Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

I più giovani semi del cycad comportano il maggior rischio per la tossicità, studio rivela

L'università di ricerca del Guam ha rivelato che i più giovani semi del cycad comportano un maggior rischio per la tossicità una volta consumati che i semi più maturi, portante alla comunità scientifica un punto più vicino a capire le origini di una malattia neurodegenerative prevalente sul Guam nella seconda guerra mondiale e più vicino ai disordini neurologici relativi di comprensione altrove. La ricerca era la notizia da copertina dell'emissione di Horticulturae, un giornale pari-esaminato del giugno 2020 pubblicato da MDPI.

Di interesse negli ultimi decenni è stato il ruolo dei cycads come una sorgente possibile della tossina che ha influenzato uno di soltanto due cluster conosciuti di una malattia neurologica rara chiamata sclerosi laterale amiotrofica sporadica, o ALS.

I residenti del Guam sono emerso dalla seconda guerra mondiale che esibisce la malattia neurodegenerative con un'incidenza che era 50 - 100 volte più prevalente di in America settentrionale. La punta senza precedenti nell'incidenza del Guam è stata descritta nell'inizio degli anni cinquanta e l'epidemiologia ha suggerito forte una causa ambientale. I residenti dell'isola hanno sofferto con un'occupazione di tempo di guerra dal 1941--1944 che quello piombo a malnutrizione diffusa e che ha aumentato il ricorso alle sorgenti non agricole dell'alimento, quali i semi dal cycad indigeno del Guam, conosciuto come il micronesica della cycadaceae dai botanici e “dal fadang„ nel linguaggio locale.

Il ricorso aumentato ai semi del cycad come sorgente di amido dietetico durante gli anni dell'occupazione è stato una delle proposte di che cosa sembra essere un aumento effimero nell'esposizione ad un fattore ambientale.„

Christopher A. Shaw, neuroscenziato, professore di oftalmologia all'università di British Columbia ed uno degli autori dello studio

Shaw attivamente sta studiando il fenomeno per più di 20 anni.

La cronologia di 70 anni di ricerca medica ha identificato le numerose tossine nei tessuti del cycad che sono stati usati per consumo umano sull'isola. Ma nessuna tossina o combinazione di tossine è emerso come il colpevole netto del neurodegeneration.

“Siamo stato interessati nella determinazione della co-variazione ambientale e fattori umani che hanno interagito con l'esposizione della tossina al fine dello sviluppare una maggior comprensione dell'eziologia,„ Shaw ha detto.

Alcuna dell'ambiguità che definisce la cronologia della ricerca sull'argomento è derivato da controllo insufficiente sopra l'impianto ed i fattori ambientali che possono direttamente influenzare le concentrazioni nella tossina del cycad.

“Abbiamo ritenuto che quella parte di quella fosse perché un botanico mancava a partire dalle decadi dei gruppi di ricerca,„ dicesse Adrian Ares, direttore associato del centro di ricerca tropicale pacifico occidentale all'università di Guam. “Il nostro laboratorio di fisiologia vegetale partnered con il laboratorio di Shaw per identificare alcuni di questi fattori co-varianti per raffinare meglio le interpretazioni dei risultati della ricerca passati e contemporanei.„

Il gruppo sta pubblicando i loro risultati della ricerca dal 2005 e l'ultima aggiunta alla letteratura stabilita fa luce sui problemi di campionatura del seme connessi con un'incapacità di determinare l'età dei semi raccolti. Tutti i semi che esibiscono un colore esterno di marrone scuro sono raccolti per consumo umano. L'inizio di questo colore del seme si presenta fin da 17 mesi nell'età, ma i semi possono persistere più lungamente sugli alberi per i periodi di 30 mesi. Di conseguenza, i semi marroni raccolti possono contrapporre più di un anno nell'età.

Il gruppo del Guam-Canada ha indicato che parecchi metaboliti secondari che serviscono da neurotossine diminuiscono con l'età del seme, in modo dai più giovani semi sembrano comportare un maggior rischio di esposizione della tossina che i più vecchi semi. Gli autori contendono che quello la ricerca di esperienza ha trascurato questa sorgente della variazione non riferendo l'età del seme nei metodi.

La loro pubblicazione corrente ha definito due misure derivate basate su peso a secco fresco o delle componenti del seme che hanno creato i modelli utili per la stima dell'età del seme. Questi modelli possono essere utilizzati nella ricerca futura per aggiungere la chiarezza a e la validità dei metodi.

“I risultati da questa ricerca informano i tentativi in corso di identificare i tossici ambientali che comportano un rischio con le esposizioni a basso livello croniche in molte regioni del globo piuttosto che le esposizioni ad alto livello acute in una posizione,„ Ares hanno detto.

Source:
Journal reference:

Marler, T.E., et al. (2020) Fresh and dry weight relations are predictors of Cycas micronesica seed age. Horticulturae. doi.org/10.3390/horticulturae6020029.