Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

L'artrite reumatoide è associata a un aumentato rischio del diabete di sviluppo

Un nuovo studio presentato alla riunione annuale di quest'anno dell'associazione europea per lo studio sul diabete (EASD), tenuto online questo anno, indica che l'artrite reumatoide (RA) è associata con un rischio aumentato 23% di diabete di tipo 2 (T2D) e può indicare che entrambe le malattie sono collegate alla risposta infiammatoria dell'organismo. La ricerca è stata condotta dal tian di Zixing e dal Dott. Adrian Heald, università di Manchester, Regno Unito e colleghi.

L'infiammazione è emerso come fattore chiave nell'inizio e nella progressione di T2D ed il RA è una malattia autoimmune ed infiammatoria. Il gruppo suggerisce che l'infiammazione sistematica connessa con RA potrebbe quindi contribuire al rischio di diabete di sviluppo determinato in futuro.

Il gruppo ha condotto una ricerca completa di un intervallo dei database medici e scientifici fino al 10 marzo 2020, per gli studi di gruppo che paragonano l'incidenza di T2D fra la gente al RA al rischio del diabete all'interno della popolazione in genere.

Le analisi statistiche sono state eseguite per calcolare i rischi relativi come pure per provare a tendenziosità possibile della pubblicazione (in cui il risultato della ricerca influenza la decisione se pubblicarla o non). Gli studi ammissibili identificati hanno compreso complessivamente 1.629.854 partecipanti. La maggior parte degli studi erano basati sulla popolazione ed uno era basato a ospedale, mentre nessuna prova è stata trovata per tendenziosità della pubblicazione in qualsiasi di loro.

Gli autori hanno trovato che quello che ha RA è stato associato con una probabilità più alta 23% di sviluppare T2D, confrontata al rischio del diabete all'interno della popolazione in genere. Concludono quello: “Questo che trova supporta la nozione che le vie infiammatorie sono comprese nella patogenesi del diabete.„

Suggeriamo che la selezione e la gestione più intensive dei fattori di rischio del diabete dovrebbero essere considerate nella gente con l'artrite reumatoide. Gli agenti che diminuiscono i livelli infiammatori sistematici dell'indicatore possono avere un ruolo nell'impedire il diabete di tipo 2. Ciò può comprendere mettere a fuoco su più di una via per volta.„

Ricercatori