Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Lo studio mostra come la pandemia ha spiegato attraverso il mondo

Un nuovo studio combina la genomica evolutiva dai campioni di coronavirus con le epidemie computer-simulate e le registrazioni dettagliate di viaggio per ricostruire la diffusione del coronavirus attraverso il mondo in dettaglio senza precedenti.

Pubblicato nella scienza del giornale, i risultati indicano un periodo esteso di opportunità mancante quando la prova ed il tracciato intensivi del contatto potrebbero impedire SARS-CoV-2 consolidarsi in America settentrionale ed Europa.

Il documento egualmente sfida i suggerimenti che hanno collegato i casi conosciuti più in anticipo di COVID-19 su ogni continente a gennaio agli scoppi hanno individuato le settimane più successivamente e fornisce le comprensioni apprezzate che potrebbero informare la risposta di salute pubblica ed aiutare con prevedere ed impedire gli scoppi futuri di COVID-19 e di altre malattie zoonotiche.

La nostra aspirazione era di sviluppare ed applicare la nuova tecnologia potente per condurre un'analisi definitiva di come la pandemia ha spiegato nello spazio e nel tempo, attraverso il globo. Prima, c'erano lotti delle possibilità che fluttuano intorno in una mish-poltiglia di scienza, dei media sociali e di un numero senza precedenti delle pubblicazioni della pubblicazione preliminare ancora che attendono la revisione tra pari.„

Michael Worobey, ricercatore, università dell'Arizona

Worobey egualmente piombo un gruppo interdisciplinare degli scienziati da 13 centri di ricerca negli Stati Uniti, nel Belgio, nel Canada e nel Regno Unito.

Il gruppo ha basato la loro analisi sui risultati dagli sforzi virali di sequenziamento del genoma, che hanno cominciato subito dopo che il virus è stato identificato. Questi sforzi si sono sviluppati rapidamente in uno sforzo mondiale senza precedenti in disgaggio e nel passo ed hanno reso decine di migliaia di sequenze del genoma, pubblicamente - disponibile nei database.

Il contrario alle descrizioni diffuse, le prime ha documentato gli arrivi delle persone infettate che viaggiano dalla Cina negli Stati Uniti ed Europa non ha fatto crescere a valanga negli scoppi continentali, i ricercatori trovati.

Invece, le misure rapide e decisive hanno puntato su rintracciare e contenendo quelle incursioni iniziali del virus riuscivano e dovrebbero servire da risposte di modello che dirigono gli atti futuri e le polizze dai governi e dalle agenzie di salute pubblica, gli autori dello studio concludono.

Come il virus è arrivato negli Stati Uniti e l'Europa

Un volo nazionale cinese in Seattle da Wuhan, Cina il 15 gennaio ha stato bene al primo paziente negli Stati Uniti indicati per essere infettato con il coronavirus novello ed il primo per fare ordinare un genoma SARS-CoV-2. Questo paziente è stato designato “WA1.„ Non era a più successivamente fino sei settimane che parecchi casi supplementari sono stati individuati nello Stato del Washington.

“E mentre tutto che il tempo vada oltre, ognuno è nello scuro e nel domandarsi, “che cosa sta accadendo? “„ Worobey ha detto. “Speriamo siamo GIUSTI, speriamo che non ci siano altri casi e poi diventa chiaro, da un programma di campionatura virale della comunità notevole a Seattle, che ci sono più casi a Washington e sono geneticamente molto simili al virus di WA1.„

Worobey ed i suoi collaboratori hanno verificato l'ipotesi prevalente che suggeriscono che il paziente WA1 avesse stabilito un cluster della trasmissione che è andato inosservato per sei settimane.

Sebbene i genoma campionino a febbraio e marzo le similarità dell'azione con WA1, sono abbastanza differenti che l'idea di WA1 che stabilisce lo scoppio seguente è molto improbabile, essi hanno determinato. I risultati dei ricercatori indicano che il salto dalla Cina negli Stati Uniti probabilmente ha accaduto sopra o verso 1° febbraio invece.

I risultati egualmente mette per riposare la speculazione che questo scoppio, il cluster della trasmissione sostanziale più in anticipo negli Stati Uniti, può essere iniziato indirettamente da dispersione del virus dalla Cina a British Columbia, Canada, appena a nord dello Stato del Washington E poi si è sparso dal Canada negli Stati Uniti.

I genoma multipli SARS-CoV-2 pubblicati dal centro di controllo delle malattie di British Columbia sono sembrato essere ancestrali alle varianti virali campionate nello Stato del Washington, Suggerente forte un'origine canadese dell'epidemia degli Stati Uniti. Tuttavia, lo studio presente ha rivelato gli errori di ordinamento in quei genoma, così eliminando questo scenario.

Invece, il nuovo studio implica una sorgente dello scoppio degli Stati Uniti, destra della diretto-da-Cina intorno al tempo che l'amministrazione di Stati Uniti ha applicato un divieto di viaggio per i viaggiatori dalla Cina all'inizio di febbraio.

La nazionalità “del caso di indice analitico„ dello scoppio degli Stati Uniti non può essere conosciuta per sicuro perché decine di migliaia di cittadini degli Stati Uniti e di supporti di visto hanno viaggiato dalla Cina negli Stati Uniti anche dopo che il divieto ha entrato in vigore.

