Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Lo studio analizza il collegamento fra uso materno dell'insetticida durante la gravidanza ed ittero neonatale

I dati di 61.751 donna incinta, da circa 100.000 raccolti dall'ambiente del Giappone e dallo studio dei bambini hanno analizzato l'associazione fra l'uso materno degli insetticidi e le cose repellenti di insetto durante la gravidanza ed il hyperbilirubinemia neonatale.

Il centro dell'unità di Koshin all'università di Shinshu ha svolto un ruolo centrale in questa analisi. I neonati sembrano jaundiced, o sembrano avere l'interfaccia e sclera gialli degli occhi quando la bilirubina nel sangue diventa troppo alta. Quando la bilirubina si accumula nel cervello ed è lasciata non trattato, il danno neurotossico può accadere in neonati. Phototherapy è più usato spesso trattare il hyperbilirubinemia neonatale.

Questo studio ha trovato che frequente usi dello spruzzo dell'insetticida all'interno ha provocato l'incidenza più alta 1,21 volte di richiesta neonatale di hyperbilirubinemia phototherapy. D'altra parte, quando uno spruzzo o una cosa repellente di insetto lozione tipa è stata usata frequentemente, l'incidenza era 0,70 volte più in basso. Nessuna correlazione è stata osservata fra il hyperbilirubinemia neonatale che richiede il trattamento per quanto riguarda l'uso delle cose repellenti di insetto per l'abbigliamento, le spirali della zanzara, le cose repellenti elettriche della zanzara, gli antiparassitari e gli antiparassitari per fare il giardinaggio.

L'esposizione degli insetticidi e della cosa repellente di insetto alla conclusione della gravidanza non è stata valutata in questo studio né erano i dati raccolti per concentrazione nel sangue di insetticidi e di cose repellenti di insetto. Inoltre, l'effetto degli standard phototherapy leggermente differenti di entrata in vigore per il hyperbilirubinemia neonatale fra gli istituti ospedalieri non è stato esaminato. È necessario da considerare queste emissioni in futuro.

I risultati di questo studio sono stati pubblicati nella ricerca pediatrica il 5 agosto 2020.

Il contenuto di questa ricerca è opinione dell'autore, non delle visualizzazioni del Ministero dell'ambiente e dell'istituto nazionale per gli studi ambientali.

1. Che cosa è lo studio dell'ambiente e dei bambini del Giappone?

L'ambiente del Giappone e lo studio dei bambini (JECS) è stato condotto dal 2010 per chiarire gli effetti dell'esposizione alle sostanze chimiche sulla salubrità dei bambini durante le fasi di infanzia e fetali. Ciò è un'indagine su grande scala e a lungo termine del gruppo della nascita di 100.000 insiemi dei genitori e bambini in tutta la nazione. Oltre alla raccolta, memorizzando ed analizzando i campioni biologici quali sangue materno, sangue di cordone ombelicale e latte materno, lo studio continuerà sui bambini partecipanti finché non abbiano 13 anni per chiarire i fattori ambientali che pregiudicano la loro salubrità.

JECS comprende un periodo di cinque anni per l'analisi di dati ed è preveduto per essere completato durante l'anno 2032. L'istituto nazionale per gli studi ambientali è il centro di memoria della ricerca, il centro nazionale per le funzioni dello sviluppo e di salute dei bambini come centro di supporto medico e 15 università sono state selezionate affinchè i centri dell'unità lavorino come basi regionali di indagine.

2. Sfondo di ricerca

Alti livelli di ittero di causa della bilirubina del siero. L'ittero è uno dei sintomi medici più comuni durante il periodo neonatale. Circa 60% dei bambini hanno ittero evidente. La frequenza di ittero nel periodo neonatale varia tramite la corsa e gli asiatici sono due volte più probabili i Caucasians e tre volte più probabilmente dei nero esibire l'ittero. Il Hyperbilirubinemia è un fattore di rischio per ittero nucleare (kernicterus) e paralisi cerebrale e gli asiatici sono considerati di avere un elevato rischio di ittero nucleare che altre corse.

I prodotti chimici, gli insetticidi e le cose repellenti di insetto agricoli sono usati ampiamente, dappertutto. Includono il fosforo, i pyrethroids, i carbammati, i neonicotinoids e DEET organici. È detto che queste sostanze possono indurre lo sforzo ossidativo diminuendo l'attività di ZOLLA (superossido dismutasi), la catalisi, riduttasi del glutatione, che sono enzimi che hanno effetti antiossidanti nell'organismo. L'eccessivo sforzo ossidativo causa l'emolisi da perossidazione del lipido del globulo rosso. Un fattore di rischio per il hyperbilirubinemia può essere l'esposizione agli insetticidi durante la gravidanza se causa l'emolisi dei globuli rossi del bambino.

Di conseguenza, questo studio ha studiato l'effetto della frequenza di uso degli insetticidi e delle cose repellenti di insetto durante la gravidanza in madri sullo sviluppo del hyperbilirubinemia neonatale che ha richiesto phototherapy.

3. Contenuto e risultati di ricerca

Questo studio ha usato i dati di circa 100.000 donne incinte fissate ad aprile di 2016. Di questi, i dati di 61.751 donna finalmente sono stati analizzati, che hanno escluso i dati dei feti nati morti, degli aborti, degli infanti con un peso alla nascita più di meno di 2500g e di quei dati mancanti nei fattori che sono considerati pertinenti. Le informazioni egualmente hanno compreso l'uso materno delle cose repellenti di insetto per i vestiti durante la gravidanza, gli insetticidi dell'interno dello spruzzo, la spirale della zanzara, le cose repellenti elettriche della zanzara, gli antiparassitari e gli insetticidi per il tipo cose repellenti di giardinaggio, dello spruzzo o della lozione di insetto.

