Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

I ricercatori di WSU usano la soia per migliorare il trattamento postoperatorio del cancro di osso

I ricercatori negli ultimi anni hanno dimostrato le indennità-malattia di soia, colleganti il suo consumo al rischio diminuito di malattia cardiovascolare, l'obesità, il cancro e la salubrità migliore dell'osso.

Ora, i ricercatori di WSU stanno sperando di usare le indennità-malattia del legume popolare per migliorare il trattamento postoperatorio del cancro di osso.

Riferendo nel giornale, nell'acta Biomaterialia, nel dottorando Naboneeta Sarkar e nel professor Susmita Bose a scuola di WSU di organizzazione dei materiali e meccanica indicata che l'ad emissione lenta dei composti chimici a base di soia da un'impalcatura del tipo di osso 3D-printed ha provocato una riduzione in cellule tumorali di osso mentre accumulava le celle in buona salute e diminuendo l'infiammazione nociva.

Non c' è molta ricerca in questa area dei composti medicinali naturali in unità biomediche. Facendo uso di queste medicine naturali, una può fare una differenza alle sanità con effetti secondari molto minimi o nessun, sebbene una questione critica rimanga controllo di composizione.„

Il professor Susmita Bose, il banco di WSU di organizzazione dei materiali e meccanica

Sebbene raro, l'osteosarcoma si presenti il più spesso in bambini ed in giovani adulti. Malgrado gli avanzamenti medici, i pazienti con osteosarcoma ed il cancro di osso metastatico avvertono un tasso alto di ricorrenza e l'osteosarcoma è in secondo luogo causa principale della morte del cancro in bambini.

Il trattamento comprende la chirurgia per eliminare il tumore come pure la chemioterapia pre- e postoperatoria. Le ampie aree dell'osso devono essere eliminate e riparate ed i pazienti avvertono spesso una quantità significativa di infiammazione durante la ricostruzione dell'osso, che rallenta la guarigione. Dosi elevate di chemioterapia prima e dopo l'ambulatorio può anche avere effetti secondari nocivi.

I ricercatori vorrebbero sviluppare le opzioni più delicate del trattamento, particolarmente dopo chirurgia quando i pazienti stanno provando a recuperare da danno dell'osso nello stesso momento in cui stanno catturando le droghe dure per sopprimere la crescita del tumore. Il gruppo di Bose sta studiando l'assistenza tecnica del tessuto dell'osso come strategia alternativa per riparare l'osso, facendo uso dei principi di scienza dei materiali e delle tecniche di fabbricazione avanzate per sviluppare le efficaci unità biomediche.

Come componente di questo studio, i ricercatori hanno usato la stampa 3D per fare le impalcature paziente-specifiche e del tipo di osso che hanno incluso tre composti della soia e poi lentamente hanno scaricato i composti nei campioni che contengono il cancro di osso come pure le celle di osso in buona salute. La soia contiene gli isoflavoni, estrogeni impianto-derivati che sono stati indicati per impedire la crescita della cellula tumorale per molti tipi di cancri senza essere tossici alle celle normali. Gli isoflavoni egualmente sono stati indicati per migliorare la salubrità dell'osso e possibilmente per impedire l'osteoporosi.

Uno dei composti della soia ha causato un rapporto di riproduzione di 90% dell'attuabilità della cellula tumorale dell'osso nei loro campioni dopo il 11 giorno. Altri due composti della soia, nel frattempo, hanno migliorato significativamente la crescita delle celle di osso in buona salute. Ancora, facendo uso dei composti della soia nei modelli animali egualmente ha diminuito l'infiammazione, in grado di avvantaggiare la salubrità dell'osso come pure il ripristino globale.

“Questi risultati avanzano la nostra comprensione nella fornitura degli approcci terapeutici nel usando gli innesti sintetici dell'osso come vettore della droga,„ Bose ha detto.

I ricercatori stanno continuando il campo di ricerca unico, studiante le vie specifiche dell'espressione genetica dei composti naturali e dei vantaggi di integrazione loro nella tecnologia biomedica. Gli studi a lungo termine più dettagliati sono necessari, facendo uso di ricerca animale come pure di altre celle maligne, ha detto.

Source:
Journal reference:

Sarkar, N & Bose, S (2020) Controlled release of soy isoflavones from multifunctional 3D printed bone tissue engineering scaffolds. Acta Biomaterialia. doi.org/10.1016/j.actbio.2020.07.006.