Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

L'impronta del metabolita rivela i segni di danno dell'multi-organo in pazienti COVID-19

SARS-CoV-2, il virus responsabile di COVID-19, può causare una vasta gamma di sintomi, da neanche uno allo sforzo, all'errore dell'multi-organo ed alla morte respiratori severi. Il virus mira considerevolmente ai polmoni, ma molti pazienti egualmente avvertono i sintomi non respiratori.

Ora, i ricercatori che riferiscono in giornale di ACS della ricerca di Proteome hanno confrontato le lipoproteine ed i metaboliti nel sangue dei pazienti COVID-19 e degli individui sani, rivelante i segni di danno dell'multi-organo in pazienti che potrebbero qualche giorno contribuire a diagnosticare e trattare COVID-19.

I test diagnostici correnti per COVID-19 contano sulla rilevazione di RNA o degli anticorpi virali contro il virus. Entrambi i tipi di prove sono a risultati inclini del falso negativo come pure presentano altre limitazioni.

Un altro modo possibile di rilevazione dell'infezione SARS-CoV-2 potrebbe comprendere analizzare i cambiamenti che metabolici il virus causa in una persona infettata.

Jeremy Nicholson, Elaine Holmes ed i colleghi hanno voluto analizzare gli effetti sistematici della malattia e determinare se c'fosse un'impronta metabolica generale di COVID-19.

I ricercatori hanno raccolto i campioni di sangue da 17 pazienti che hanno verificato il positivo a COVID-19 con le analisi correnti e da 25 l'età sana, la massa dell'organismo e del sesso indice-ha abbinato i comandi che erano quantità negativa provata per l'infezione corrente o priore SARS-CoV-2 con una prova dell'anticorpo.

Poi, il gruppo ha analizzato la lipoproteina del plasma, il metabolita ed i livelli dell'amminoacido nel plasma sanguigno con spettrometria a risonanza magnetica nucleare della cromatografia-massa del liquido e della spettroscopia.

Con le analisi statistiche a più variabili che hanno individuato le differenze fra i pazienti ed i comandi, i ricercatori hanno rivelato un'impronta metabolica dell'infezione SARS-CoV-2 che comprende i segni di infiammazione, di disfunzione del fegato, del diabete e del rischio acuti della malattia cardiovascolare.

Il gruppo ora sta convalidando i dati in un gruppo di pazienti molto più grande. Oltre possibilmente a essere usando per sviluppare ad un test diagnostico basato a metabolita, questi risultati indicano che i pazienti recuperati COVID-19 dovrebbero essere valutati per i rischi aumentati per altre circostanze, i ricercatori dicono.

Source:
Journal reference:
  • Kimhofer, T., et al. (2020) Integrative Modelling of Quantitative Plasma Lipoprotein, Metabolic and Amino Acid Data Reveals a Multi-organ Pathological Signature of SARS-CoV-2 Infection. Journal of Proteome Research. doi.org/10.1021/acs.jproteome.0c00519.