Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

La causa di cannabinoidi cambia nel cervello che quella piombo alle carenze nell'interazione sociale

Il sistema nervoso comprende i neuroni e le celle glial (glia significa “la colla„). I Astrocytes sono il più abbondante fra le celle glial. Fra molte altre funzioni decidono catturare il glucosio dalla circolazione sanguigna per fornire l'energia e permettere che l'attività di un neurone necessaria abbia luogo e così che assicurano che le funzioni conoscitive siano eseguite correttamente.

I neuroni per la loro attività del astrocyte di controllo della parte per mezzo di molecole presentano nei astrocytes, che includono i ricevitori di cannabinoido di tipo 1 (CB1). Tuttavia, questi ricevitori, che egualmente modulano la comunicazione fra i astrocytes ed i neuroni, costituiscono l'obiettivo principale della componente psicoattiva della cannabis, conosciuta come il ∆ di THC (delta-9-tetrahydrocannabinol).

Che cosa accade quando THC agisce sui astrocytes? La ricerca, a cui il gruppo del Dott. Pedro Grandes ha partecipato, conclude che l'attivazione dei ricevitori di cannabinoido CB1 nei mitocondri (organelli delle cellule responsabili della produzione dell'energia) dei astrocytes dei mouse ostacola il metabolismo di glucosio e la produzione del lattato nel cervello; ciò altera la funzione di un neurone e piombo ad un deterioramento nei comportamenti sociali di interazione.

L'attivazione di questi ricevitori induce i astrocytes a generare meno specie reattive dell'ossigeno, che ha un effetto negativo su produzione del glucosio dal lattato che piombo allo sforzo di un neurone e ad una mancanza di interazione sociale. Che cosa rende questa ricerca significativa è non solo l'identificazione di questa carenza, che può essere invertita con genetico e manipolazione farmacologica di questi molecolari e cambiamenti biochimici determinati dal trattamento di cannabinoido, ma anche il suo contributo a conoscenza concernente i cambiamenti causati dalla cannabis nel cervello„.

Dott. Pedro Grandes

La seguente gente ha partecipato a questo studio: Nagore Puente e Itziar Bonilla, Svein Achicallende e Pedro Grandes del dipartimento delle neuroscienze della facoltà di medicina e di professione d'infermiera al UPV/EHU-University del Paese Basco e dal centro basco di Achucarro per neuroscienza; hanno funzionato accanto ad un gruppo pluridisciplinare internazionale piombo dai ricercatori Juan P. Bolaños (università di Salamanca) e Giovanni Marsicano (NeuroCentre Magendie de Bordeaux, università di Bordeaux) con i ricercatori dall'università di Complutense di Madrid, dall'università di Poitiers e dall'università Parigi-Saclay (Francia), Université de Moncton ed università di Port Victoria (Canada), università di Losanna (Svizzera) ed il centro medico, Mainz (Germania), tra altri centri ed ospedali.

La collaborazione fra il gruppo di ricerca del Dott. Pedro Grandes ed il gruppo piombo dal Dott. Giovanni Marsicano dell'università di Bordeaux risultata per essere cruciale nella dimostrazione, per la prima volta, della presenza di ricevitori CB1 in mitocondri del neurone, di cui l'attivazione diminuisce l'attività mitocondriale che piombo alla perdita di memoria.

I risultati di questi studi sono stati pubblicati nel 2012 in neuroscienza della natura e nel 2016 in natura. Tuttavia, “che resta fare è scoprire la funzione dei ricevitori CB1 situati nei mitocondri del astrocyte ed ivi si trova il significato di questa nuova individuazione, che egualmente costituisce la continuità nella riga di frontiera di ricerca e di cooperazione„, il Dott. spiegato Grandes.

Source:
Journal reference:

Jimenez-Blasco, D., et al. (2020) Glucose metabolism links astroglial mitochondria to cannabinoid effects. Nature. doi.org/10.1038/s41586-020-2470-y.