Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Studio: Più di 20% delle case di cura negli Stati Uniti ancora riferiscono il personale, scarsità del PPE

Quasi la metà di tutte le morti COVID-19 negli Stati Uniti si è presentata fra i residenti della casa di cura, di cui l'età, le condizioni mediche croniche e si riuniscono gli ambienti collocano loro ed i loro badante ad ad alto rischio di contratto della malattia.

Ma, sei mesi nella pandemia, più di 20 per cento delle case di cura negli Stati Uniti continuano a riferire le scarsità severe del personale e dei dispositivi di protezione individuale (PPE), secondo un nuovo studio.

Venti per cento sono molto, dato dove siamo nel corso di questa pandemia. Avrei sperato entro il mese sei che saremmo stati vicini alle percentuali zero. Mentre c'è stato un certo spostamento in cui le case di cura stanno riferendo questi problemi, da un livello nazionale, noi non sia ancora sulla giusta traiettoria.„

Brian E. McGarry, Ph.D., assistente universitario di geriatria/di invecchiamento e scienze di salute pubblica all'università di centro medico di Rochester (URMC)

Brian E. McGarry è autore principale di un documento rilasciato come via accelerata davanti all'articolo della stampa dagli affari di salubrità del giornale

Gli studi, intrapresi in collaborazione con David C. Grabowski, Ph.D., professore di polizza di sanità alla facoltà di medicina di Harvard e Michael L. Barnett, assistente universitario di M.S., di M.D. di criterio di integrità e gestione al T.H. Chan School di Harvard della salute pubblica, sono fra il primo per riferire a risultati dall'i nuovi centri per Assistenza sanitaria statale ed il database della casa di cura COVID-19 di servizi di Medicaid (CMS).

Il database comprende le risposte da più di 15.000 case di cura e da altri impianti di cura a lungo termine--o 98 per cento del totale degli Stati Uniti--per quanto riguarda l'impatto di COVID-19 sul personale e sui residenti. Il database è lungi dall'essere perfetto, McGarry dice. Alcune delle domande le case di cura che rispondono a sono “ambigue„ e potrebbero essere smerigliatrice per suscitare più dettagli.

Ciò nonostante, in base alle risposte della casa di cura presentate per il database dal 18 maggio al 14 giugno e dal 24 giugno al 19 luglio, i ricercatori hanno determinato quello:

  • Le tariffe sia del personale che delle scarsità del PPE non sono migliorato chiaramente da maggio a luglio.
  • Gli impianti molto probabilmente per riferire le scarsità erano quelli con i casi COVID-19 fra i residenti ed il personale, quelli che serviscono una proporzione elevata dei destinatari di Medicaid e quelli che segnano più in basso su un sistema di valutazione cinque stelle di qualità hanno usato dal CMS.

“Avere una scarsità di qualunque tipo di personale pregiudica ogni aspetto di cura clinica, mentre una scarsità di tutto l'elemento del PPE può rompere i protocolli di controllo di infezione,„ lo studio dice.

Le maschere N95 e gli abiti hanno continuato ad essere le scarsità il più comunemente riferite del PPE, con le scarsità dell'abito che facilitano leggermente dal 19 luglio. Sebbene il governo federale prometta a maggio di fornire alle case di cura un'offerta di due settimane del PPE, “molte case di cura hanno riferito che non hanno ricevuto il PPE adeguato con questa iniziativa.„

E sebbene i centri per controllo di malattie richiesto le case di cura per sviluppare le pianificazioni per attenuare le scarsità di assunzione di personale, “molte case di cura hanno lottato con l'assunzione di personale prima di COVID-19 e scarsità secondo le informazioni ricevute sono stati ingrandetti perché molti forniscono non possono o poco disposto a lavorare in queste circostanze,„ lo studio riferisce. Gli infermieri, gli aiutanti di professione d'infermiera e “l'altro personale„ hanno continuato ad essere categoria del personale con la maggior parte delle scarsità.

“Sta interessando, sebbene non inattesa, che le case di cura più svantaggiate e più di qualità inferiore, come quelle con il più alta percentuale di reddito da Medicaid o quelle con le classificazioni più basse della stella, hanno scarsità di personale peggiori. Questi sono gli impianti di cui i margini di guadagno saranno necessariamente più basso dovuto il underpayment di Medicaid per i costi della casa di cura,„ lo studio dicono.

“Questo non è appena circa le cattive case di cura che fanno un cattivo processo,„ McGarry aggiunge. “Le case di cura sono molta alla mercé dei livelli di infezione nelle comunità intorno loro. COVID-19 è indiscriminante. Non si preoccupa se siete una funzione cinque stelle oppure no. La maggior parte del modo efficace di impedire gli scoppi COVID-19 nelle case di cura sta diminuendo la prevalenza della malattia nelle comunità che serviscono.„

Inoltre, i ricercatori raccomandano quello:

  • La massima priorità è messa sull'assicurazione che tutte le case di cura hanno un'offerta del PPE come minimo sufficiente “se i responsabili della politica intendono salvare altrettante vite come possibili.„
  • I pacchetti di stimolo futuri forniscono il contributo finanziario supplementare e mirato a per cura paziente diretta e le offerte nelle case di cura con le popolazioni più svantaggiate, accoppiate con la svista appropriata per assicurare i fondi sono usate giustamente.
  • Gli stati con le scarsità più severe del personale della casa di cura “danno la priorità al loro elasticità delle case di cura„ per occuparsi degli scoppi.
  • Assistenza sanitaria statale continua il suo impegno al riunire ed a diffondere le informazioni sulle risorse disponibili delle case di cura, ma egualmente aggiorna le domande di indagine per riflettere le realtà correnti della pandemia, compreso tempo complessivo di prova.