Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

La ricerca di segnalazione delle cellule suona gli allarmi sonori sopra un obiettivo emergente della droga di cancro

I ricercatori all'istituto di Babraham hanno usato la loro comprensione della segnalazione cellulare per evidenziare un trabocchetto in un trattamento emergente per cancro ed infiammazione. Un nuovo esame pubblicato appena nelle transazioni biochimiche della società riassume le conoscenze attuali dei ricercatori, che comprendono i dettagli della loro ricerca pubblicata all'inizio di quest'anno nelle comunicazioni della natura. La consapevolezza di sviluppo intorno a questi risultati impedirà lo sforzo sprecato e la risorsa che sono spesi su ulteriore ricerca di scoperta della droga per quanto riguarda questo obiettivo della droga dalle ditte farmaceutiche commerciali.

Lo studio della ricerca ha messo a fuoco su un obiettivo emergente della droga nel cancro e nell'infiammazione e sull'uso degli inibitori della piccolo-molecola sviluppare una nuova medicina di precisione - una che è abbinata ai pazienti ha basato su una comprensione genetica della loro malattia. In questo caso, i composti che sono studiati mirati a una proteina in questione nella segnalazione delle cellule hanno chiamato ERK5. ERK5 è conosciuto per svolgere un ruolo importante in alcune malattie, specialmente nell'infiammazione e nel cancro ed è pensato per promuovere la proliferazione delle cellule.

L'inibizione della questa proteina è una strategia attraente per sviluppare antinfiammatorio novello o la terapeutica anticancro ed il vario grande pharma hanno programmi di ricerca commerciali per esplorare questo per gli scopi terapeutici (per esempio, Bayer AG, Boehringer Ingelheim e AstraZeneca).

Mentre condurre la ricerca facendo uso di alcuni inibitori di potenziale ERK5, del gruppo di ricerca di DRS Pamela Lochhead e Simon Cook all'istituto di Babraham con i collaboratori all'università di Newcastle, dell'università di York nel Regno Unito e della facoltà di medicina di Harvard in U.S.A., ha notato un effetto insolito; gli inibitori hanno agito nel modo opposto a cui è stato preveduto ed hanno attivato ERK5 invece di blocco. Il gruppo ha applicato la loro conoscenza della via di segnalazione ERK5 per dividere la base molecolare di questa.

Come riassunto nel loro ultimo esame, il gruppo ha trovato che l'attivazione non intenzionale di ERK5 era dovuto la posizione obbligatoria degli inibitori. Gli inibitori ERK5 che limitano al dominio della chinasi della proteina piombo alla proteina che è mossa al nucleo delle cellule ed attivata.

Il blocco del ERK5 ha potenziale terapeutico, ma attivarlo potrebbe avere conseguenze indesiderabili in termini di crescita indesiderata stimolata delle cellule. Le simili osservazioni sono state vedute prima con una medicina di precisione sviluppata per trattare il melanoma (un modulo del cancro di interfaccia) dove ha causato involontario un altro tipo di cancro di interfaccia, carcinoma spinocellulare cutaneo.

Questi risultati della ricerca e comprensione migliore impediranno questa situazione che è ripetuta.

Era sorprendente che gli inibitori noi hanno verificato l'attivazione causata di ERK5, ma abbiamo saputo che risolvendo come questo è accaduto, avremmo potuti informare gli sforzi di scoperta della droga nello sviluppare le nuove, medicine più sicure„.

Dott. Pamela Lochhead, ricercatore postdottorale senior nel laboratorio del cuoco e primo autore sulla pubblicazione e sulla rassegna

Source:
Journal reference:

Lochhead, P., et al. (2020) Paradoxical activation of the protein kinase-transcription factor ERK5 by ERK5 kinase inhibitors. Nature Communications. doi.org/10.1038/s41467-020-15031-3.