Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Professore di Johns Hopkins per studiare come il clima e gli elementi ambientali influenzano la diffusione di COVID-19

Ben Zaitchik, un professore di terra e di scienze planetarie alla Johns Hopkins University, è a disposizione per parlare con i media della ricerca vigorosa ancora stata necessaria definitivo per determinare se e come gli elementi ambientali e meteorologici di clima, influenzano la diffusione di COVID-19.

Zaitchik piombo una forza convenzionale internazionale dell'organizzazione meteorologica di mondo sviluppare i best practice per la produzione delle valutazioni accurate sull'impatto potenziale di tempo sulla malattia. Egualmente sta lavorando alle scienze applicate di una NASA aggetta studiare il collegamento possibile.

“C'è sia un bisogno urgente che un'opportunità unica di tenere la carreggiata e caratterizzare la sensibilità della trasmissione di malattia alle condizioni climatiche di sfondo ed ai fattori stagionali,„ indica un riassunto degli sforzi della NASA di Zaitchik. Le domande circa le differenze stagionali della trasmissione e della variabilità attraverso le zone climatiche “già molto sono dibattute e sono altamente incerte.„

Ci sono ragioni di prevedere che la trasmissione di una malattia virale respiratoria come COVID-19 potrebbe aumentare nelle condizioni asciutte più fredde e dell'inverno, ma in questa fase provano su questo punto sono misti.„

Ben Zaitchik, il professor, dipartimento di terra e scienze planetarie, Johns Hopkins University

Molti studi che hanno concluso il freddo stimoleranno un'altra onda principale della C " OVID-19 che questo inverno ha cominciato ad influenzare le polizze pandemiche di risposta dai governi intorno al mondo, malgrado la mancanza di dati sufficienti e di conferma pari-esaminata.

L'emissione si è sviluppata così inquietante che il WMO ha tenuto un simposio di tre giorni circa l'argomento ed ha pubblicato un'istruzione che ha compreso un avviso ai leader mondiali che tali dichiarazioni definitive di un collegamento fra il clima e COVID-19 sono premature.

“Le pubblicazioni pari-esaminate correnti sul virus SARS-CoV-2 e sulla malattia COVID-19 non mostrano un robusto e risposta coerente alla temperatura, all'umidità, al vento, alla radiazione solare, né ad altri driver meteorologici ed ambientali proposti,„ legga un'istruzione di WMO.

“I decisori dovrebbero essere attenti non dipendere dai documenti pre-esaminati o dai risultati di singoli studi. Tutti gli studi dovrebbero essere comunicati con attenzione e nel contesto, per evitare l'interpretazione errata e l'uso improprio di informazioni.„

Zaitchik ha detto che la forza convenzionale di WMO sta lavorando per sviluppare gli standard per i migliori modi i ricercatori dovrebbero misurare le influenze complesse del clima, il tempo ed i fattori ambientali su COVID-19. La forza convenzionale egualmente lavorerà per formare le associazioni per dividere e discutere le comprensioni che a carattere scientifico e per distribuirle di conseguenza ai responsabili politici intorno al mondo.

“Una delle prime cose che faremo è di pubblicare un'istruzione circa cui cattura per fare un buon studio,„ lui ha detto.