Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Il nuovo nanomedicine è efficiente e meno aggressivo che la terapia convenzionale del carcinoma della prostata

Il carcinoma della prostata è il tipo più comune di cancro fra gli uomini europei; la sua incidenza sorpassa 100 casi per 100,000 persone. Ancora, è corrente la seconda causa comune della morte da cancro fra gli uomini.

I ricercatori dell'istituto della tecnologia chimica (ITQ), di un centro misto dell'università politecnica di Valencia (UPV) e del Consiglio nazionale delle ricerche spagnolo (CSIC) hanno sviluppato e brevettato un nuovo nanomedicine per la sui diagnosi e trattamento (sistema theranostic), in base all'uso delle nanoparticelle porose organiche chiamate COFs - strutture organiche covalenti - che corrispondono fuori ad essere più efficienti e meno aggressive che la chemioterapia convenzionale.

Con le interazioni specifiche dell'antigene-anticorpo, permette alla distruzione selettiva delle celle cancerogene nella ghiandola di prostata e nei linfonodi locali. È compresa da una nanoparticella di COF che contiene la molecola di un agente terapeutico - in questo caso docetaxel, la medicina più comunemente usata per curare carcinoma della prostata che è resistente a hormonotherapy -, da un anticorpo monoclonale anti-FOLH1, che interagisce selettivamente con i ricevitori della membrana FOLH1 delle celle di carcinoma della prostata e da un agente della rappresentazione, che è generalmente un radionuclide per tomografia a emissione di positroni, ANIMALE DOMESTICO.

amministrazione del Intra-tumore

Il protocollo dell'amministrazione di questo nanomedicine theranostic è egualmente innovatore, mentre è amministrato in un modo del intra-tumore, che limita il suo effetto sul resto dell'organismo, minimizzando gli effetti secondari di docetaxel: risolve le emissioni della tossicità generate tramite l'amministrazione endovenosa di docetaxel, di cui l'alta tossicità sistematica limita sia le dosi che la durata della terapia, che a sua volta fa diminuire significativamente il suo risparmio di temi antitumorale.

Con il nostro nanomedicine, la dose richiesta è più bassa di in chemioterapia convenzionale ed il suo effetto terapeutico è maggior. Negli studi in vitro sulle celle di carcinoma della prostata, il sistema è riuscito a migliorare l'attività antitumorale di docetaxel da un fattore di 15.„

Pablo Botella, scienziato, istituto di tecnologia chimica, Consiglio nazionale delle ricerche spagnolo (CSIC)

Altri vantaggi

Il sistema theranostic egualmente permette all'identificazione delle celle del tumore e della loro distruzione allo stesso tempo, che aiuta simultaneamente il video l'evoluzione del cancro e la specificità del trattamento.

Tutto questo è grazie possibili all'uso di una molecola che guide ai ricevitori specifici nelle celle del tumore e nella tecnica di rappresentazione dell'ANIMALE DOMESTICO, che le guide individuano il tessuto maligno nella prostata con accuratezza unicellulare, che facilita diagnosticare la malattia nelle sue prime fasi.

Ancora, il rilascio dell'agente terapeutico può essere riflesso per parecchie ore o i giorni come pure la nanoparticella usata, che è 100% organico ed anche completamente biodegradabile (a differenza di altre di una natura inorganica o ibrida), che facilita la sua disposizione completa.