Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Il sonno può servire da indicatore del rischio e della progressione del morbo di Alzheimer

Che cosa fareste se sapeste quanto tempo non avete avuto finché morbo di Alzheimer collocato dentro? Non disperi. La nuova ricerca dall'università di California, Berkeley, suggerisce una difesa contro questo modulo virulento di demenza -- per cui nessun trattamento corrente esiste -- è il sonno profondo e ristoratore e l'abbondanza di.

I neuroscenziati Matthew Walker e Joseph Winer di Uc Berkeley hanno trovato un modo stimare, con un certo grado di accuratezza, un calendario per quando Alzheimer è più probabile da direzione nella vita di una persona.

“Abbiamo trovato che il sonno che state avendo ora è quasi come una sfera di cristallo che vi dice quando e quanto velocemente la patologia di Alzheimer si svilupperà nel vostro cervello,„ ha detto il camminatore, un professore di Uc Berkeley della psicologia e della neuroscienza e l'autore senior del documento pubblicato oggi, il 3 settembre, nella biologia della corrente del giornale.

“Il lato positivo qui è che c'è qualcosa che possiamo fare a questo proposito,„ ha aggiunto. “Il cervello si lava durante il sonno profondo e così ci può essere la probabilità girare indietro l'orologio ottenendo più sonno più presto nella vita.„

I ricercatori del collega e del camminatore hanno abbinato la qualità di notte di sonno di 32 adulti più anziani in buona salute contro l'accumulazione nei loro cervelli della placca tossica conosciuta come beta-amiloide, un attore chiave nell'inizio e la progressione di Alzheimer, che distrugge le vie di memoria ed altre funzioni del cervello ed affligge più di 40 milione di persone universalmente.

I loro risultati indicano che i partecipanti di studio che hanno cominciato fuori avvertire il sonno spezzettato e meno sonno di lento-Wave del movimento di occhio della non rapida (non REM) erano più probabili da mostrare un aumento in beta-amiloide nel corso dello studio.

Sebbene tutti i partecipanti rimangano in buona salute durante il periodo di studio, la traiettoria della loro crescita dell'beta-amiloide correlata con qualità di sonno del riferimento. I ricercatori potevano prevedere l'aumento nelle placche dell'beta-amiloide, che sono pensate per tracciare l'inizio di Alzheimer.

Piuttosto che aspettando qualcuno per sviluppare la demenza molti anni giù la strada, possiamo valutare come la qualità di sonno predice i cambiamenti nelle placche dell'beta-amiloide attraverso i timepoints multipli. In tal modo, possiamo misurare quanto questa proteina tossica si accumula rapidamente col passare del tempo nel cervello, che può indicare l'inizio del morbo di Alzheimer.„

JosephWiner, l'autore principale dello studio e studente di Ph.D. nel centro del camminatore per scienza umana di sonno a Uc Berkeley

Oltre a predire il tempo è probabile catturare per l'inizio di Alzheimer, i risultati rinforzano il collegamento fra sonno difficile e la malattia, che è particolarmente critica di fronte ad un tsunami dei figli del baby boom di invecchiamento sull'orizzonte.

Mentre gli studi precedenti hanno trovato che il sonno pulisce il cervello dei giacimenti dell'beta-amiloide, questi nuovi risultati identificano il sonno profondo di non REM lento-Wave come l'obiettivo di intervento contro il declino conoscitivo.

E sebbene il test genetico possa predire la sua predisposizione inerente a Alzheimer ed analisi del sangue offra uno strumento diagnostico, nessuno dei due offerte il potenziale per un intervento terapeutico di stile di vita che il sonno fa, i ricercatori precisano.

“Se profondo, il sonno ristoratore può rallentare questa malattia, dovremmo rendergli una priorità importante,„ Winer ha detto. “E se i medici sanno circa questa connessione, possono chiedere ai loro pazienti più anziani riguardo alla loro qualità di sonno e suggerire il sonno come strategia di prevenzione.„

I 32 partecipanti in buona salute ai loro 60s, 70s e 80s che sono iscritti allo studio di sonno fa parte dello studio di gruppo di invecchiamento di Berkeley intestato dal professor William Jagust, anche un co-author di salute pubblica di Uc Berkeley su questo ultimo studio. Lo studio su invecchiamento sano è stato lanciato nel 2005 con una concessione dagli istituti della sanità nazionali.

Per l'esperimento, ogni partecipante ha passare una notte di otto ore di sonno nel laboratorio del camminatore mentre subiva il polysomnography, una batteria delle prove che le onde cerebrali record, la frequenza cardiaca, sangue-ossigeno livellano ed altre misure fisiologiche di qualità di sonno.

Nel corso dello studio pluriannuale, i ricercatori hanno tenuto la carreggiata periodicamente il tasso di accrescimento della proteina dell'beta-amiloide nei cervelli dei partecipanti facendo uso di tomografia a emissione di positroni, o l'ANIMALE DOMESTICO scandisce ed ha confrontato i livelli dell'beta-amiloide delle persone ai loro profili di sonno.

I ricercatori messi a fuoco sull'attività di cervello presente durante il lento-Wave profondo dormono. Egualmente hanno valutato il risparmio di temi del sonno dei partecipanti di studio, che è definito come addormentato speso di tempo reale, rispetto alla menzogne insonne a letto.

I risultati hanno supportato la loro ipotesi che dormono qualità sono un biomarcatore e un preannunciatore della malattia giù la strada.

“Sappiamo che c'è una connessione fra qualità del sonno della gente e che cosa sta continuando nel cervello, in termini di morbo di Alzheimer. Ma di cui non è stato provato prima è se il vostro sonno ora predice che cosa sta andando accadere voi anni più successivamente,„ Winer ha detto. “E quella è la domanda che abbiamo avuti.„

Ed hanno ottenuto la loro risposta: “Il sonno di misurazione efficacemente ci aiuta a viaggiare nel futuro e preventivo dove la vostra accumulazione dell'amiloide sarà,„ Walker ha detto.

Per quanto riguarda i punti seguenti, il camminatore e Winer stanno esaminando come possono catturare i partecipanti di studio che sono ad ad alto rischio di contratto dei metodi del mezzo e di Alzheimer che potrebbero amplificare la qualità del loro sonno.

“La nostra speranza è che se interveniamo, quindi durante tre o quattro anni l'accumulazione non è più dove abbiamo pensato che sia stato perché abbiamo migliorato il loro sonno,„ Winer abbia detto.

Effettivamente, se possiamo piegare la freccia del rischio di Alzheimer verso il basso migliorando il sonno, sarebbe un avanzamento significativo e promettente.„

Matthew Walker, neuroscenziato di Uc Berkeley

Source:
Journal reference:

Winer, J.R., et al. (2020) Sleep Disturbance Forecasts β-Amyloid Accumulation across Subsequent Years. Current Biology. doi.org/10.1016/j.cub.2020.08.017.