Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

La prova di superficie ambientale alla clinica oncologica di radiazione non ha mostrato SARS-CoV2 rilevabile

Un Cancro che di Rutgers l'istituto dello studio del New Jersey mostra la prova di superficie ambientale all'instituto dell'oncologia della radiazione del centro situato all'interno dell'ospedale universitario di Robert Wood Johnson, un'istallazione sanitaria di RWJBarnabas, all'apice della pandemia COVID-19 nello stato non ha mostrato SARS-CoV2 rilevabile - il virus che causa COVID-19.

Il lavoro piombo dal residente Imraan gennaio dell'oncologia di radiazione, FA, alla facoltà di medicina di Rutgers Robert Wood Johnson e Bruce G. Haffty, MD, rettore del socio per i programmi del cancro e la presidenza, l'oncologia di radiazione all'istituto del Cancro di Rutgers, è pubblicato nell'edizione online del 27 agosto dell'oncologia di JAMA

Nel periodo in anticipo della pandemia globale, è stato supposto che SARS-CoV2 si spargesse fra la gente via le goccioline che vengono dal radiatore anteriore e dicono o attraverso il contatto con gli oggetti e le superfici contaminati.

Durante quel periodo, c'erano alcuni studi che confermano come il virus ha contaminato le superfici nelle impostazioni di sanità che hanno curato ordinariamente i pazienti con SARS-CoV2 ma non molte pertinente alle cliniche che non stavano curando ordinariamente i pazienti con il virus.

“Considerando i malati di cancro già immunocompromised, è stato reputato che questa popolazione può essere a rischio della malattia e la morte aumentate se fossero diagnosticati con COVID-19 rispetto alla popolazione in genere.

Poiché non era utile completamente fermare il trattamento del cancro per i pazienti selezionati durante questo periodo in anticipo, i professionisti hanno dovuto capire più circa la trasmissione COVID-19 nei posti come le cliniche del cancro del paziente esterno in cui il virus non è stato trattato ordinariamente.

Valutando la presenza o l'assenza di SARS-CoV2 in questa regolazione, le informazioni importanti di salubrità possono essere fornite ai pazienti, alle famiglie ed ai fornitori in moda da poterle pesare essi il vantaggio contro il rischio di ricezione del trattamento del cancro,„ dividono il Dott. Haffty, che è l'anziano e l'autore corrispondente del lavoro.

Per un periodo di sei giorni oltre due settimane dal 1° maggio al 13 maggio 2020, durante il tasso del giorno di punta della diagnosi COVID-19 nel New Jersey, il tamponamento ambientale ha avuto luogo nell'instituto dell'oncologia di radiazione prima dei servizi giornalmente preveduti della disinfezione e di pulizia.

Presidenze incluse aree, manopole di porta, lavandini, toilette, computer ed attrezzature selezionate di dipartimento. Il tamponamento è stato condotto conformemente ai protocolli dell'organizzazione mondiale della sanità e le aree mirate a sono state identificate hanno basato su frequenza di uso e del contatto paziente.

L'analisi dei 128 campioni raccolti è stata separata in tre categorie: aree pazienti (80), aree del personale (19) ed attrezzature di dipartimento (29). Sono stati inclusi in questo 15 campioni prelevati dagli oggetti usati da un paziente con COVID-19 confermato, compreso una maschera di immobilizzazione. Dai 128 campioni prelevati, nessuno erano positivi per SARS-CoV2.

Le cliniche oncologiche di radiazione sono alloggiate spesso nelle impostazioni dell'ospedale che possono avere un'alta prevalenza dei pazienti COVID-19, così elevando i timori dell'infezione e causando i malati di cancro che sono reputati avere bisogno del trattamento radioattivo di annullare o rinviare le nomine.„

Bruce G. Haffty, MD, rettore del socio, programmi del Cancro e presidenza, oncologia di radiazione, istituto del Cancro di Rutgers del New Jersey

Haffty, è egualmente una presidenza, l'oncologia di radiazione alla facoltà di medicina di Rutgers Robert Wood Johnson ed alla facoltà di medicina di Rutgers New Jersey.

“I risultati di questo studio indicano che i protocolli rigorosi di prevenzione e la pulizia sistematica e disinfettare sembrano adeguati per la limitazione della contaminazione di superficie SARS-CoV2.„

Le limitazioni di studio della nota degli autori comprendono una mancanza di campioni d'aria catturati dovuto il fuoco dello studio su contaminazione di superficie.

Inoltre, dovuto la natura del tamponamento dell'abilità, le intere superfici non hanno potuto essere tamponate per l'analisi. Gli autori raccomandano l'aria supplementare e gli studi di superficie negli ambienti vari sono intrapresi per guadagnare una migliore comprensione del ruolo che i fattori ambientali svolgono nella diffusione di COVID-19.