Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

La terapia mirata a raggiunge la prova obiettiva durevole di fase I/II LIBRETTO-001 di risposte

Per i pazienti con i non piccoli cancri polmonari delle cellule (NSCLC) tracciati dalle fusioni del gene di RET, il selpercatinib mirato a di terapia bene è stato tollerato e raggiunto le risposte obiettive durevoli, o il restringimento del tumore, nella maggior parte dei partecipanti alla prova di fase I/II LIBRETTO-001, secondo i ricercatori dal centro del Cancro di Anderson di MD dell'università del Texas.

Fra i pazienti precedentemente non trattati, il tasso di risposta obiettivo (ORR) era 85% e quelli che ricevono almeno alla la chemioterapia basata a platino priore hanno avuti un ORR di 64%. Per i pazienti con le metastasi del cervello, c'erano i 91% ORR nel cervello.

Risultati da LIBRETTO-001, pubblicato oggi in New England Journal di medicina, piombo all'approvazione di selpercatinib a maggio da Food and Drug Administration per il polmone ed i tumori della tiroide Macerare-alterati.

l'oncologia Genoma-guida di precisione ha alterato il paesaggio dai dei tumori guidati da chinasi multipli, con il cancro polmonare che è il bambino del manifesto. Tuttavia, precedentemente non abbiamo fatti alcuna approvare droga specificamente per cancro polmonare positivo delle cellule di Macerare-fusione il non piccolo,„

Vivek Subbiah, M.D., studia l'autore senior ed il professore associato, terapeutica d'investigazione del Cancro

“Muoversi dalla prova primo in umana di fase I verso l'approvazione di FDA durante meno di tre anni è un testamento al fatto che i pazienti hanno tratto giovamento molto da questo trattamento e non hanno avuti efficaci opzioni.„

Inibitore selettivo di valutazione di RET per rispondere al bisogno insoddisfatto significativo

Le fusioni di RET accadono quando una parte del cromosoma che contiene il gene di RET si rompe e ricongiunge con un altro pezzo di cromosoma, creando una proteina di fusione capace di rifornimento della crescita di combustibile del cancro. Le alterazioni di RET si presentano in approssimativamente 2% di NSCLC, in 10-20% dei tumori della tiroide papillari (PTC) e nella vasta maggioranza dei tumori della tiroide midollari (MTC). Fino alla metà di tutti i cancri fusione-positivi di RET riproduca per metastasi al cervello.

Parecchie terapie mirate a, quali cabozantinib e vandetanib, hanno attività dipendente contro le alterazioni di RET, ma i test clinici hanno trovato che i pazienti di NSCLC hanno veduto soltanto il vantaggio limitato da queste droghe, Subbiah spiegato, che è ricercatore co-principale della prova.

I risultati di rapporti di studio da 144 pazienti con NSCLC avanzato si sono iscritti sul aperto contrassegno, prova internazionale.

Il punto finale primario era ORR valutato da un comitato di revisione indipendente ed i punti finali secondari hanno compreso la sicurezza, la risposta intracranica, la durata della risposta e la sopravvivenza senza progressione (PFS). I risultati dalle valutazioni del ricercatore non erano significativamente differenti da quello dei critici indipendenti.

La prova ha incluso i pazienti precedentemente non trattati (39) ed i pazienti che ricevono almeno alla la chemioterapia basata a platino (105). I pazienti precedentemente curati hanno avuti una mediana di tre righe priori di terapia, compreso il blocco immune del controllo a metà più.

Attraverso entrambi i gruppi, i partecipanti di prova erano 57,6% Caucasian, 32,6% asiatici, i 5,6% nero, 2,8% altri e sconosciuto 1,4%. L'età media era 61, con le donne che rappresentano 58,3% e gli uomini 41,7% dei partecipanti.

Fra i pazienti precedentemente curati, 2% ha avuto una risposta completa, 62% ha avuto una risposta parziale e 29% ha avuto malattia stabile. La durata mediana della risposta era di 17,5 mesi e 63% delle risposte erano in corso a seguito mediano di 12 mesi. PFS mediano era di 16,5 mesi.

In pazienti precedentemente non trattati, 85% ha avuto una risposta parziale e 10% ha avuto malattia stabile. A sei mesi, 90% delle risposte erano in corso e nè la durata mediana della risposta nè PFS mediano è stata raggiunta ai tempi dell'analisi.

Sullo studio, 11 paziente ha avuto metastasi misurabili del cervello. Dieci di questi pazienti (91%) hanno veduto una risposta obiettiva nel cervello, compreso tre risposte complete. La durata mediana della risposta dello SNC era di 10,1 mesi.

Gli eventi avversi più comuni dei gradi 3 o più alto erano ipertensione (14%), amminotransferasi aumentata (13%), amminotransferasi aumentata dell'aspartato (10%), iposodiemia (6%) e la linfopenia (6%). Quattro pazienti hanno interrotto il trattamento del selpercatinib dovuto gli eventi avversi in relazione con il trattamento.

La forte risposta egualmente ha riferito in pazienti con i tumori della tiroide

In gruppi supplementari di LIBRETTO-001, il selpercatinib egualmente ha mostrato l'attività nei tumori della tiroide Macerare-alterati, compreso MTC con le mutazioni di RET ed i tumori della tiroide papillari/anaplastici con le fusioni di RET, con un simile profilo di sicurezza.

Fra i pazienti con MTC, c'erano i 73% ORR in pazienti precedentemente non trattati e 69% ORR in quelli che ricevono le terapie mirate a priori. In pazienti con tumore della tiroide papillare/anaplastico precedentemente curato, il ORR era 79%. Questi dati egualmente sono stati pubblicati oggi in New England Journal di medicina, con Subbiah e Maria Cabanillas, M.D., professore di neoplasia endocrina e di disordini ormonali, come autori co-senior.

“I dati mostrano che questi il vantaggio dei pazienti da questi trattamento e è cassaforte rispetto agli inibitori della multi-chinasi e chemioterapia,„ ha detto Subbiah.

“L'entrata in vigore continuata di una strategia molecolare robusta della selezione nel polmone e nei tumori della tiroide di linea di battaglia con la capacità di individuare il RET ed altre fusioni del gene sarà critica per identificare i pazienti che possono trarre giovamento dalle terapie specificamente mirate a come selpercatinib.„