri germinali. Nei modelli precedenti della tempesta di citochina, quando i mouse sono stati dati gli anticorpi per bloccare TNF o hanno avuti loro gene di TNF cancellato, i centri germinali potevano formarsi.

Quando i ricercatori hanno studiato i linfonodi dei pazienti che erano morto della malattia, hanno trovato gli alti livelli di TNF in questi organi. Ciò piombo loro concludere che TNF può impedire i centri germinali la formazione nella gente con COVID-19 pure.

“Gli studi hanno suggerito che questa mancanza di centri germinali accadesse con le infezioni di SAR,„ Pillai dice. “Anche pensiamo che questo fenomeno si presenti in alcuni pazienti con Ebola, in modo da non era sorprendente a noi.„

I ricercatori egualmente hanno studiato il sangue ed il tessuto linfoide dalla gente con le infezioni attive che erano nelle fasi differenti di COVID-19. Hanno trovato che sebbene i centri germinali non fossero formati, i linfociti B ancora sono stati attivati e comparso stati nel sangue, che permetterebbe che i pazienti producano alcuni anticorpi di neutralizzazione. “C'è una risposta immunitaria,„ Padera dice. “Non sta venendo appena da un centro germinale.„

“Senza i centri germinali, non c'è memoria a lungo termine agli antigeni,„ Pillai aggiunge. Nota che gli studi su altri coronaviruses che causano i freddo hanno suggerito che qualcuno possa ottenere infettato con gli stesso coronavirus tre o quattro volte durante lo stesso anno.

Gli autori dicono malgrado i loro risultati, essi ancora ritengono che un riuscito vaccino COVID-19 possa essere sviluppato come non dovrebbe indurre gli alti livelli delle citochine ad essere rilasciato.

Source:
Journal reference:

Kaneko, N., et al. (2020) Loss of Bcl-6-expressing T follicular helper cells and germinal centers in COVID-19. Cell. doi.org/10.1016/j.cell.2020.08.025.