Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

L'immunoterapia estende la sopravvivenza in pazienti con il cancro di vescica avanzato

Una droga di immunoterapia chiamata “avelumab„ è stata indicata per migliorare significativamente la sopravvivenza in pazienti con il tipo più comune di cancro di vescica, secondo i risultati da un test clinico di fase III piombo dal centro dell'università di Londra di Queen Mary e del Cancro di Barts, il Regno Unito.

Ciò è la prima volta una terapia immune ha provocato un vantaggio di sopravvivenza in questa regolazione nel cancro di vescica e potenzialmente avvantaggierà migliaia di pazienti ogni anno.

I risultati sono stati pubblicati in New England Journal di medicina ed hanno trovato che il avelumab piombo ad una riduzione di 31 per cento del rischio di morte del cancro di vescica ed ha prorogato la sopravvivenza mediana nel cancro di vescica avanzato di più di sette mesi.

Circa 550.000 nuovi casi del cancro di vescica sono diagnosticati ogni anno (10.200 di cui sono nel Regno Unito), rendendo il decimo cancro più comune mondiale. Questa prova messa a fuoco sul gruppo di questi pazienti di cui il cancro si era sparso oltre la vescica (avanzata o metta in scena la malattia 4), che è difficile da trattare e provoca più di 200.000 morti ogni anno universalmente.

La chemioterapia è il livello di cura iniziale corrente nel trattamento di questi cancri avanzati. Dopo che la chemioterapia è rifinita, i pazienti sono controllati regolarmente perché il cancro tende a ritornare rapidamente. Quando lo restituisce è difficile da trattare ed i risultati sono poveri.

La prova globale di fase III, nominata vescica 100 di JAVELIN e costituita un fondo per da Pfizer e da Merck KGaA Darmstadt, Germania, valutata l'efficacia della droga “avelumab„ di immunoterapia in pazienti con carcinoma urothelial localmente avanzato o metastatico, di cui la malattia non aveva progredito dopo la chemioterapia.

Complessivamente 700 pazienti oltre da 200 siti intorno al mondo poi sono stati definiti a due gruppi del trattamento dopo il completamento della chemioterapia - un gruppo che riceve il controllo regolare (cura standard) da sè ed all'altro avelumab di ricezione oltre alla cura standard.

Il trattamento con avelumab ha provocato una riduzione di 31 per cento del rischio di morte e di una sopravvivenza globale mediana di 21,4 mesi rispetto a 14,3 mesi in pazienti che non hanno ricevuto la droga. Gli effetti secondari erano in conformità con le aspettative con la terapia immune e 11 per cento dei pazienti ha fermato il avelumab dovuto i problemi del trattamento.

Ciò è la prima volta che un test clinico immune di terapia ha indicato un vantaggio di sopravvivenza per la terapia prima linea nel cancro di vescica metastatico.

Abbiamo veduto una riduzione significativa del rischio di morte e un vantaggio globale significativo di sopravvivenza con avelumab, che sottolinea il potenziale affinchè questa immunoterapia pratica-cambiasse per i pazienti. Ciò evidenzia i vantaggi potenziali di un approccio di manutenzione con avelumab in pazienti per prolungare le loro vite che seguono la chemioterapia.„

Thomas Powles, cavo di studio, il professor di oncologia urogenitale all'università di Londra di Queen Mary e Direttore del centro del Cancro di Barts, fiducia di NHS di salubrità di Barts

Nel Regno Unito, uno schema iniziale della medicina di accesso (EAMS) per avelumab è un'opzione per i malati di cancro della vescica che hanno tratto giovamento dalla chemioterapia, coerente con i criteri di prova della vescica del giavellotto. Avelumab ora sarà disponibile nel Regno Unito pazienti urothelial avanzati/metastatici di carcinoma con lo schema di EAMS.

Negli Stati Uniti, Food and Drug Administration (FDA) ha approvato il avelumab per il trattamento di mantenimento dei pazienti con carcinoma urothelial localmente avanzato o metastatico che non ha progredito nella chemioterapia platino-contenente prima linea basata sui risultati della vescica 100 del GIAVELLOTTO.

Avelumab è un tipo di immunoterapia, conosciuto come un inibitore del controllo, che blocca una proteina chiamata PD-L1 sulla superficie delle cellule tumorali. Quando PD-L1 è attivo aiuta i cancri per nascondersi dal sistema immunitario. Bloccando PD-L1 il sistema immunitario lo trova più facile identificare ed uccidere il cancro.

Source:
Journal reference:

Powles, T., et al. (2020) Avelumab Maintenance Therapy for Advanced or Metastatic Urothelial Carcinoma. New England Journal of Medicine. doi.org/10.1056/NEJMoa2002788.