Un simile scenario traccia la prima introduzione conosciuta del coronavirus in Europa. Il 20 gennaio, un impiegato di una società automobilistica dell'offerta in Baviera, Germania, ha volato dentro per una riunione d'affari da Shanghai, Cina, portante unknowingly il virus, infine piombo ad un'infezione di 16 colleghe.

In quel caso, anche, una risposta impressionante della prova rapida e l'isolamento hanno impedito lo scoppio la diffusione affatto più ulteriormente, lo studio conclude. Il contrario alla speculazione, questo scoppio tedesco non era la sorgente dello scoppio in Italia del Nord che finalmente si è sparsa ampiamente attraverso Europa e finalmente a New York ed al resto degli Stati Uniti.

Gli autori egualmente indicano che questo itinerario di dispersione Cina--Italia-STATI UNITI ha bruciato leggermente più successivamente a febbraio i cluster della trasmissione sulla costa Est che il movimento Cina--STATI UNITI del virus che ha stabilito lo scoppio dello Stato del Washington. Il cluster della trasmissione di Washington egualmente retrodatava i piccoli cluster della trasmissione della comunità a febbraio nella California, rendentegi il più in anticipo dovunque in America settentrionale.

Impianti in anticipo di contenimento

Gli autori dicono gli interventi intensivi, comprendenti le prove, tracciato del contatto, misure di isolamento e un alto livello di conformità delle persone infettate, che hanno riferito i loro sintomi ai servizi sanitari e auto-hanno isolato tempestivamente, la Germania aiutata e l'area di Seattle contiene quegli scoppi a gennaio.

“Crediamo che quelle misure abbiano provocato una situazione dove le prime scintille potrebbero essere stampate con successo fuori, impedente ulteriore diffusione nella comunità,„ Worobey ha detto.

“Che cosa questo ci dice è che le misure contenute quei casi sono altamente efficaci e dovrebbero servire da cianografia per le risposte future alle malattie emergenti che hanno il potenziale di intensificare nelle pandemie mondiali.„

Per ricostruire lo spiegamento della pandemia, gli scienziati hanno eseguito i programmi informatici che hanno simulato con attenzione l'epidemiologia e l'evoluzione del virus, cioè come SARS-CoV-2 sparso col passare del tempo e mutato.

“Questo ha permesso che noi rifacessimo il nastro di come l'epidemia ha spiegato, continuamente e poi controlla gli scenari che emergono nelle simulazioni contro i reticoli vediamo in realtà,„ Worobey ha detto.

“Nel caso di Washington, possiamo chiedere, “che cosa se quel paziente WA1 che arrivasse il 15 gennaio negli Stati Uniti realmente iniziasse quello scoppio? “Bene, se facesse e voi rifare ripetutamente quell'epidemia e più e poi campionate i pazienti infettati da quell'epidemia ed evolvete il virus in quel modo, ottenete un reticolo che assomiglia a cui vediamo in realtà? E la risposta era nessuna,„ ha detto.

“Se seminate quello scoppio italiano iniziale con quello in Germania, vedete il reticolo che ottenete nei dati evolutivi? E la risposta, è ancora nessuna,„ ha detto.

“Rifacendo l'introduzione di SARS-CoV-2 negli Stati Uniti e nell'Europa con le simulazioni, abbiamo indicato che era molto improbabile che le introduzioni virali in primo luogo documentate in queste impostazioni locali piombo ai cluster produttivi della trasmissione,„ ha detto il co-author Joel Wertheim dell'università di California, San Diego.

“Le analisi epidemiologiche molecolari sono incredibilmente potenti per i reticoli rivelanti delle trasmissioni di SARS-CoV-2.„

Altri metodi poi si sono combinati con i dati dalle epidemie virtuali, rendendo risultati eccezionalmente dettagliati e quantitativi.

“Il fondamento alle scaffalature questo la nostra combinazione del nuovo strumento ha dettagliato le informazioni di cronologia di viaggio e il phylogenetics, che produce una specie di “albero genealogico„ di come i genoma differenti del virus campionati dalle persone infettate sono riferiti l'un l'altro,„ ha detto il co-author Marc Suchard dell'università di California, Los Angeles.

“Le ricostruzioni evolutive più accurate da questi strumenti forniscono una tappa critica per capire come SARS-CoV-2 si è sparso globalmente in un tal periodo ridotto.„

“Dobbiamo tenere presente che abbiamo studiato soltanto l'evoluzione a breve termine di questo virus, in modo da non ha avuta molto tempo di accumulare molte mutazioni,„ ha detto il co-author Philippe Lemey dell'università di Lovanio, Belgio.

“Aggiunga a quella la campionatura irregolare dei genoma dalle parti differenti del mondo ed è evidente che ci sono vantaggi enormi da guadagnare dall'integrazione delle fonti di informazione varie, combinanti le ricostruzioni genomiche con gli approcci complementari come le registrazioni di volo ed il numero totale dei casi COVID-19 in varie regioni globali a gennaio e febbraio.„

“La nostra ricerca indica che quando fate bene l'intervento e la rilevazione iniziali, può avere un impatto massiccio, sia sull'impedire le pandemie che gestendole una volta che progrediscono,„ Worobey ha detto.

“Mentre l'epidemia finalmente franata da parte a parte, là era vittorie iniziali che ci mostrano il modo in avanti: La prova e l'identificazione complete di caso sono armi potenti.„

Source:
Journal reference:

`Worobey, M., et al. (2020) The emergence of SARS-CoV-2 in Europe and North America. Science. doi.org/10.1126/science.abc8169.