Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Combinando nanotecnologia con l'immunoterapia per combattere cancro al seno metastatico micidiale

Un gruppo degli scienziati piombo da un ricercatore alla scuola di medicina di Case Western Reserve University sta avanzando a grandi passi combattere il cancro al seno metastatico micidiale combinando la nanotecnologia con l'immunoterapia.

Efstathios “Stathis„ Karathanasis, un professore associato di assistenza tecnica biomedica, sta dirigendo la tecnica novella--inviando le nanoparticelle nell'organismo per svegliarli i tumori “freddi„ in modo da può essere situato e neutralizzato dalle celle immuni. Il gruppo egualmente include i ricercatori dalla clinica e dalla Duke University di Cleveland.

La nanotecnologia manipola la materia al nanoscale--microscopicamente alle dimensioni misurate dai nanometri o dal un-bilionesimi di un metro--per creare le strutture, le unità ed i sistemi per medico ed altro usi.

Droghe di usi di immunoterapia per aiutare il sistema immunitario di un paziente a combattere cancro, rispetto a chemioterapia, che usa le droghe direttamente per uccidere le cellule tumorali, secondo l'istituto nazionale contro il cancro (NCI).

Il NSC recentemente ha assegnato un quinquennale, la concessione $3 milioni a Karathanasis ed il suo gruppo per continuare la loro ricerca, inizialmente sui modelli animali con un occhio verso le prove umane. Gran parte del fondamento dietro il progetto è descritto in un articolo pubblicato nella ricerca sul cancro, la Gazzetta ufficiale dell'Associazione per la ricerca sul cancro americana.

Crediamo che il nostro lavoro indichi che questa combinazione di nanotecnologia con immunoterapia del cancro comprende una promessa inerente trattare la maggior parte dei cancri metastatici dell'duro ossequio.

Il nostro lavoro è stato di progettare una nanoparticella che avvia un'attivazione delle celle dipresentazione nel tumore. In alcune settimane, il paziente può adattare le celle di T che riconoscono e combattono il cancro.„

Efstathios “Stathis„ Karathanasis, professore associato di assistenza tecnica biomedica

Problema metastatico del cancro

Il cancro al seno è la causa della morte secondo principale da cancro in donne negli Stati Uniti (dietro il cancro di interfaccia), mortali più di 42.000 all'anno; il cancro al seno metastatico causerà la vasta maggioranza di quelle morti. Cancro inoltre chiamato di stadio IV, è cancro al seno che si è sparso il più comunemente ad un'altra parte del corpo, il fegato, il cervello, le ossa, o i polmoni.

Le cellule tumorali metastatiche spesso sono considerate uccisori di azione furtiva, “bombe a orologeria di ticchettio che rimangono dormienti finché non emergano come tumori incurabili,„ Karathanasis ha detto.

Quello significa che uno degli aspetti più difficili di diagnostica e di cura del cancro al seno metastatico è che le celle non possono essere trovate spesso finché non sia troppo tardi per il riuscito trattamento.

“Stanno sedendo appena là, senza dividersi, o facendola così lentamente che non possono essere individuate o curate tramite alcuna terapia corrente,„ Karathanasis ha detto.

E l'immunoterapia, mentre offrire a malati di cancro la nuova speranza come la scienza continua a svilupparsi, è soltanto riuscito circa 20% del tempo.

“Quando l'immunoterapia funziona, è altamente efficace usando la nostra arma più potente, il nostro proprio sistema immunitario. Ma le cellule tumorali dirottano e reclutano le celle immuni locali in tumori che li rendono disfunzionali, purtroppo,„ Karathanasis ha detto. “Se non ci sono segnali di pericolo dall'organismo, il sistema immunitario non sa che c'è un nemico.„

Soluzione di nanotecnologia

Karathanasis, un ingegnere preparandosi chi ha cominciato a lavorare alle soluzioni di nanotecnologia ai problemi di salute circa due decadi fa, ha inventato un modo convincere il tumore a notificare il sistema immunitario innato dell'organismo--e gli altri interventi immunotherapeutic--della sua presenza.

Inizialmente, quando un tumore compare nell'organismo, le nostre celle immuni dovrebbero riconoscerla e spedire le celle per provare “ad uccidere il nemico„ ed egualmente “memorizzilo„, in modo da possono ritornare ed ucciderlo ancora nel caso della ricorrenza del tumore, Karathanasis ha detto.

Ma d'altra parte, il tumore si adatta ed essenzialmente va clandestino, reprimendo tutte le celle immuni, di modo che non può essere trovato tramite la sorveglianza standard del sistema immunitario.

Karathanasis ed il suo gruppo hanno costruito una nanoparticella “per avviare le celle dipresentazione nel tumore all'inizio che genera i segnali freschi,„ ha detto.

Il gruppo di ricerca egualmente include: William Schieman, il professor di Goodman-Blum nella ricerca sul cancro, riveste la scuola di medicina occidentale della riserva; Giglio Wang, personale del socio, istituto di ricerca di Li di Lerner della clinica di Cleveland; e Christopher Hoimes (scuola di medicina di Duke University).

“Stiamo catturando un tumore freddo e rendendogli “piccante„ ancora,„ Karathanasis ha detto. “Stiamo aprendo il sistema immunitario, che è stato represso dal tumore. Rigeneriamo il ciclo di immunità.„