Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Rassegna scientifica sopra sul collegamento fra inquinamento atmosferico e COVID-19

I ricercatori a Harvard T.H. Chan School della salute pubblica, della Harvard University e del Dana-Farber Cancer Institute hanno effettuato un esame “di di stato de scienza„ della prova disponibile sulle associazioni potenziali fra l'esposizione ad inquinamento atmosferico ed i risultati di salubrità nella malattia 2019 (COVID-19) di coronavirus.

Francesca Dominici e colleghi dice che gli esami precedenti sono stati limitati nella portata e che questo esame è unico perché entrambi gli studi a breve e a lungo termine sono inclusi, le sfide metodologiche sono presentate e le aree di ricerca supplementari sono evidenziate.

Una versione della pubblicazione preliminare del documento è disponibile sul medRxiv* del " server ", mentre l'articolo subisce la revisione tra pari.

L'inquinamento atmosferico contribuisce all'infezione respiratoria ed alle varie malattie croniche

Mentre la pandemia COVID-19 continua a spazzare il globo, 23,3 milione di persone già sono stati infettati con la sindrome respiratorio acuto severo 2 (SARS-CoV-2) e più di 806.000 sono morto.

Tantissimi studi hanno fornito la prova ben fondata per supportare che l'esposizione a breve e a lungo termine ad inquinamento atmosferico aumenta il rischio di mortalità e di morbosità. L'inquinamento atmosferico contribuisce all'infezione respiratoria ed ai vari stati di salute cronici, compreso la malattia di cuore, la malattia polmonare ostruttiva cronica ed il diabete.

“Capire la relazione fra l'esposizione a breve e a lungo termine ad inquinamento atmosferico ed i risultati avversi di salubrità COVID-19 è determinante per le soluzioni di sviluppo per questa crisi globale,„ dica Dominici ed il gruppo.

Che cosa lo studio ha compreso?

Per questo esame, il gruppo ha cercato PubMed, Embase, Cochrane, Web di scienza, di medRxiv e di bioRxiv gli studi epidemiologici preliminari che esaminano l'associazione fra inquinamento atmosferico e risultati di salubrità COVID-19.

Complessivamente 28 documenti erano inclusi, che sono stati categorizzati come gli studi a lungo termine, gli studi a breve termine di serie cronologica e studi rappresentativi a breve termine.

Dei 28 studi, 27 hanno riferito un'associazione positiva statisticamente significativa fra l'esposizione ad inquinamento atmosferico ed i risultati avversi di salubrità in COVID-19.

Dodici studi rappresentativi che esaminano l'effetto dell'esposizione a lungo termine di inquinamento atmosferico hanno supposto che questa esposizione pregiudicasse negativamente la funzione respiratoria, che aumenta la predisposizione all'infezione con SARS-CoV-2.

Nove studi di serie cronologica hanno esaminato gli effetti a breve termine delle variazioni del confrontare-giorno-oggi e dell'esposizione nell'inquinamento atmosferico con quelli dei risultati di salubrità COVID-19.

Otto studi rappresentativi egualmente hanno messo a fuoco sugli effetti a breve termine ed hanno paragonato i livelli di inquinamento durante lo scoppio o poco prima, ai risultati di salubrità COVID-19.

Sia queste serie cronologiche che gli studi rappresentativi hanno supposto che l'esposizione a breve termine ad inquinamento atmosferico aumentasse la trasmissione di SARS-CoV-2 o aumentasse la severità di COVID-19.

Risultati stratificati dal tipo di agente inquinante di aria. L
Risultati stratificati dal tipo di agente inquinante di aria. L'arancia rappresenta il numero degli studi che hanno riferito un'associazione positiva statisticamente significativa fra l'agente inquinante di aria ed i risultati COVID19. Blu ed arancio rappresenti insieme il numero totale degli studi. (a) Studi a lungo termine. (b) studi a breve termine.

Problemi con gli studi

I ricercatori precisano che gli studi hanno differito significativamente nel loro uso dei modelli statistici, dei gruppi di dati, dei confounders e dei risultati di salubrità COVID-19.

Attraverso i 12 studi rappresentativi a lungo termine, cinque risultati differenti di salubrità COVID-19 sono stati usati ed attraverso i 16 studi a breve termine, sette risultati differenti sono stati usati.

Gli studi egualmente hanno differito nel tipo di esposizioni di inquinamento atmosferico analizzate. Undici dei 12 studi a lungo termine hanno esaminato i periodi col passare del tempo raccolti dati che variano da 1 a 16 anni. Dieci di loro hanno valutato i livelli di inquinamento atmosferico o i valori di indice analitico di qualità dell'aria e tre hanno valutato il numero di volte i limiti giornalmente sono stati oltrepassati.

Ancora, 12 studi a lungo termine, 9 studi di serie cronologica e 3 studi rappresentativi non hanno registrato per ottenere i covariates ed i confounders.

