Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Lo studio suggerisce che le e-sigarette stiano contribuendo per diminuire fumare la prevalenza

La gente che fuma sempre più sta usando le e-sigarette per provare a terminare fumare, uno studio dai ricercatori all'università di Otago, Wellington, ha trovato.

I ricercatori hanno trovato quello fra 2016 e 2018 il livello di consapevolezza come pure l'uso delle e-sigarette, aumentato fra i fumatori e coloro che recentemente aveva terminato il fumo.

Il ricercatore principale dello studio, il professor Richard Edwards dal ministero dell'università della salute pubblica, dice che uso della e-sigaretta era più comune fra quelle di 18-24 anni e fra coloro che recentemente aveva terminato il fumo.

La ricerca fa parte del braccio della Nuova Zelanda del progetto internazionale di valutazione di polizza di controllo del tabacco (ITC) e le indagini in questione con 1,155 persone fra 2016 e 2017 e 1,020 persone nel 2018 (400 di loro Māori) chi ha fumato o recentemente aveva terminato il fumo.

Ai partecipanti sono stati reclutati dall'indagine di salubrità della Nuova Zelanda del nazionale-rappresentante e sono stati interrogati riguardo alla loro consapevolezza ed uso delle e-sigarette, ragioni uso e credenze riferite.

Lo studio, costituito un fondo per dal consiglio della ricerca di salubrità, fornisce la descrizione più approfondita dei reticoli di uso vaping fra i fumatori della Nuova Zelanda dai dati basati sulla popolazione.

L'indagine 2018 ha trovato là per essere un'alta consapevolezza delle unità vaping, con 98 per cento dei fumatori e vigliacchi recenti dicendo che erano informati delle e-sigarette. Settantasette per cento dei dichiaranti hanno riferito la prova vaping, mentre 22 per cento hanno riferito corrente facendo uso delle e-sigarette almeno mensili e di 11 per cento riferito facendo uso di loro quotidiano.

Il professor Edwards dice che l'uso era generalmente simile fra Māori ed i partecipanti non-Māori. L'uso quotidiano era più grande fra i vigliacchi recenti (23 per cento) confrontati ai fumatori correnti (otto per cento) e fra 18-24 anni (19 per cento) ha confrontato alle più vecchie fasce d'età (10 per cento). Le ragioni più comuni date per usando le e-sigarette erano di aiutare terminato (78 per cento) o di ridurre il fumo (81 per cento).

Il professor Edwards dice che i risultati di indagine stanno promettendo, specialmente i risultati che l'uso è più comune fra i vigliacchi recenti e che una proporzione elevata degli utenti regolari sta usando le e-sigarette per terminare fumare.

“Questo suggerisce che le e-sigarette stiano contribuendo alla diminuzione fumando la prevalenza ed a raggiungere lo scopo di Aotearoa che diventa da ora al 2025 senza fumo.

“Tuttavia, è di preoccupazione che quell'uso della e-sigaretta è più prevalente fra 18-24 anni. Se le e-sigarette sono di dare un contributo sostanziale a diminuire il fumo, il loro uso deve essere maggior fra le più vecchie fasce d'età.„

Mentre la ricerca mostra più gente sta usando le e-sigarette per terminare fumare, più fumatori riferiti facendo uso delle e-sigarette su una base di prova, piuttosto che regolarmente, che suggerisce ci potrebbero essere barriere ad uso più continuo, lui dice.

“Le barriere potenziali più comuni identificate erano che 68 per cento di vaping pensato partecipanti erano meno soddisfacenti che fumare e 39 per cento hanno creduto in modo errato che le e-sigarette fossero come o più nocive di sigarette di fumo, o erano incerti (15 per cento).„

Dice che tali credenze sottolineano l'importanza di istruzione pubblica, quale attraverso il sito Web di fatti di Vaping.

“Questo potrebbe informare i fumatori circa i costi e la dannosità relativi di fumo e le e-sigarette per incoraggiare la gente che fuma per terminare o passare completamente a vaping ed incoraggia la gente che fuma per visualizzare i rivenditori specializzati per ottenere il parere di un esperto circa i migliori prodotti vaping per loro.„

La motivazione più comune per usando le e-sigarette era di risparmiare la moneta confrontata al fumo, suggerente che quello facendo uso del sistema fiscale tenere il prezzo delle sigarette elevato riguardante vaping potesse motivare più fumatori per terminare.

Il professor Edwards avverte che la Nuova Zelanda è improbabile da raggiungere il suo scopo di diventare senza fumo da ora al 2025, specialmente relativamente a Māori ed alla gente pacifica, con molto più atto stato necessario.

le E-sigarette stanno dando un contributo utile, ma molto più è necessarie ottenere ad un Aotearoa senza fumo per tutti i neozelandesi. Una strategia completa è necessaria che rende a prodotti del tabacco affumicati meno appello, inducente al vizio ed accessibile per complementare l'impatto dei prodotti alternativi come le e-sigarette nella diminuzione fumando la prevalenza.„

Il professor Richard Edwards, università di Otago

Source:
Journal reference:

Edwards, R., et al. (2020) Patterns of Use of Vaping Products among Smokers: Findings from the 2016–2018 International Tobacco Control (ITC) New Zealand Surveys. International Journal of Environmental Research and Public Health. doi.org/10.3390/ijerph17186629.