Di questi, 5.985 (9,7%) hanno ricevuto phototherapy per il hyperbilirubinemia neonatale. Le risposte ai questionari autosomministrati condotti durante i secondi e terzi acetonidi della gravidanza sono state usate come indicatore per la frequenza dell'esposizione materna agli insetticidi ed alle cose repellenti di insetto. 36.610 (59,2%) madri hanno usato le cose repellenti di insetto per i vestiti durante la gravidanza, 20.352 (33,0%) hanno usato gli insetticidi dell'interno dello spruzzo e 19.518 (31,6%) hanno usato le spirali della zanzara e le trappole elettriche della zanzara. 5.333 (8,6%) hanno usato i diserbanti e gli antiparassitari per il giardinaggio e 15.309 (24,8%) hanno usato il tipo cosa repellente della lozione o dello spruzzo di insetto.

I fattori di confusione di potenziale connessi con il hyperbilirubinemia neonatale comprendono l'età della donna in grande aspettativa, il genere del bambino, l'età gestazionale, il peso alla nascita, la presenza di asfissia della nascita, le complicazioni materne durante la gravidanza, le complicazioni ostetriche, il reddito domestico e la cronologia della formazione della madre. L'analisi di regressione logistica è stata usata che considera questi fattori di confusione e lo studio ha esaminato la relazione fra la frequenza di uso degli insetticidi o cose repellenti di insetto durante la gravidanza e l'incidenza del hyperbilirubinemia neonatale che ha richiesto phototherapy.

Di conseguenza, è stato trovato che le madri che hanno usato gli insetticidi dello spruzzo all'interno più di parecchie volte un la settimana durante la gravidanza hanno dato alla luce ai bambini con il hyperbilirubinemia neonatale, che richiede phototherapy ad una tariffa 1,21 volte più superiore a in un gruppo di madri che non hanno usato mai l'insetticida o le cose repellenti durante la gravidanza. Per quanto riguarda l'uso di altri insettifughi di insetto, un'alta frequenza di uso non è stata associata chiaramente con l'avvenimento di richiesta neonatale di hyperbilirubinemia phototherapy. D'altra parte, l'uso di spruzzo o del tipo cosa repellente della lozione di insetto, richiesta neonatale di hyperbilirubinemia phototherapy è meno probabile accadere nel gruppo in cui la frequenza di uso è più di parecchie volte un la settimana confrontata al gruppo che non è usato affatto. Il risultato è basso quanto 0,70 volte. Una simile tendenza è stata osservata quando gli infanti del basso peso alla nascita con un peso alla nascita di meno di 2.500 g egualmente sono stati analizzati.

4. Implicazioni future

Ciò è il primo studio per esaminare l'associazione fra l'incidenza del hyperbilirubinemia neonatale che richiede il trattamento e l'esposizione materna agli insetticidi ed alle cose repellenti di insetto durante la gravidanza.

I risultati di questo studio indicano quel hyperbilirubinemia neonatale, che richiede phototherapy, è più probabili accadere in infanti nati dalle madri che usano più spesso l'insetticida dello spruzzo all'interno di parecchie volte un la settimana durante la gravidanza confrontata a coloro che non ha fatto. Il risultato era 1,21 volte più probabile da sviluppare il hyperbilirubinemia neonatale. D'altra parte, un meccanismo che può spiegare la ragione per la quale il frequente uso del tipo cose repellenti della lozione o dello spruzzo di insetto ha provocato una probabilità più bassa di sviluppare la richiesta neonatale di hyperbilirubinemia phototherapy è sconosciuto.

In questo studio, nessun'informazione sull'esposizione delle madri agli insetticidi o all'insettifugo di insetto è stata ottenuta come dati obiettivi quale concentrazione nel sangue. Inoltre, il periodo di indagine è nel mezzo e negli acetonidi recenti. Non è stato possibile valutare esattamente l'esposizione durante l'ultimo acetonide della gravidanza immediatamente prima della consegna, che è pensata per avere la maggior parte del effetto sul hyperbilirubinemia in neonati. Inoltre, il livello di bilirubina del siero usato come i criteri phototherapy ad ogni istituto ospedaliero può essere differente e queste emissioni devono essere considerate.

JECS studia non solo le sostanze chimiche ma anche i fattori ambientali, fattori genetici, fattori sociali, fattori di stile di vita. È preveduto che più informazioni siano disponibili sulla relazione fra questi fattori e hyperbilirubinemia neonatale. Di conseguenza, è necessario da esaminare la relazione fra l'esposizione agli insetticidi e cose repellenti di insetto e l'avvenimento del hyperbilirubinemia neonatale secondo completamente la considerazione della conoscenza della relazione con i fattori all'infuori di queste sostanze chimiche. È sperato che i fattori ambientali quali le sostanze chimiche che pregiudicano la crescita e la salubrità dei bambini continuino ad essere chiariti.

Source:
Journal reference:

Shibazaki, T., et al. (2020) Association between pesticide usage during pregnancy and neonatal hyperbilirubinemia requiring treatment: the Japan Environment and Children’s Study. Pediatric Research. doi.org/10.1038/s41390-020-1100-6.