Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Una vittoria ERC di due scienziati del MDC che inizia le concessioni per l'esplorazione della ricerca

Il Dott. Kathrin de la Rosa ed il Dott. Ilaria Piazza, che sono entrambe le guide minori del gruppo al centro massimo DelbruÌ-CK per medicina molecolare nell'associazione di Helmholtz (MDC), hanno ogni consiglio della ricerca europeo estratto (ERC) iniziare le concessioni. Le concessioni prestigiose forniscono circa €1.5 milione in cinque anni agli scienziati ed agli studiosi di presto-carriera per costruire i loro propri gruppi e per condurre “la ricerca della ricompensa ad alto rischio e alta„. I ricercatori devono completare il loro Ph.D. nei due - sette anni ultimi ed avere un registro scientifico mostrare la grande promessa. Questo anno, 436 scienziati europei dai diversi campi della ricerca riceveranno il finanziamento.

I ERC che iniziano le concessioni tendono a costituire un fondo per i progetti che forse non riuscirebbero in altri contesti, perché le idee sono, a metterlo semplicemente, troppo pazzo.„  

Dott. Ilaria Piazza, testa del laboratorio Allosteric di Proteomics

De la Rosa, che dirige i meccanismi immuni ed il laboratorio umano degli anticorpi, acconsente: “Ci permette di indirizzare le ipotesi più rischiose.„

Piccole interazioni, grande impatto?

La piazza studia le interazioni fra le proteine e le piccole molecole, che possono essere metaboliti naturali, o le droghe artificiali. “Sappiamo parecchio circa come le proteine interagiscono a vicenda, o interagiamo con gli acidi dei nuclei come DNA o RNA, ma esplorando come interagiscono con i metaboliti o droghe su scala globale, che è nuovo,„ la piazza dice.

Ha sviluppato un approccio innovatore per analizzare queste interazioni: una combinazione di proteasi, di proteina che taglia su o “fende„ le proteine e di spettrometria di massa, un commputer che individua ed indica tutti i segmenti differenti delle proteine, chiamato peptidi. La piazza confronta le catene del peptide di una proteina esposta ad una piccola molecola contro non esposto. Se le catene sono differenti, indica che la proteina è stata tagliata diversamente perché è stata limitata alla piccola molecola.

La potenza dell'approccio è lei può studiare migliaia di proteine allo stesso tempo, per vedere quale legare ad una piccola molecola particolare di interesse. La parte “pazza„ della sua ipotesi è che le interazioni fra le proteine e le piccole molecole che si presentano dentro il nucleo delle cellule possono direttamente pregiudicare l'espressione genica. Sospetta che queste interazioni - che riflettono le influenze del mondo esterno, contro la genetica predeterminata - trattenga il tasto a spiegare perché le malattie si sviluppano.

“Perché è quel gemelli, che hanno lo stesso codice genetico, può avere le personalità e malattie differenti?„ La piazza chiede. “Come viviamo e l'ambiente viviamo nell'influenza come il DNA è tradotto in proteine e credo che le interazioni fra le proteine e le piccole molecole svolga un ruolo enorme che è completamente inesplorato.„

Potrebbe essere che l'effetto è molto più piccolo di sospetta, ma ricevere il ERC che inizia Grant è convalida che l'idea vale la pena di incresparsi, la piazza dice. La concessione circa di €1.7 milione per il suo proteoRAGE del progetto gli permetterà di impiegare i membri di gruppo supplementari per il suo laboratorio, che ha cominciato all'inizio di quest'anno. “Ho bisogno della gente coraggiosa che non è impaurita pensare dalla casella,„ lei dico.

Sfruttamento di riusciti trucchi della natura

Kathrin de la Rosa, che ha iniziato il suo laboratorio di ricerca dell'immunologia al MDC nel 2018, potrebbe appena credere che avesse estratto la concessione. “Ma quando le congratulazioni sono venuto da altre che mi aiutassero con il trattamento di osservazione, quindi potrei celebrare,„ dice. Ha ricevuto circa €1.5 milione per il suo progetto AutoEngineering.

È messo a fuoco sul tweaking i propri linfociti B dell'organismo in laboratorio in modo che producano gli anticorpi che sono ancor più potenti che le loro controparti naturali. Ma de la Rosa non userà le forbici genetiche quale CRISPR-Cas9 per alterare il loro DNA. “Se queste forbici tagliate nel posto sbagliato, là possono essere effetti secondari non intenzionali. Le celle possono anche girare cancerogeno,„ dice. Invece, de la Rosa vuole sfruttare l'abilità naturale dei linfociti B.

I linfociti B sono un tipo di globulo bianco. Producono gli anticorpi altamente specializzati che riconoscono e legano agli intrusi nell'organismo. In questo modo, attirano le celle difensive che distruggono gli agenti patogeni quali i virus, i batteri ed i parassiti. Quando i linfociti B incontrano tali agenti patogeni, ottengono attivati - si moltiplicano ed i loro fili del DNA si rompono specialmente spesso ai siti in cui gli anticorpi sono codificati. Ciò modifica a caso gli anticorpi, creanti le versioni con una migliore misura.

In rari casi durante l'infezione di malaria, gli anticorpi “rubano„ un segmento di un altro gene: Un intero nuovo agente patogeno che il ricevitore è inserito quello piombo agli anticorpi largamente reattivi. “Gli agenti patogeni si divertono sfuggire a da questi anticorpi, anche quando l'intruso subisce una mutazione e cambia la sua superficie,„ de la Rosa dice.

De la Rosa vuole scoprire il trattamento “del segmento naturale che ruba„ per gradi, che lei ed i colleghi hanno osservato per la prima volta nel 2016. Il suo laboratorio cercherà di capire i meccanismi di fondo per indurre il trattamento nella capsula di Petri.

“In primo luogo, dobbiamo trovare i modi efficaci di sfruttamento del proprio meccanismo di questi cellule, proviamo se è più sicuro di CRISPR-Cas9 e poi lo usiamo per creare i nuovi tipi di anticorpi,„ dice. “Immagini appena se potessimo copiare i trucchi più riusciti dalla natura e quindi aiutare il sistema immunitario per tenere gli agenti patogeni quale il HIV nell'assegno!„ Per il suo e suo gruppo è molto emozionante lavorare a qualcosa che potrebbe l'un giorno essere un approccio completamente nuovo ai vaccini. “Sta andando essere un viaggio interessante,„ de la Rosa dice.