Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

COVID-19 ha causato le rotture sostanziali ai servizi sanitari essenziali nella maggior parte dei paesi

La pandemia COVID-19 ha causato le rotture sostanziali nei servizi sanitari essenziali in 9 su 10 paesi esaminati dal WHO.

Nel rapporto recentemente rilasciato dall'ente di salubrità del mondo, condotto per valutare gli impatti su 25 servizi sanitari essenziali, ha scoperto che “molto la routine ed i servizi elettivi sono stati sospesi [nella maggior parte dei country], mentre la cura critica - quali screening dei tumori ed il trattamento e la terapia del HIV - ha veduto le interruzioni ad alto rischio in country a basso reddito„.

Le rotture importanti sono state notate nell'immunizzazione sistematica (70 per cento per l'esagerare e 61 per cento per ai i servizi basati a funzione), pianificazione familiare (68 per cento), cura prenatale (56 per cento), [trattamento di] disordini di salute mentale (61 per cento), diagnosi del cancro ed il trattamento (55 per cento), servizi di terapia del antiretroviral per il HIV (32 per cento), diagnosi di malaria ed il trattamento (46 per cento) e rilevazione di TB ed il trattamento (42 per cento). I servizi quali l'emergenza di 24 ore, le trasfusioni di sangue urgenti e la chirurgia di emergenza sono stati interrotti in 22 per cento, 23 per cento e 19 per cento dei paesi, rispettivamente.

“Le riduzioni della partecipazione di cura di paziente esterno a causa della domanda più bassa sono state riferite da 76 per cento dei paesi, con altri fattori quali il lockdown (48 per cento) e le difficoltà finanziarie (33 per cento) anche citate. Il fattore il più comunemente riferito dal lato dell'offerta era annullamento dei servizi elettivi (66 per cento),„ il rapporto suggerito.

Sushmita Roy Chowdhury, pulmonologist agli ospedali di Apollo Gleneagles, Calcutta, India del consulente, dice a SciDev.Net che il lavoro non-COVID-19 ha catturato un colpo significativo nei sei mesi scorsi dovuto i numerosi fattori quale rottura degli ambulatori normali, timore dell'infezione di contratto, aumentando il numero dei pazienti COVID-19 ed ha prolungato i lockdowns che pregiudicano i servizi di trasporto.

Il WHO esamina i risultati è la rottura molto seria manifestazione e realmente inquietante [e] dei servizi sanitari essenziali sistematici nella maggior parte dei paesi.„

Madhukar Pai, presidenza di ricerca del Canada in epidemiologia di traduzione e Direttore globale di salubrità, centro internazionale di TB di McGill, McGill University, Montreal, Canada

Il fatto che i paesi bassi e con reddito medio erano più commoventi non è sorprendente, lui spiega, poiché molti paesi bassi e con reddito medio già hanno avuti sistemi fragili di salubrità prima della pandemia. “Temo che molti [paesi bassi e con reddito medio] dipendano ancor più dall'aiuto internazionale [ora], ma i paesi con reddito elevato potrebbero ridurre sull'aiuto a causa della recessione,„ Pai dice SciDev.Net.

Il WHO ha notato che i vari paesi stanno prendendo le misure per combattere la situazione. Le iniziative comprendono triaging per scoprire le priorità, facendo uso dei servizi di telemedicina per le consultazioni pazienti online, sostenenti gli adeguamenti riguardo all'offerta della medicina e dispensanti ed adottanti le misure di esagerare della comunità per fornire informazioni di salute pubblica.

“Sormontare questi problema, consapevolezza generale del sanitisation, uso universale della maschera e distanziare del sociale dovrebbe essere continuato,„ Roy Chowdhury aggiunge. Suggerisce che i servizi COVID-19 dovrebbero essere separati dai servizi non-COVID-19 in ospedali e centri ed ansia di sanità fra i pazienti dovrebbe essere acquietata il più distante possibile.

Oyewale Tomori, virologo rinomato ed ex rettore dell'università dei redentori, stato di Osun, Nigeria, dice SciDev.Net, “COVID-19 è una malattia dilagante e dominante che ha assunto la direzione del delivery system già difficile di sanità in molti paesi [a basso reddito e con reddito medio].

“Dobbiamo istruire meglio i nostri cittadini [considerare] la sicurezza [ospedale o strutture ospedaliere] dell'ambiente ed egualmente dobbiamo stabilire il migliore esagerare di prestare i servizi di sanità con minimizzazione delle visite dell'ospedale.„

Secondo il WHO, l'indagine rivela che “anche i sistemi robusti di salubrità possono essere sopraffatti e compromessi rapido da uno scoppio COVID-19, rinforzante la necessità per la raccolta di dati e gli adattamenti strategici continui di assicurare il mantenimento della disposizione essenziale di cura„.

Source: