Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

I ricercatori scoprono come l'acetato della vitamina E potrebbe provocare ferite del polmone in vapers

la E-sigaretta, o vaping, lesione di polmone associata (EVALI) ha nauseato migliaia di gente, la maggior parte sotto l'età di 35. Gli studi hanno collegato l'acetato della vitamina E, una sostanza oleosa in alcuni liquidi vaping, al disordine. Ora, i ricercatori che riferiscono nella ricerca chimica di ACS in tossicologia hanno scoperto un meccanismo possibile: L'acetato della vitamina E ha potuto aumentare la fluidità del tensioattivo del polmone, inducendo il livello del tensioattivo a sprofondare, contribuendo ai sintomi quali dispnea ed infiammazione del polmone.

I polmoni si compongono degli alveoli, che sono intercapedini minuscole in cui lo scambio di gas ha luogo. L'ossigeno che è inspirato si diffonde attraverso la membrana alveolare e nei capillari, mentre l'anidride carbonica passa nella direzione opposta da esalare. Il tensioattivo del polmone, un liquido ha composto dei lipidi e le proteine, ricopre la superficie interna degli alveoli, diminuente la tensione superficiale in moda da potere gonfiare facilmente gli alveoli quando qualcuno inala.

Gli scienziati ancora non sanno esattamente il livello del tensioattivo si espande e si contrae quando una persona inspira e fuori, ma un'ipotesi è che determinati lipidi ottengono “schiacciati fuori„ o espulso quando gli alveoli si contraggono e poi si spargono attraverso la superficie ancora quando gli alveoli si espandono. Ha ritirato Marquardt ed i colleghi si sono domandati come l'acetato della vitamina E, che è stato trovato nei polmoni della maggior parte dei pazienti di EVALI ma non nei comandi sani, potrebbe influenzare questo trattamento.

Per scoprire, i ricercatori hanno aggiunto gli importi aumentanti dell'acetato della vitamina E a due tensioattivi di modello del polmone in laboratorio: uno che contengono soltanto il lipido DPPC (la componente primaria del tensioattivo del polmone) e l'altro che contiene una miscela dei quattro lipidi principali nel liquido. Facendo uso di una combinazione di eco della rotazione del neutrone e di diffusione di neutroni di piccolo-angolo, il gruppo ha trovato quello la fluidità e compressibilità aumentanti della membrana aumentate concentrazione dell'acetato della vitamina E per entrambi i tensioattivi di modello, fino ad un plateau.

Questi risultati suggeriscono che, in presenza dell'additivo vaping, lo strato monomolecolare del tensioattivo del polmone potrebbe “schiacciare prematuramente fuori„ i lipidi durante l'esalazione, quindi diventante instabile. Tuttavia, i ricercatori notano che questi esperimenti sono stati eseguiti in un sistema-modello senza componenti proteiche o alveoli, in modo da più del lavoro necessità ancora di essere fatto.

Source:
Journal reference:

DiPasquale, M., et al. (2020) A Mechanical Mechanism for Vitamin E Acetate in E-cigarette/Vaping-Associated Lung Injury. Chemical Research in Toxicology. doi.org/10.1021/acs.chemrestox.0c00212.