Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Pompieri in servizio più probabilmente da esporre ai prodotti chimici potenzialmente nocivi

Un nuovo studio di Oregon State University suggerisce che i pompieri siano più probabili essere esposti ai prodotti chimici potenzialmente nocivi mentre in servizio confrontato a chiuso.

I pompieri in servizio in Kansas City, Missouri, area hanno sperimentato le più alte esposizioni degli idrocarburi aromatici policiclici, o PAHs, che sono una famiglia dei prodotti chimici che sono conosciuti per avere il potenziale di causare il cancro. Egualmente sono stati esposti a 18 PAHs che precedentemente non sono stati riferiti poichè le esposizioni antincendio nella ricerca più iniziale.

Lo studio, costituito un fondo per dall'agenzia della gestione di emergenza federale, è pubblicato nell'internazionale dell'ambiente del giornale.

I risultati sono importanti perché gli studi precedenti hanno indicato che i pompieri hanno un rischio aumentato di sviluppare il cancro ed altri effetti sulla salute offensivi, hanno detto il cavo Kim Anderson di studio, un chimico ambientale e lo specialista di estensione nell'istituto universitario di OSU delle agronomie.

PAHs è un grande gruppo di composti chimici che contengono il carbonio ed altri elementi. Si formano naturalmente dopo quasi qualunque tipo di combustione, sia naturale che umano-creata. Oltre a legno bruciante, le piante ed il tabacco, PAHs sono egualmente in combustibili fossili.

Non abbiamo abbastanza dati per profilare la sorgente del PAHs, ma sappiamo che PAHs compare da combustione e la combustione è ovviamente il loro lavoro. Egualmente stanno mettendo su un carico pesante dell'attrezzo protettivo che ha PAHs ed usano i prodotti di pulizia che hanno PAHs.„

Kim Anderson, chimico ambientale e specialista di estensione nell'istituto universitario di OSU delle agronomie

I pompieri nello studio hanno indossato i tastatori passivi personali sotto forma di una medaglietta per cani stile militare fatta del silicone su una collana elastica. I tag sono fatti dello stesso materiale come polsini brevettati del silicone di OSU che il laboratorio di Anderson sta usando affinchè parecchi anni studi l'esposizione chimica in esseri umani ed in caponi.

Questo studio dimostra che le medagliette per cani, che assorbono i prodotti chimici dall'aria e dall'interfaccia, sembrano essere una tecnologia affidabile di campionatura necessaria per la valutazione delle esposizioni chimiche in pompieri, Anderson ha detto.

“Sono abbastanza sicuro quelle esposizioni sono esistito ma se non avete qualcosa aiutarvi a trovarli che non conoscete di sicuro,„ Anderson ha detto. “Certamente, abbiamo trovato che è molto più che che gente ha avuta pensiero.„

Per il loro studio, i ricercatori hanno campionato le esposizioni dei diversi pompieri a due dipartimenti - il distretto di protezione antincendio di Raytown e distretto del sud di protezione antincendio di Platte. Hanno definito il dipartimento di Raytown come “dipartimento dell'alto volume di chiamata„, con una media storica di 12 chiamate di incendio al mese ed il dipartimento del sud di Platte come “volume basso di chiamata,„ con meno di due chiamate al mese storicamente.

Dopo il completamento dell'indagine su dati demografici, su cronologia professionale e sulle esposizioni correnti sospettate, i pompieri reclutati hanno indossato una medaglietta per cani durante i 30 giorni prossimi dello fuori spostamento e su. Durante le chiamate di incendio, i tag sono stati indossati sopra abbigliamento ma al di sotto del loro attrezzo. I pompieri sono stati incaricati di indossare continuamente le medagliette per cani durante tutte le attività regolari, compreso il cibo, l'inondazione e dormire. La campionatura ha accaduto dal novembre 2018 all'aprile 2019.

Quando hanno analizzato le medagliette per cani che sono state restituite al laboratorio di Anderson allo stato dell'Oregon, 45 PAHs unico, di cui 18 precedentemente non sono stati riferiti come esposizioni antincendio, sono stati individuati. Le esposizioni del PAH aumentate come il numero degli incendi un partecipante hanno risposto all'aumentato a. Le concentrazioni del PAH erano non solo più alte una volta in servizio confrontato a chiuso, ma egualmente più su dall'alto dipartimento del volume di chiamata ha confrontato al dipartimento basso del volume di chiamata.

Ciascuno dei pompieri partecipanti è stato fornito un rapporto sulle loro informazioni di base di salubrità e l'esposizione chimica, Anderson ha detto. I partecipanti egualmente hanno ricevuto una nota sintetica circa i pompieri ed il rischio di cancro. La nota sintetica comprende alcune azione che semplici i pompieri possono intraprendere per diminuire la loro esposizione ai prodotti chimici nocivi, come sempre uso dei loro dispositivi di protezione individuale, catturando una doccia dopo ogni incendio e prima della cessazione del loro spostamento e della pulizia del loro attrezzo dopo ogni incendio.

Source:
Journal reference:

Poutasse, C.M., et al. (2020) Discovery of firefighter chemical exposures using military-style silicone dog tags. Environment International. doi.org/10.1016/j.envint.2020.105818.