Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Lo studio esplora il collegamento fra uso personale delle tinture per capelli ed il rischio di cancro

Gli studi hanno indicato che quella gente che tingono i loro capelli regolarmente possono avere un elevato rischio di cancro, particolarmente del cancro di vescica e del cancro al seno.

Le tinture per capelli contengono determinati prodotti chimici che sono stati giudicati responsabili di queste relazioni. Nel più grande studio fin qui, che seguisse 117.200 donne da U.S.A. in 36 anni, questo non potrebbe essere confermato.

Un gruppo di ricerca piombo da Eva Schernhammer, capo del dipartimento dell'epidemiologia all'università medica di Vienna, indicata in un'analisi specifica dei dati da uno studio di gruppo degli infermieri dell'americano che la coloritura di capelli regolare non ha avuta effetto significativo sulla maggior parte dei tipi di cancri - con alcune eccezioni. Questo studio è stato pubblicato in British Medical Journal.

L'agenzia internazionale per la ricerca su Cancro (IARC), parte dell'organizzazione mondiale della sanità (WHO), ha classificato l'esposizione professionale (per esempio parrucchieri) alle tinture per capelli come agente cancerogeno umano probabile, mentre l'uso personale delle tinture per capelli non potrebbe essere classificato.

Tuttavia, poichè la prova epidemiologica corrente è lontano da conclusivo, c'è preoccupazione circa il potenziale cancerogeno di uso personale di tintura per capelli permanente, particolarmente quelle che sono particolarmente aggressivi ed i più comunemente usati.

Appena un rischio aumentato per la maggior parte dei tipi di cancri - con le eccezioni

Lo studio corrente - il più grande studio prospettivo su questo argomento fin qui - non ha trovato collegamento fra uso personale di tintura per capelli permanente ed il rischio di maggior parte di di cancri o di mortalità in relazione con il Cancro.

Tuttavia, ha trovato un'associazione positiva per il rischio di basalioma, di cancro al seno ricevitore-negativo dell'ormone (ER, fotoricettore e ER-/PR-) e di cancro ovarico.

Più ulteriormente, lo studio egualmente ha trovato la prova per eterogeneità dovuto colore naturale dei capelli: un rischio aumentato di linfoma di Hodgkin è stato osservato soltanto naturalmente in donne con capelli scuri e un elevato rischio di basalioma è stato osservato particolarmente in donne con capelli naturalmente leggeri.

Lo studio di gruppo futuro attuale offre una certa riassicurazione contro le preoccupazioni che l'uso personale delle tinture per capelli permanenti può essere associato con un rischio aumentato di cancro o di mortalità. Tuttavia, egualmente abbiamo trovato una correlazione positiva per il rischio di alcuni cancri.„

Eva Schernhammer, capo, dipartimento di epidemiologia, università medica di Vienna

I risultati correnti sono limitati alle donne bianche degli Stati Uniti e non possono estendere ad altre popolazioni.

“I nostri risultati giustificano ulteriore convalida futura,„ spiega Schernhammer. “Questo dipende dalle popolazioni e paesi differenti, i genotipi differenti di predisposizione (per esempio NAT1 o NAT2), cancri se i genotipi differenti ed i fenotipi genetici molecolari, le impostazioni differenti dell'esposizione (uso personale contro esposizione professionale), i punti differenti di tempo ed i colori differenti delle tinture per capelli permanenti usate (buio ha tinto contro indicatore luminoso tinto), con i preventivi raffinati dell'esposizione e sono interpretati alla luce della totalità della prova.„

Source:
Journal reference:

Zhang, Y., et al. (2020) Personal use of permanent hair dyes and cancer risk and mortality in US women: prospective cohort study. British Medical Journal. doi.org/10.1136/bmj.m2942.