Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

MRI cardiaco efficace nell'identificazione dell'infiammazione del muscolo di cuore in atleti

Un MRI cardiaco è efficace nell'identificazione dell'infiammazione del muscolo di cuore in atleti e può contribuire a determinare quando coloro che ha recuperato da COVID-19 possono ritornare sicuro per giocare negli sport non Xerox, secondo un nuovo studio dai ricercatori al centro medico di Wexner di Ohio State University. La ricerca è pubblicata online in cardiologia di JAMA.

I ricercatori dello stato dell'Ohio hanno esaminato il maschio positivo 26 COVID-19 e gli atleti non Xerox femminili dell'istituto universitario per i segni della miocardite, una malattia rara che può causare l'infarto e la morte cardiaca improvvisa. La maggior parte dei casi della miocardite, che è causata solitamente tramite un'infezione virale, accadono in giovani adulti con i maschi hanno pregiudicato più delle femmine. Gli studi recenti hanno indicato l'infiammazione del miocardio in pazienti che hanno recuperato da COVID-19. Dodici degli atleti studiati dai ricercatori dello stato dell'Ohio hanno riferito che i sintomi delicati di COVID-19 e del resto erano asintomatici.

I protocolli recentemente pubblicati raccomandano l'uso di una combinazione di esame clinico, di ecocardiogramma (un ultrasuono), di elettrocardiogramma (registrazioni un battito cardiaco) e di analisi del sangue aiutare con la diagnosi della miocardite in atleti prima di rendimento a gioco non Xerox. I ricercatori dello stato dell'Ohio hanno usato tutto questi metodi come pure imaging a risonanza magnetica cardiaco (CMR), che hanno trovato per essere efficaci nell'identificazione dell'infiammazione del miocardio non presa con altri metodi.

Ciò è il primo studio per studiare sistematicamente l'uso della rappresentazione di CMR in atleti non Xerox recuperati dall'infezione COVID-19. CMR ha il potenziale di identificare un gruppo ad alto rischio per i risultati avversi e può, d'importanza, rischio stratifica gli atleti per partecipazione sicura, poichè CMR che mappano le tecniche hanno un alto valore predittivo negativo per eliminare la miocardite.„

Dott. Saurabh Rajpal, cardiologo e assistente universitario nella divisione di medicina cardiovascolare all'istituto universitario di Ohio State University di medicina

Nello studio, quattro atleti (15%) sono stati indicati possibilmente per avere miocardite dai criteri di MRI. Oltre a questi quattro, otto altri hanno avuti prova del tessuto della cicatrice, suggerendo la lesione del miocardio priore o l'adattamento atletico normale del cuore.

“Non è conosciuto che cosa ha causato il tessuto della cicatrice in quegli otto, o se fosse collegato con avere COVID-19,„ Rajpal ha detto. “Ulteriormente, la rappresentazione di CMR ha eliminato la miocardite per tutti gli atleti senza prova di MRI di infiammazione, permettendoli di ritornare al gioco mette in mostra.„

La miocardite può accadere a chiunque, non appena atleti.

“Il pubblico dovrebbe essere informato di questi risultati e conoscere i sintomi della malattia di cuore con l'infezione COVID-19. Come la gente comincia a esercitarsi dopo il recupero dal virus, qualsiasi dolore toracico, la dispnea o i battimenti di cuore anormali dovrebbe essere valutato da un medico,„ ha detto il Dott. Curt Daniels, co-author, cardiologo e professore al centro medico di Wexner dello stato dell'Ohio.

Gli autori dello studio raccomandano la più ricerca sulla selezione di CMR, compreso seguiti a lungo termine con gli atleti e le popolazioni di controllo.