Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Aumento esponenziale nel rischio di ospedalizzazione COVID-19 con l'età dovuto immunità a cellula T calante

L'aumento relativo all'età nel rischio di malattia severa e nella morte da COVID-19 rispecchia i reticoli più in anticipo veduti con le infezioni. Tali tendenze possono contribuire a capire i meccanismi che sono alla base della funzionalità clinica. Uno studio recente pubblicato nel medRxiv* del " server " della pubblicazione preliminare nell'agosto 2020 mostra che l'effetto dell'età e sesso sulle tariffe dell'ospedalizzazione COVID-19 in U.S.A. e le guide capiscono come la funzione immune è compresa in questa pandemia.

Fasi di COVID-19

COVID-19 ora è conosciuto per accadere in tre fasi, in primo luogo, sintomi delicati della tosse a secco e febbre, seguenti che la maggior parte dei pazienti recuperano. Secondariamente, alcuni pazienti sviluppano la polmonite virale ed hanno bisogno dell'ospedalizzazione. In terzo luogo, alcuni di questi ricoverati sviluppano la difficoltà respiratoria critica, gli eventi del tipo di colpo e la distruzione di linfonodo, circa tre settimane dall'inizio di sintomo, richiedente l'ammissione (ICU) dell'unità di cure intensive.

Molti pazienti COVID-19 mostrano la linfopenia presto nel corso di malattia, che servisce da indicatore della progressione e della mortalità di malattia. I test clinici sono in corso valutare le immunoterapie ed i vaccini basati su immunità a cellula T poiché questi stanno rivelando essere di maggior efficacia che l'immunità umorale da solo in questa circostanza. Effettivamente, i pazienti asintomatici COVID-19 hanno una forte risposta a cellula T senza o prima di alcuni anticorpi che sono individuati.

Rischio relativo all'età di severità COVID-19

I numerosi studi hanno trovato che il rischio severo COVID-19 aumenta con l'età ed è più basso per quelli al di sotto di 20 anni. Se il rischio di infezione è egualmente basso in più giovani pazienti è attualmente discutibile, ma la progressione di malattia è molto meno comune in questo gruppo d'età.

Lo studio corrente esplora il collegamento fra l'aumento relativo all'età nel rischio di COVID-19 e l'involuzione come pure la produzione timiche di cellula T.

Relazione inversa semplice

Nelle infezioni gradisca lo staphylococcus aureus Meticillina-resistente (MRSA) e pneumococcico, il virus del Nilo occidentale e la leucemia mieloide cronica (CML) come pure il cuore ed i tumori al cervello, il rischio è conosciuto per raddoppiare ogni 16 anni di età aumentante o per aumentare di 4,5% all'anno. Ciò è precisamente la tariffa a cui il volume e la produzione timici di cellula T si restringono alla metà di ogni 16 anni.

Ciò, quindi, mostra una relazione inversa semplice fra il rischio di malattia e la produzione di cellula T. La tendenziosità ben nota verso la malattia negli uomini egualmente misura questo modello, poiché gli uomini hanno circa rischio aumentato 1,5 volte di cancro e di malattia infettiva e una produzione a cellula T di 1,5 volte più in basso, confrontata alle donne.

La tendenziosità maschio nel rischio COVID-19 è evidente, con il rischio dell'ospedalizzazione aumentato 33% ed il rischio della mortalità aumentato 90% negli uomini ed è molto simile all'più alto rischio di cancro negli uomini. Ciò può indicare due punti del rischio aumentato negli uomini, uno che precedono ed uno a seguito dell'ospedalizzazione, il posteriore che è mediata dall'attivazione di IL-6 e l'abbondanza dysregulated risultante di citochina - la cosiddetta tempesta di citochina del `' - ancora possibilmente il risultato di disfunzione a cellula T.

I ricercatori commentano, “come tale, reticoli fondamentali nell'incidenza di malattia riguardo sia all'età che il genere può direttamente essere collegato alle differenze nel sistema immunitario adattabile. , Quindi, abbiamo provato per vedere se COVID-19 segue la stessa tendenza.„

Dati d'esplorazione di ospedalizzazione

I ricercatori eletti per usare i dati di ospedalizzazione come più affidabili del numero dei casi, che dipende dalle strategie di prova. Hanno trovato che l'incidenza delle ospedalizzazioni per questa malattia in molti paesi si raddoppia con ogni 16 anni. L'incidenza dei casi, tuttavia, non è molto differente attraverso le fasce d'età dopo 20 anni. Ciò potrebbe essere perché tutti gli adulti hanno attendibilmente esposizione costante al virus mentre l'esposizione seguente, il rischio dell'ospedalizzazione si raddoppia con ogni 16 anni supplementari.

I ricercatori hanno usato l'infezione severa del `' come indice analitico dell'ospedalizzazione, con tutti i altri casi che sono classificati come ` delicato.' Facendo uso di un modello (SIR) Suscettibile-Infettare-Eliminato e del supporre che il rischio di infezione seguente di malattia severa è 0,044 all'anno dell'età, egualmente hanno compreso altri fattori quali l'impegno sociale età-dipendente, il contatto con l'infezione delicata o severa e la trasmissione ambientale senza contatto diretto di caso. In questo modo, hanno determinato la distribuzione dell'età delle ospedalizzazioni in Francia. Questo paese ha avuto un gruppo di dati meravigliosamente completo dei casi confermati dall'età.

