Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

le proteine Computer-progettate possono proteggere le cellule umane laboratorio-crescenti da SARS-CoV-2

le piccole proteine Computer-progettate ora sono state indicate per proteggere le cellule umane laboratorio-crescenti da SARS-CoV-2, il coronavirus che causa COVID-19.

I risultati sono riferiti oggi, il 9 settembre, nella scienza

Negli esperimenti, il candidato antivirale del cavo, nominato LCB1, competuto negli anticorpi di neutralizzazione più noti SARS-CoV-2 nei sui atti protettivi. LCB1 corrente sta valutando in roditori.

Coronaviruses è fissato con le cosiddette proteine della punta. Questi chiudono sulle cellule umane per permettere al virus di irromperle ed infettare. Lo sviluppo delle droghe che interferiscono con questo meccanismo dell'entrata potrebbe piombo al trattamento di o persino alla prevenzione dell'infezione.

L'istituto per i ricercatori di struttura delle proteine alla scuola di medicina dell'università di Washington ha utilizzato i computer per produrre le nuove proteine che legano strettamente alla proteina della punta SARS-CoV-2 e la ostruiscono dall'infezione delle celle.

Cominciando a gennaio, più di due milione proteine dell'Punta-associazione del candidato sono state progettate sul computer. Oltre 118.000 poi sono stati prodotti e provato stati in laboratorio.

Sebbene l'estesa prova clinica ancora sia necessaria, crediamo che il meglio di questi antivirals generati da computer abbastanza stia promettendo. Sembrano bloccare l'infezione SARS-CoV-2 almeno come pure gli anticorpi monoclonali, ma sono molto più facili da produrre e molto più stabile, potenzialmente eliminando l'esigenza della refrigerazione.„

Longxing cao, autore principale di studio e studioso postdottorale, istituto per struttura delle proteine

 

I ricercatori hanno creato le proteine antivirali con due approcci. In primo luogo, un segmento del ricevitore ACE2, che SARS-CoV-2 lega naturalmente sulla superficie delle cellule umane, è stato compreso in una serie di piccole impalcature della proteina.

In secondo luogo, le proteine completamente sintetiche sono state progettate da zero. Il metodo posteriore ha prodotto i antivirals più potenti, compreso LCB1, che è approssimativamente sei volte più potente sulla a per base di massa che gli anticorpi monoclonali più efficaci riferiti finora.

Gli scienziati dalla scuola di medicina dell'università di Washington a scuola di medicina dell'università di Washington e di Seattle a St. Louis hanno collaborato su questo lavoro.

“Il nostro successo nella progettazione dell'alto-affinità che le proteine antivirali da zero è ulteriore prova che la struttura delle proteine di calcolo può essere usata per creare i candidati di promessa della droga,„ ha detto l'autore ed il ricercatore senior David Baker, professore di Howard Hughes Medical Institute della biochimica alla scuola di medicina di UW ed alla testa dell'istituto per struttura delle proteine. Nel 2019, il panettiere ha presentato un esposto di TED su come la struttura delle proteine potrebbe essere usata per fermare i virus.

per confermare che le nuove proteine antivirali fissate alla proteina della punta di coronavirus come prevista, il gruppo hanno raccolto le istantanee delle due molecole che interagiscono usando la microscopia dell'cryo-elettrone.

Questi esperimenti sono stati eseguiti dai ricercatori nei laboratori di David Veesler, assistente universitario della biochimica alla scuola di medicina di UW e di Michael S. Diamond, il Herbert S. Gasser professore nella divisione delle malattie infettive alla scuola di medicina dell'università di Washington a St. Louis.

“I minibinders hyperstable forniscono i punti di partenza di promessa per nuova terapeutica SARS-CoV-2,„ il gruppo di ricerca antivirale ha scritto nella loro pubblicazione preliminare di studio, “ed illustra la potenza di struttura delle proteine di calcolo per rapido la generazione dei candidati terapeutici potenziali contro le minacce pandemiche.„

Source:
Journal reference:

Cao, L., et al. (2020) De novo design of picomolar SARS-CoV-2 miniprotein inhibitors. Science. doi.org/10.1126/science.abd9909.