Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Il delivery system della droga di Nanotechnological migliora l'efficacia del trattamento del melanoma

I ricercatori all'università di Tel Aviv, piombo da prof. Ronit Satchi-Fainaro del dipartimento della tau della fisiologia e della farmacologia alla scuola di medicina di Sackler, hanno messo a punto un delivery system nanotechnological innovatore della droga che migliora significativamente l'efficacia del trattamento per il melanoma aggressivo del cancro di interfaccia.

Più nanocarrier è un polimero biocompatibile e biodegradabile, che comprende le unità di ripetizione gli acidi glutammici. Imballa insieme due droghe che appartengono alle famiglie differenti con efficacia provata per il trattamento del melanoma: Inibitori di BRAF (Dabrafenib) ed inibitori di MEK (Selumetinib, approvato per uso in bambini con il tipo di neurofibromatosi I).

Gli studenti inclusi Evgeni Pisarevsky, Dott. Rachel Blau e Yana Epshtein di PhD del gruppo di ricerca dal laboratorio di ricerca di prof. Satchi-Fainaro al banco di Sackler. Il documento è stato pubblicato il 10 agosto 2020, in terapeutica avanzata.

“Uno degli ostacoli principali dei trattamenti biologici è che, dopo un po', le cellule tumorali sviluppano la resistenza alle droghe,„ prof. Satchi-Fainaro dice. “Ammettiamo quello dalla consegna precisa droghe di due o mirati a che attaccheranno validamente e simultaneamente le cellule tumorali dalle direzioni differenti, possiamo ritardare o persino impedire l'acquisizione di questa farmacoresistenza.

“In questo progetto, abbiamo cercato una soluzione ad un problema connesso spesso con i cocktail della droga,„ prof. Satchi-Fainaro continuiamo. “La maggior parte dei trattamenti oncologici oggi sono amministrati sotto forma di cocktail di parecchi farmaci. Ma anche se le droghe sono amministrate simultaneamente, non raggiungono il tumore allo stesso tempo, dovuto le differenze nei parametri di base, come quanto tempo sopravvivono a nella circolazione sanguigna e nel tempo che cattura ogni droga per raggiungere il tessuto del tumore. Quindi, nella maggior parte dei casi, i farmaci non funzionano simultaneamente, che li impedisce il raggiungimento dell'attività sinergica ottimale.„

Rispondendo a queste sfide, i ricercatori hanno messo a punto un delivery system innovatore, efficiente e biodegradabile della droga. Due droghe conosciute per essere efficaci per il trattamento del melanoma, di Dabrafenib e di Selumetinib, sono state scelte, con l'intenzione di consegna loro insieme al tumore facendo uso di un più nanocarrier. Il più nanocarrier della droga scelto per il compito era PGA, un polimero di acido glutammico, uno degli amminoacidi più comuni della natura. Sviluppato nel laboratorio di prof. Satchi-Fainaro parecchi anni fa, il più nanocarrier già è stato provato con successo a trattamento pancreatico, a petto ed a cancro ovarico nei modelli animali.

I ricercatori in primo luogo hanno determinato il rapporto ottimale fra i due farmaci basati sui livelli e sui tipi di tossicità come pure il meccanismo della resistenza si è sviluppato dalle cellule tumorali per ogni farmaco. Ciò infine assicurerebbe l'efficacia massima, la tossicità minima e l'attività sinergica ottimale. Un altro vantaggio importante della consegna unita è dosaggio diminuito: una dose molto più bassa è richiesta ha confrontato ad ogni droga una volta amministrata indipendente.

Il punto seguente stava usando le modifiche chimiche per permettere al legame fra i portafili polimerici e le droghe scelte. Questo sistema combinato può attraversare through l'organismo con la sicurezza totale, non infliggente danneggiamento dei tessuti sani. Sopra il raggiungimento delle cellule tumorali, le proteine più nanocarrier di incontri della famiglia degli enzimi dei cathepsins, che altamente sono attivate in tumori maligni. Le proteine degradano il polimero, rilasciante le droghe che si trasformano in in attivo ed uniscono le forze per attaccare il tumore. “È come parecchi passeggeri che guidano in una carrozza e scendendo insieme allo stesso indirizzo,„ prof. Satchi-Fainaro spiega. “Tutte arrivano alla stessa destinazione, destra allo stesso tempo.„

Provato su un modello del mouse del melanoma, il nuovo trattamento ha mostrato i risultati di promessa. Il più nanocarrier ha consegnato le due droghe al tumore e le ha rilasciate là simultaneamente nelle quantità circa 20 volte maggiori di quelle che raggiungono il tumore quando le simili dosi degli stessi farmaci sono amministrate indipendente. Inoltre, l'effetto terapeutico raggiunto dalle droghe consegnate dal più nanocarrier duraturo due volte tre volte a più lungamente ha confrontato ad un gruppo di controllo e ad un gruppo curati con i farmaci liberi.

Secondo i ricercatori, questo significa che la nuova piattaforma permette ai dosaggi molto più bassi -- circa un terzo della dose richiesta in cocktail regolari della droga. Il trattamento complessivamente è egualmente sia più sicuro che più efficace. Se necessario, il nuovo approccio tiene conto i dosaggi che sono molto superiori al dosaggio massimo ammissibile nei metodi correnti, quindi migliorando l'efficacia del trattamento ancora ulteriore.

In questo progetto, abbiamo messo a punto un delivery system innovatore della droga per il trattamento del melanoma, la consegna dei due farmaci provati ed il rilascio loro simultaneamente al sito del tumore. Il trattamento ha provato sia più sicuro che più efficace degli stessi farmaci amministrati come cocktail. Inoltre, la nostra nuova piattaforma è altamente modulare e può essere usata per la consegna dei una vasta gamma farmaci. Crediamo che il suo potenziale per il miglioramento della terapeutica per le malattie differenti sia praticamente senza fine.„

Prof. Ronit Satchi-Fainaro, il dipartimento della tau di fisiologia e di farmacologia, scuola di medicina di Sackler

Source:
Journal reference:

Pisarevsky, E., et al. (2020) Melanoma: Rational Design of Polyglutamic Acid Delivering an Optimized Combination of Drugs Targeting Mutated BRAF and MEK in Melanoma (Adv. Therap. 8/2020). Advanced Therapeutics. doi.org/10.1002/adtp.202070017.