Hanno trovato quello come previsto, il rischio di aumenti severi di malattia esponenzialmente con l'età, parallelizzante la caduta della funzione timica con l'età superiore a 20 anni. Il gruppo d'età inferiore a 20 anni hanno avuti protezione immune supplementare di 53-77% da COVID-19 severo, forse il dovuto gli anticorpi inter-reattivi contro altri coronaviruses o altri virus respiratori, che si presentano più frequentemente in questo gruppo d'età. Circa 40% - 60% delle persone senza una cronologia dell'esposizione hanno celle di T CD4 reattive a SARS-CoV-2. I fattori di confusione quali le differenze nell'esposizione e nell'infettività dei contatti sono stati trovati per non svolgere ruolo nella tariffa età-dipendente dell'ospedalizzazione.

Il meccanismo dietro questa associazione non è chiaro, ma un buon candidato è esaurimento a cellula T dovuto un alto caricamento antigenico. Ciò è associata con lo svuotamento dei cloni specifici e della funzione bassa dell'effettore. Ciò è stata trovata per accadere nei cancri e nelle infezioni e per predire la mortalità. Con produzione a cellula T bassa sopra l'età, l'esaurimento diventa più probabile ed è stato osservato in un modello del cancro del mouse.

Efficace età COVID-19 del `'

La curva della mortalità in COVID-19 è esponenzialmente più alta con l'età confrontata alla curva dell'ospedalizzazione. Ciò potrebbe combinarsi con BMI ed altri fattori di rischio, compreso la malattia cardiovascolare, che egualmente ha un tasso di incremento esponenziale con l'età, per arrivare ad un'età COVID-19 per ciascuno determinato.

Combinando l'aumento nel rischio di malattia cardiovascolare e di declino a cellula T con l'età, hanno ottenuto l'aumento osservato nel rischio di mortalità COVID-19 con l'aumento dell'età. I ricercatori dicono quello in termini di rischio, “per sia l'incidenza dell'ospedale che la mortalità, uomini è efficacemente ~6 anni più vecchio delle donne.„

Cioè il rischio di morte di COVID-19 è proporzionale al rischio di malattia cardiovascolare ed inversamente proporzionale a produzione a cellula T. Quindi, precisano, “malattia cardiovascolare sono improbabili da essere un fattore di rischio per l'ospedalizzazione ma potrebbero essere per la progressione successiva di malattia.„

Il più a basso rischio durante i 5-17 anni di gruppo d'età

Il rischio di COVID-19 è più alto in bambini inferiore a 4 anni ma d'altra parte diminuisce ai più bassi livelli osservati fino all'età di 17 anni in U.S.A., come inoltre veduto con le infezioni batteriche. Ciò ha potuto essere dovuto gli effetti dell'età sull'esposizione, sulla progressione della malattia e sui gradi di infezione dopo l'esposizione e l'infettività della persona.

Implicazioni

I ricercatori riassumono che mentre non c'è apparentemente differenza nel rischio o nel transmissibility di infezione, “la relazione inversa semplice fra il rischio e la dimensione che del timo riferiamo qui suggerisce che le terapie basate sui meccanismi a cellula T possano essere un obiettivo di promessa.„ Questi risultati potrebbero anche contribuire a capire come COVID-19 diventa la malattia severa ed ad attenuare la sua severità.

Avviso *Important

il medRxiv pubblica i rapporti scientifici preliminari che pari-non sono esaminati e, pertanto, non dovrebbero essere considerati conclusivi, guida la pratica clinica/comportamento correlato con la salute, o trattato come informazioni stabilite.

Journal reference:
Dr. Liji Thomas

Written by

Dr. Liji Thomas

Dr. Liji Thomas is an OB-GYN, who graduated from the Government Medical College, University of Calicut, Kerala, in 2001. Liji practiced as a full-time consultant in obstetrics/gynecology in a private hospital for a few years following her graduation. She has counseled hundreds of patients facing issues from pregnancy-related problems and infertility, and has been in charge of over 2,000 deliveries, striving always to achieve a normal delivery rather than operative.

Citations

Please use one of the following formats to cite this article in your essay, paper or report:

  • APA

    Thomas, Liji. (2020, September 02). Aumento esponenziale nel rischio di ospedalizzazione COVID-19 con l'età dovuto immunità a cellula T calante. News-Medical. Retrieved on October 28, 2020 from https://www.news-medical.net/news/20200902/Exponential-rise-in-COVID-19-hospitalization-risk-with-age-due-to-waning-T-cell-immunity.aspx.

  • MLA

    Thomas, Liji. "Aumento esponenziale nel rischio di ospedalizzazione COVID-19 con l'età dovuto immunità a cellula T calante". News-Medical. 28 October 2020. <https://www.news-medical.net/news/20200902/Exponential-rise-in-COVID-19-hospitalization-risk-with-age-due-to-waning-T-cell-immunity.aspx>.

  • Chicago

    Thomas, Liji. "Aumento esponenziale nel rischio di ospedalizzazione COVID-19 con l'età dovuto immunità a cellula T calante". News-Medical. https://www.news-medical.net/news/20200902/Exponential-rise-in-COVID-19-hospitalization-risk-with-age-due-to-waning-T-cell-immunity.aspx. (accessed October 28, 2020).

  • Harvard

    Thomas, Liji. 2020. Aumento esponenziale nel rischio di ospedalizzazione COVID-19 con l'età dovuto immunità a cellula T calante. News-Medical, viewed 28 October 2020, https://www.news-medical.net/news/20200902/Exponential-rise-in-COVID-19-hospitalization-risk-with-age-due-to-waning-T-cell-immunity.aspx.