Otto tipi differenti di modelli statistici egualmente sono stati usati attraverso i 12 studi a lungo termine e nove tipi differenti sono stati usati attraverso i 16 studi a breve termine.

“Mentre i ricercatori vogliono diffondere rapido i loro risultati per accelerare la conoscenza circa questa pandemia mentre spiega, questa pratica ci ha presentati con molte sfide quando prova a capire i risultati degli studi selezionati e le loro implicazioni,„ dica Dominici ed il gruppo.

Stanza per miglioramento

I ricercatori dicono che i vari aspetti delle metodologie devono essere migliorati.

La validità dei dati sui risultati di salubrità, per esempio, è discutibile, dice il gruppo.

“Non c'è la definizione costante di caso di una morte COVID-19 e ci sono egualmente errori diagnostici nei casi COVID-19,„ scrive Dominici ed i colleghi. “Questo ha potuto potenzialmente contribuire ad un alto livello di sovra- o di notifiche in difetto.„

Dei 28 studi, 27 erano egualmente ecologici piuttosto che gli studi determinati determinato. Gli studi ecologici comprendono l'interpretazione di dati statistici che è basata sulle illazioni circa la natura delle persone che sono dedotte dalle illazioni circa un gruppo che quelle persone appartengono a. L'analisi dei dati ecologici non registra generalmente per ottenere i diversi fattori di rischio quali l'età, il genere, l'origine etnica, o l'occupazione.

L'aumento dell'affidabilità di questo tipo di ricerca in questa area richiederebbe l'accesso ai dati nazionalmente rappresentativi e determinati determinato sui risultati di salubrità COVID-19, compreso i dati sugli indirizzi residenziali, sui dati demografici e sui confounders della gente.

“Questa è una sfida enorme che richiederà molto la segretezza, legale e le alternanze etiche,„ scrive il gruppo.

Altre sfide metodologiche comprendono la variabilità geografica in prova, nelle misure di diminuzione e nella fase pandemica e l'errore dell'esposizione trasmesso a risoluzione spaziale, dice i ricercatori.

Orientamenti futuri

Dominici ed i colleghi dicono che lo scopo principale di questo esame era di stabilire i modi cominciare sormontare le numerose sfide metodologiche affrontate negli studi dell'epidemiologia di salute ambientale.

Tuttavia, appena poichè importante è l'identificazione di nuove opportunità, essi aggiunge.

“Per esempio, le misure estreme applicate durante il lockdown stanno fornendo le nuove opportunità della ricerca di studiare le domande importanti per quanto riguarda le riduzioni realizzabili dell'esposizione di inquinamento atmosferico ed effetti sulla salute,„ dica gli autori.

“Queste misure del lockdown forniscono un'opportunità unica di sfruttare le funzionalità di una progettazione quasi sperimentale per accertare l'entità a cui gli agenti inquinanti differenti sono diminuito e stimare gli effetti benefici del ` potenziale' di questi declini sui risultati di salubrità,„ essi concludono.

Avviso *Important

il medRxiv pubblica i rapporti scientifici preliminari che pari-non sono esaminati e, pertanto, non dovrebbero essere considerati conclusivi, guida la pratica clinica/comportamento correlato con la salute, o trattato come informazioni stabilite.

Journal reference:
Sally Robertson

Written by

Sally Robertson

Sally has a Bachelor's Degree in Biomedical Sciences (B.Sc.). She is a specialist in reviewing and summarising the latest findings across all areas of medicine covered in major, high-impact, world-leading international medical journals, international press conferences and bulletins from governmental agencies and regulatory bodies. At News-Medical, Sally generates daily news features, life science articles and interview coverage.

Citations

Please use one of the following formats to cite this article in your essay, paper or report:

  • APA

    Robertson, Sally. (2020, August 23). Rassegna scientifica sopra sul collegamento fra inquinamento atmosferico e COVID-19. News-Medical. Retrieved on January 26, 2021 from https://www.news-medical.net/news/20200823/Scientific-review-on-on-link-between-air-pollution-and-COVID-19.aspx.

  • MLA

    Robertson, Sally. "Rassegna scientifica sopra sul collegamento fra inquinamento atmosferico e COVID-19". News-Medical. 26 January 2021. <https://www.news-medical.net/news/20200823/Scientific-review-on-on-link-between-air-pollution-and-COVID-19.aspx>.

  • Chicago

    Robertson, Sally. "Rassegna scientifica sopra sul collegamento fra inquinamento atmosferico e COVID-19". News-Medical. https://www.news-medical.net/news/20200823/Scientific-review-on-on-link-between-air-pollution-and-COVID-19.aspx. (accessed January 26, 2021).

  • Harvard

    Robertson, Sally. 2020. Rassegna scientifica sopra sul collegamento fra inquinamento atmosferico e COVID-19. News-Medical, viewed 26 January 2021, https://www.news-medical.net/news/20200823/Scientific-review-on-on-link-between-air-pollution-and-COVID-19.aspx.